Winzozz Story

©® Microsoft Corporation

Nasco e cresco come utente informatica in “ambiente Winzozz” (perchè le debolissime esperienze fatte a scuola – di cui ricordo vagamente una specie di triangolino nomato “tartaruga” che faceva dannar l’anima per disegnare a video un quadrato che a mano avrei fatto in 3 secondi – non riesco a considerarle granchè…), pur avendo sempre avuto la curiosità di provare altri sistemi operativi: prima o poi un PC con Linux bisogna che trovi il modo di installarlo e almeno provarlo (da ormai un anno c’è di là il mio vecchio “cassone”, che con una buona ripulita funzionerebbe ancora…), e se finora i miei contatti con il Mac sono limitati al numero di uno (credo una decina di anni fa in fiera a Bologna…) è solo perchè il primo utente Mac che conosco vive a 700 km da qui…

Comunque: il primo Winzozz con cui ho avuto a che fare, nel 1999, è stato un NT. Tra l’altro, in inglese… nulla di strano, l’inglese lo conosco. Quello che non conoscevo all’epoca era il PC! Dico solo questa (così mi ridete dietro): ho dovuto chiedere per poter accedere alla schermata di inserimento della password, perchè a video veniva fuori che dovevo premere “CTRL+ALT+DEL”… ma io avendo tastiera italiana non trovavo sto cavolo di “DEL” da nessun canto!! Compatitemi pure: ma sappiate che di informatica ne sapevo così tanta che i primi giorni me ne andavo spegnendo solo il monitor (perchè avevo paura che spegnendo il PC avrei causato chissà che danni) e che mi sono attentata ad usare il “tastino con la barretta” (il primo dei soliti tre in alto a sinistra, sì, quello là dalle parti del tasto con la “X”) solo dopo aver saputo dal Consorte che non avrei causato l’esplosione di alcun componente, ma solo l’abbassamento della finestra. Che dannazione pretendete, da una che ha imparato ad usare il mouse solo per salvare la pelle al suo personaggio di Diablo???

Fortunatamente quello era solo un PC provvisorio per i miei primi giorni, dopo me ne fu assegnato uno con Winzozz 95… in italiano! E insomma, rispetto al non so cosa dotato di monitor “a fosfori verdi” (o bianchi, per chi riusciva ad accaparrarsi i computer “sboroni” della sala di informatica) che avevo usato in precedenza a scuola, era un bel passo avanti. Intanto, aveva i colori.

Il primo PC che ho avuto a casa, invece, aveva installato su Winzozz 98. Lo ho adorato! Ora, non ricordo esattamente perchè, però so che rispetto al 95 mi sembrava un balzo in avanti. Per dirla tutta, credo che i motivi principali fossero lo screensaver con l’acquario e la possibilità di impostare i “Temi del desktop”… 😛

Quando ormai pensavo che sarebbe rimasto il mio unico “buco” nella dinastia Winzozz, nel 2003 (sisì, letto bene! 2003) ho avuto modo di vedere in opera (o meglio, di vedere arrancare) un Winzozz 3.1. Che dire: c’è chi è appassionato di quadri antichi, c’è chi pensa che anche un PC antico possa funzionare (certo, come no… convertendo ogni volta i file di Word da utilizzare in maniera che anche il rudere riuscisse a capire cosa fossero…). Ammetto che è stato un po’ un trauma vedere quali erano le differenze (epocali!) rispetto anche solo al 95, e che soprattutto è stato un sollievo non essere io la vittima designata per utilizzare quel residuato bellico (sollievo relativo, perchè la vittima, diosaperchè, veniva a chiedere a me quando si trovava impantanata… del resto, chi aveva avuto l’idea di riesumare la mummia era il suo boss, e non le sembrava carino andare a rompere le balle a lui 10 volte al giorno. Io non la rimandavo dal colpevole solo perchè sapevo che l’essere in questione di PC ne capiva ancora meno del mio gatto…)!

