Back online

La "tronfia" ciambella al cioccolato e arancia profumata alla cannella e rhum!

Dato che mi piace tener fede alle promesse, e ancora di più alle minacce, rieccomi qua!

Sto cercando ancora di rimettermi in pari con tutto quello che mi sono “fumata” in queste due settimane di quasi latitanza dal web (perchè non è che il PC non sia mai stato acceso, intendiamoci… 😛 ), e c’è GoogleReader che mi segnala un’ecatombe di post non letti sui blog che seguo di solito… ma prima volevo passare a fare un saluto qua. Allora, voi che avete combinato di bello?

Noi, come avevo accennato, niente di speciale secondo gli “standard vacanzieri”… soprattutto considerando che ci siamo allontanati da casa al massimo per una settantina di km e per mezza giornata, e che ormai se non ti sposti di almeno 5-6 paralleli/meridiani/fusi orari (ipotecando la nonna nel caso lo stipendio sia già finito in vaccate quali spesa, bollette, mutuo, affitto… ma si sa, la vita è fatta di priorità e di foto da taggare su Feissbuk) non puoi permetterti di chiamarla “vacanza”. Ma non è che non si sia proprio fatto niente, eh…

– mi sono comprata 3 nuove magliette “biposto” sentendomi poi in colpa per aver “scialacquato” la complessiva cifra di €.30,00 (sì, se fosse per gli acquisti epocali che faccio io, i negozi di abbigliamento fallirebbero in massa…) e ripromettendomi per consolarmi “tanto le metto anche l’anno prossimo pure se mi ci infilo “da sola”, chissene”;

– abbiamo girato 4 posti per trovare uno stupidissimo armadietto da mettere in garage a meno della quotazione di un rene sul mercato nero, poi fortunatamente l’abbiamo trovato al Mercatino delle Pulci prima di iniziare la preanestesia (per l’asportazione di detto rene)… ben 10 €uri, signori (meno di un quarto di quello che costavano i suoi “colleghi” più economici visti in giro…)!

– la porta del garage ora si apre anche da mezzogiorno alle due senza dover agganciare un carroattrezzi alla maniglia (lavorone egregio fatto in un solo giorno dal Consorte e – soprattutto, vista la maggiore esperienza! – da mio suocero, tra l’altro sotto un sole che schiantava a mezzo, porelli…);

– abbiamo incontrato di persona due amici conosciuti online grazie ad uno “stupido giochino” (che tanto stupido poi non deve essere, se ha fatto sì che capitasse una cosa del genere!) e ne approfitto per ringraziare Coku-Salywan e Aresius (e tutti gli altri!) per il bel pomeriggio-serata di chiacchiere trascorso assieme;

– sono rimasta un po’ delusa perchè, una volta rimontato, il mio vecchio lettino è risultato essere in condizioni peggiori di quanto ricordassi… e soprattutto “non troppo a norma” per gli standard attuali, cosa che mi ha dato parecchi dubbi riguardo l’opportunità di trasmetterlo all‘Inquilina, però…

– …ho anche ricevuto dalla mia ex collega D. (l’unica del mio primo lavoro con cui sono rimasta in contatto a distanza di ormai 10 anni) l’offerta in prestito di diverse cose che sono state del suo L. (un anno a settembre!), tra cui anche… il lettino (che peraltro si era offerta di prestarci anche S. … e anche la mia collega attuale, P. …). Insomma… problema e dubbi potenzialmente risolti (teoricamente, risolti addirittura 3 volte! XD)!

– ci siam cavati due soddisfazioni personali durante il giro all’Ikea: io comprandomi uno di quegli affari per tagliare le mele a spicchi (ohi, sapete che ora le mele sembran pure più buone?), il Consorte un set di sac à poche con varie “punte” per decorare le torte  e archetto per tagliare il pan di spagna (che sarò lieta di collaudare… a torte finite, in qualità di assaggiatrice! 😛 );

– restando in tema culinario, ho lasciato che il Consorte infrangesse la regola “forno vietato in luglio e agosto” per togliersi la soddisfazione di cucinare qualche dolce già che era in ferie… “sacrificio” ben ricompensato – tra l’altro – dalla meraviglia che vedete nella foto: ciambella cioccolato e arancia al profumo di cannella e rhum! E sì: non era solo bella… era anche un bel po’ buona! :Q____

– è iniziata la “rivoluzione delle lettiere”, con la diminuzione di dette toilette da 3 a 2 e il loro piazzamento in bagno. E, devo riconoscerlo, sia Leda che la Shunrei in coda e vibrisse sembrano essersi adattate senza troppo disagio. Devo anche ammettere, però, che non abbiamo ancora ri-concesso alle belve l’accesso alla stanza dove stavan prima le lettiere (pure perchè lì dentro stiamo iniziando – con tanta taaaaanta calma – a sistemare il tutto per la nuova occupante)… in compenso ora abbiamo un graffiatoio a tre piani in camera da letto, accessoriato di gatte che decidono che le 3 di notte sono l’ora ideale per una manicure… =__=

– abbiamo chiuso le due settimane di ferie “rompendo le balle” all‘Inquilina, movimentandole un po’ la vita con l’ennesima ecografia, e mi sono tirata un po’ su di morale avendo scoperto che, dei 7 kg messi su finora (<- che poi ero un po’ preoccupata, invece sono risultata perfettamente in “linea d’aumento”…), almeno 832 g. + “accessori” sono di proprietà “esclusiva” dell‘Inquilina stessa; 😛 ho anche dedotto che là dentro deve esserci un’ottimo sistema di regolazione “termica”, perchè col caldo che faceva ieri lei era l’unico essere vivente nel raggio di – credo – chilometri ad avere tutta quella voglia di muoversi!

La costante rispetto agli anni passati è che… non ho nessuna voglia di tornare a lavoro lunedì prossimo!! 😛 Spero almeno che da qui al 29 le temperature calino un po’, perchè se i prox giorni posso cercare di passarli il più possibile in posti con l’aria condizionata… a lavoro il condizionatore me lo scordo (e il mio micro-ventilatorino non può più di tanto contro l’azione combinata di afa, PC, fax e fotocopiatrice)… 😦

Annunci

4 pensieri su “Back online

  1. sai che mio figlio ha usato il lettino di ottone che era stato del suo bisnonno, di suo nonno