E’ poi arrivato il turno di Winzozz 2000: per certi versi più spartano e più simile al vecchio NT, però aveva un pregio: era un panzer. Se qualcosa si inchiodava, si riusciva a killare la “scheggia impazzita” e a riprendere il lavoro… senza dover essere costretti a spegnere tutto alla boia come invece capitava spessissimo prima. E anche la percentuale di “schermate blu” che venivano fuori era decisamente inferiore a prima…

Winzozz XP, invece, l’ho affrontato prima con un po’ di scettismo (c’erano parecchie cose impostate in maniera diversa che richiedevano un minimo di elasticità mentale con cui entrare nel meccanismo), mentre invece poi mi ha conquistata: carino da matti, univa il “kawai” del 98 alla precisione “tedesca” del 2000 nell’affrontare i casini.

Winzozz ME non l’ho visto manco di striscio. Insomma, quando chi si è attentato a provarlo ne parla confidenzialmente come di Winzozz MErda o come di Winzozz Minchion Edition non è che ti viene tutta sta voglia di vederlo alla prova sul tuo hard disk. Stesso discorso per Winzozz Vista, chiamato dai più ottimisti Winzozz Vista Sul Mare e dai più realisti Winzozz (S)Vista: una di quelle cose per cui ti trovi a giurare al tuo PC, croce sul cuore, “Tranquillo, non lascerò che si avvicini a te!!”. E poi, voglio dire: quanto esce fuori l’opzione per “downgradare” un sistema operativo per portarlo a quello precedente (XP), il dubbio che anche i programmatori si siano accorti di aver “fatto la ca77ata” diventa ben fondato, eh?

E poi, il capitolo finale (beh, per ora): Winzozz 7. Che, ohi (forse perchè ho saltato il capitolo (s)Vista), mi ha richiesto di nuovo un po’ di elasticità mentale per ritrovarmici con tutti i cambiamenti, ma una volta entrati nell’ordine di idee (e assodato che ogni due per tre rompe i coglioni perchè qualcosa ha bisogno dei permessi dell’amministratore)… osta se è caruccio!

C’è da dire che il livello di carineria aumenta se si ha l’accortezza di eliminare gli aggiornamenti automatici… cosa che da brava idiota io sul portatile non avevo fatto! Questi maledetti hanno la bella abitudine (se non li si irreggimenta in qualche modo) di scaricarsi da soli… e di volersi installare al primo spegnimento. Ora, se io voglio spegnere il PC, sarà poi perchè ho bisogno di fare altro. Tipo andare a lavoro, o magari dormire, come l’altra sera che era mezzanotte e il giorno dopo si lavorava pure. E invece no: l’idea del portatile è stata di iniziare l’installazione dell’aggiornamento 1 di 45… mortacci sua! Fosse stato il PC fisso, spegnevo il monitor e gli auguravo buon lavoro sperando di trovarlo spento la mattina dopo. Ma mi spiegate come si fa a lasciare un portatile acceso incustodito con n.2 (DUE) delinquenti feline in giro per casa??? Buona se la mattina trovate in giro i tasti necessari per scrivere “Game Ovèr” (<- Lo so che non si scrive così, ma non so voi, io di “e” semplici sulla tastiera ne ho solo una! :P).

Insomma, quei geniacci dei programmatori di Winzozz… non è che potevano trovare il modo di far scegliere all’utente se installare quei cavolo di  aggiornamenti a questo shutdown o al prossimo che faccia comodo???? Non credo che una finestrina di pop up (“Vuoi installare adesso gli aggiornamenti che ho scaricato testè senza dirti una sega, o ti devo ri-rompere i coglioni la prossima volta?”) da far magicamente comparire dopo aver cliccato su “arresta il sistema” sia poi questa richiesta impossibile…

Annunci

37 pensieri su “Winzozz Story

  1. ho cominciato col 3.1 perchè annegavo nella carta continuo ad annegarci. on vista non hai perso nulla il maleetto è sul pc della scuola, li mortacci sua! ho imparato ha usare il pc in un paio di ore e ci faccio pure il caffé uno dei complimenti che ho gradito di più è sto quello i un ex allievo oraing informatico che, dopo avergli spiegato come avevo forzato il mio vecchio blog kataweb imballato entrandoci dalla posta mi ha detto:che haker sarebbe lei!

    Mi piace

    • Quello che penso io riguardo al PC (teoria che mi viene confermata ad esempio da quello che racconti tu!) è che il modo migliore per imparare… è avere a disposizione un bel “carrarmato” e non avere paura di usarlo! 😉
      Nel senso di mettercisi davanti (vale anche per un nuovo programma) e iniziare a “spistolare” (<- termine tecnicissimo!)… ci vorrà un po', ma quello che si impara poi "rimane". A differenza di gente che ha fatto corsi e controcorsi e che appena si trova davanti una virgolina "differente" a ciò che le hanno insegnato si perde in un bicchier d'acqua..!

      Mi piace

  2. io non vi voglio raccontare che per far formattare al tecnico il mio portatile (il catputer per intenderci) recuperando i dati per un casino combinato, ho dovuto discutere perché NON volevo il vista anche se il pc era uscito vista di fabbrica ma subito da un amico tecnico ma lontano era stato messo un xp fantastico che non mi aveva mai dato problemi in 3 anni, mentre per colpa mia ora mi toccava formattare tutto?
    beh, 10 gg di lavoro, 70 euro spesi perché il tipo ha dovuto provare 7-9 licenze diverse di xp che fosse il più possibile compatibile col mio portatile che, da forum specialistici dell’asus, ha un baco con xp.
    penso che la prossima volta lo spedisco in puglia dall’amico: mi costa meno, la tempistica è più o meno la stessa ma il risultato è assicurato.
    io il vista o il 7 o come lo chiameranno in futuro non li voglio.

    io voglio un mac. punto.

    Mi piace

    • Se ti capita, approfitta del prossimo formattone (o del prossimo PC): di sicuro, con su XP, non conviene rifar tutto daccapo apposta!
      Sulle differenze non posso rispondere: come ho scritto (s)Vista non l’ho toccato nemmeno con un bastone… il 7 però ha, tra le altre cose, implementate alcune sciocchezzine che ho trovato carine da subito (un programmino per catturare le immagini dello schermo, e un altro che fa le veci dei post-it cartacei).

      Mi piace

  3. Devo dire che sono di parte, sono una fan di Linux perchè ha centinaia di cose che Windows vede lontano con il binocolo, e solo adesso ha iniziato a copiare (le bellezze di win7 che tu decanti ce le abbiamo da anni su Linux 🙂 ), però ti cosiglio di provarlo, non è difficile: oggi ho reinstallato la nuova versione, si può anche solo provarlo senza doverlo installare. Se ti interessa chiedimi pure, anche su Facebook 🙂

    Mi piace

    • Guarda, se riesco ad uscire dal marasma delle ultime settimane un pensierino ce lo faccio volentieri! 🙂
      Ce l’avevo già fatto anche tempo fa, ma mi sono arenata davanti alle millemila versioni di Linux disponibili… non riuscivo a capire quale potesse essere quella “for dummies” che facesse a caso mio! 😛

      Mi piace

      • Sono qui :). Mi sembra di essere una di quelle tipe con la spillina nelle stazioni, del tipo “Vuoi usare Linux? Chiedimi come!” Comunque la versione for dummies è sempre l’ultima 😛
        Mi ricordo quando ho preso il mio primo scassone (Ambra, te ne avevo mai parlato??) e all’avvio mi diceva “premi la barra spaziatrice” e io in panico…. cosa diamine era la barra spaziatrice???? Che bei tempi… io avevo Windows 3.1!

        Mi piace

  4. Io sono un po’ vecchietta e il mio pc era un M24 con TXT e led verde fosforo!!!!!
    Non so cosa sia Winzozz (windows sporcaccione?) Ma poi ho seguito tutta la gamma dei Windows usciti 2.1. ecc….. idem per gli Office. Il Mac l’ho usato solo due volte a casa di mia cognata perchè lei ha solo quello…. non mi ci arrabatto assolutamente.
    Grazie per la visita
    Elisa

    Mi piace

    • “Winzozz” è solo una piccola presa in giro… anche se, col ’98 (non so se nelle versioni successive abbiano “corretto” sta cosa o semplicemente l’abbiano nascosta meglio), qualche dubbio sulla moralità del mio sistema operativo m’era venuto 😉
      Mi è capitato una volta facendo un po’ di manutenzione per liberare spazio: nelle cartelle “temporanee” di internet ho trovato cose da me mai viste prima (difatti ancora mi chiedo dove se le fosse trovate, date le pagine che avevo nella cronologia!!), ma abbastanza degne di un film di Rocco Siffredi… =__=
      PS. Grazie a te per essere passata di qui!! 🙂

      Mi piace

  5. Condivido il post, in pratica ho fatto più o meno il tuo stesso percorso fermandomi ad xp che uso tutt’ora.
    Nel portatile che comprerò a breve, proverò il “7” poi chissà …
    Magari potrei affiancargli sto linux che ha sempre incuriosito anche me.
    Ricordo che un gg un tale mi magnificò ubuntu “mai un crash, affidabilissimo” poi lo apre e me lo fa vedere.
    Ci credo, era spartano ai massimi, cosa poteva mai “crashare” ? non c’era praticamente niente ….
    Il Mac sarebbe bellissimo ma costa una cifra e alla fine invecchia (alla velocità della luce) come gli altri ;-))

    Mi piace

    • Grazie al cappero… anche il mio PC appena reinstallato con nulla sopra non si impalla!! In effetti non deve essere stata la dimostrazione più convincente della storia… 😀
      Confesso: nel periodo in cui venivano venduti con su (s)Vista, ho avuto un ottimo deterrente ad acquistare un portatile (per il PC fisso è un altro discorso: ho il Consorte che li monta pezzo per pezzo tipo Lego, il Sistema Operativo è la meno…)!

      Mi piace

  6. Ma bene…un bel post sull’avventura “finestre”, eh?
    La mia epopea informatica e’ piuttosto arcaica…e parte quando ancora nei pc doveva essere “caricato” il DOS (con i “flopponi” da 5 pollici..) l’utenza “elite” aveva l’ Apple (piu’ per il costo che per le performanche…) e i ragazzi iniziavano a bazzicare con il basic (in settordici varianti diverse….).
    Un piccolo inciso: il nostro “amico” Finestra si e’ evoluto dal vecchio (ma, all’epoca straordinario) Workbench dell’ammiraglia Commodore (l’Amiga, per essere precisi….) conquistando pian piano anche il mondo dei pc ( che prima lo snobbavano….) ed “evolvendosi” nelle varie forme successive…fino a giungere a noi.
    Personalmente, oltre ai sistemi da te citati, ho “toccato con mano” anche il poco conosciuto “Finestre 2003 server” ma concordo sul giudizio da te dato agli altri! ^_^
    Un a tiratina d’orecchi ad alcuni pero’ debbo darla:
    premetto che NON vengo pagato dalla Microsoft od affiliate…ma, vorrei smettere di sentir parlare di “roba seria?” “uso Linux” oppure “ahh, il Mac è pro” perchè sono discorsi che non stanno da nessuna parte.(piano,piano..mettete giù quelle pietre..sto solo dicendo la mia! °_°)
    Ora mi spiego: dove sta questa fantomatica differenza tra “Finestre” ed il sistema operativo “FElino” del mac? Nei programmi…..punto.
    Spiegatemi perchè il Linux è meglio per i lavori SERI?
    Sempre il software fa la differenza…perchè nessuno venga adirmi che l’utente medio va a modificare il codice sorgente del “Pinguino” per adattarselo…naaa…..
    Di ogni sistema operativo esistono numerose versioni, ognuna con pregi e difetti..non importa quale utilizziate…UTILIZZATE semplicemente quella che vi permette di FARE quel che vi serve…e punto ^_^!
    (chiedo scusa per il tono un pò polemico..giornata storta…..)

    ps.Shunrei…l’OS con la tartaruga si chiama LOGO ^_^

    Mi piace

    • Tono polemico… non direi. Se non approfittiamo del web e dei commenti ad un blog per poter dire ognuno la sua opinione, vorrei sapere dove ormai si può fare! 😉
      Concordo comunque su una cosa: utilizzare quello con cui ognuno si trova meglio per le sue esigenze. Il concetto di migliore/peggiore in effetti può cambiare a seconda dell’utente (mentre è inutile affrontarlo se parliamo di utonti! 😀 )

      PS.: Grazie… il Logo l’avevo rimosso! Ora però mi chiedo quale fosse il fantomatico Lotus 123 che si aggira tra i miei ricordi… e che mi dava l’idea di essere una variante del giochino “123 stella”! 😛

      Mi piace

  7. Io ho iniziato col commodore 64: all’inizio ci giocavo solo, poi iniziai con qualche programmino, poi passai al mitico ms-dos, quello con la schermata nera che creava il panico. A casa di parenti imparai a usare il windows 3.1, nel 95 il primo pc a casa mia con windows 95, che all’epoca era una rivoluzione..Poi li ho visti tutti: 98, 2000, millennium, xp (che uso tutt’ora) e il 7, di cui ho provato una beta e a cui sono indeciso se passare o meno, attendo che si “stabilizzi” un pò e escano le versioni compatibili di molti programmi che uso. Vista l’ho evitato come la peste, e da tecnico informatico l’ho disinstallato da un centinaio di computer..

    Mi piace

    • Lo ammetto: ho i miei “programmini preferiti” e si tratta anche di un elenco abbastanza breve, quindi faccio poco testo.
      Più che altro, ho sempre proceduto senza cercare prima se una cosa fosse compatibile o meno: alla “io ci provo… se mi va bene, bene!”…
      Però, da un anno che uso 7, ce n’è stato solo uno che mi è risultato assolutamente incompatibile con questo S.O.: Microsoft Picture It! ’99.
      E, considerando che si trattava di un software con circa 13 anni sul groppone… beh, sì, forse era ora comunque di sostituirlo con una versione più recente!!

      Mi piace

  8. a sto punto dico la mia dopo giorni di ritardo: io sono un mac user (e anche un pò lover).

    perchè? perchè ero stufo di dover riavviare windows quando mi crashava photoshop.
    perchè ero stufo di dover installare duemila spyware e antivirus per evitare che mi si fottesse il pc.
    perchè per lavorare con immagini e illustrazioni ero stufo di dover fare mille passaggi per la calibrazione del colore.
    perchè per fare lavori “grossi” con photoshop e painter avevo bisogno di prestazioni della madonna su un pc, con rischio di crash annessi e perdita del lavoro (che ovviamente mi è successo). mentre per leopard è diverso, visto che a pari specifiche un mac rende di più.

    mi direte che ormai anche i mac montano intel, e che alla fine i componenti sono gli stessi. ed è vero.
    cambia il sistema operativo. che è più stabile, affidabile, e comodo (almeno per me, ma questo è soggettivo) di windows. cambia che non crasha mai (e io ci tiro parecchio…..) e che sono macchine che puoi usare per anni senza dover cambiare componenti o farci interventi. a mio parere, i soldi in più valgono la candela. vorrei poter dire lo stesso per lettori mp3 e telefoni e altri prodotti della apple, ma vabbè, nessuno è perfetto!

    poi, sta storia dei soldi…. un imac buono sta sui 1100 euro, compreso di schermo da 21″ e tutto il resto. non mi sembra una cifra inaffrontabile.

    nel caso non si fosse capito, io consiglio un mac per qualsiasi cosa. poi se uno vuole un pc solo per giocare e usare word allora tantovale windows, oppure una bella console.

    Mi piace

    • 1100€ non sono inarrivabili certamente, ma forse ci sono contingenze che hanno la precedenza se hai un mutuo/affitto, auto o figli.
      tu lo usi x lavoro x cui è scontato che lo compri assolutamente. con 1100€ riesci a comprar due pc (fisso o portatile che sia)…
      spero,prima o poi, di vederne uno sui mobili che sto x comprare. tutto quanto bianco, così si intonano meglio hahaha

      Mi piace

      • Che il Mac sia la scelta migliore per chi lavora con la grafica l’ho sentito dire da tutti quelli che conosco… che appunto lo usano per lavoro per questo genere di cose.
        Però, concordo con Sloggata… soprattutto se il computer lo si usa non per lavoro, ma soltanto come “PC di casa”, e quindi non ne deriva alcun guadagno.
        Il mio attuale computer (quad core, 4 Gb di RAM, ecc. ecc. … insomma, non a livello NASA ma nemmeno un catorcio) ci è costato 320 € IVA inclusa e manodopera esclusa (abbiamo comprato i vari pezzi e il Consorte ha assemblato il tutto), ovviamente ho riciclato monitor e periferiche esterne varie.
        Insomma: con il costo di un Mac, a casa mia di PC ce ne facciamo TRE! E non mi sembra poco… appunto considerando bollette, conti e mutui vari.

        Mi piace

        • eh, hai detto bene. riciclando le periferiche e tutto quanto. se devi comprare un monitor almeno altri 200 euro ti vanno via. e magari ti si fotte dopo pochi mesi. un portatile a 500 euro non lo raccomando a nessuno; o ci fai una manutenzione sfrenata (nel senso che ogni tanto TU STESSO lo apri e spolveri la ventola e cazzi vari, col rischio che magari scassi qualcosa, e dopo sono cazzi amari….) oppure è un pc che RARAMENTE dura anni senza doverlo portare a far aggiustare. senza contare i tempi delle riparazioni varie ed eventuali, che possono dilatarsi che manco la curva spazio tempo di battlestar galactica.

          e poi uno non necessariamente deve spendere 1100 euro per un imac, ci sono mac mini a circa 600 euro. a conti fatti io consiglierei sempre un mac. un pc costerà la metà, ma di solito dura di meno, e tra migliorie e riparazioni rischi di spendere quanto spenderesti per un buon mac.

          poi è anche vero che magari uno è un super smanettone allora riesce a risparmiare un casino di manodopera e riparazioni, in tal caso posso capire che preferisca mantenersi sul pc… ma non tutti sono nerds!

          Mi piace

          • Sentendo in giro per quali “problemoni” certi amici portano il PC in riparazione, quanto gli chiedono anche solo per “guardarci dentro” e per quanto tempo glielo tengono (magari solo per “guardarci dentro”)… credo che di sti tempi saper mettere le mani in un PC (anche a livello software, non solo hardware… MAI mi farei formattare e reinstallare tutto da qualcun altro, “ghe pensi mi”!!) non sia essere nerd: è solo pura salvaguardia del proprio conto corrente! 😉

            Mi piace

          • dipende che portatile prendi e da chi lo compri.
            io ho comprato 4 anni fa un asus tramite un amico pugliese informatico.
            l’ho pagato sui 500, l’ho fatto uscire da asus, fatto mandare in puglia da lui, mi ha tolto vista e messo un xp e poi me l’ha spedito a mari&monti.
            se non fosse che io l’anno scorso (quindi il portatile aveva 3 anni, senza un solo problema) per una stronzata con l’antivirus, spyware o che cos’ho cliccato, ho mandato in pappa tutto.
            il tecnico qui in zona se l’è tenuto 10 giorni, mi ha recuperato i dati, è diventato matto a trovare un xp compatibile con la serie del mio asus (e cmq non è del tutto compatibile), 70 neuri andati ed io mi pento di non averlo rimandato in puglia.
            tutt’ora è un pochino lentuccio nel caricare, ma va che è uno spettacolo.
            fintanto che non posso permettermi un imac o affini, resto su un asus.

            Mi piace

            • ah sì, dimenticavo: l’uomo si ostina a portare il suo fisso da un incompetente. non gliel’ha mai formattato fin quando non mi ci sono impuntata io, ora va meglio ma non capisco come mai il kaspersky (uno deimigliori antivirus) lo rallenti così tanto. più del mio portatile.
              io il mio portatile da quello non ce lo porto. ecco

              Mi piace

              • Mmmmh… mi fa ben sperare: il portatile che il Consorte mi ha regalato questo S. Valentino è appunto un ASUS, pagato 398 invece di 499 perchè preso durante un weekend di promozione 20% per i soci Coop, e devo dire che finora mi ci trovo “daddìo”: lo sto tenendo il più leggero possibile (ma è la mia logica con tutti i PC: installo solo quello che mi serve davvero, poche boiate che a lungo andare si inchioda tutto), ma funziona a scheggia! 🙂

                PS. Se posso suggerire un firewall/antivirus (si può anche scegliere se installare soltanto uno dei due o entrambi) con cui mi sto trovando piuttosto bene (devo dire che cerco di evitare di fare cose a rischio, ma da quando lo uso non mi sono mai beccata nè un virus nè altro), e che riesce a sopportare anche il portatile che ho in ufficio (un portatile che ormai ha almeno 4-5 anni, molto simile a questo, per intenderci: http://www.pcusati.it/pc_usati_01.php?ida01=172 ), ecco qua un link per il download di Comodo Internet Security:
                http://personalfirewall.comodo.com/international/italian/download_firewall.html
                E’ open source, quindi non richiede il pagamento di un bel nulla e si è perfettamente in regola con licenze e quant’altro. Ed è pure in italiano (da un annetto in qua)…

                Mi piace

  9. al massimo, se proprio devo usare windows, vado sull’xp. per ora ci gira tutto quanto, a parte che l’ultimo aggiornamento di skype su alcuni xp da non pochi problemi……ma per il resto funzia bene.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...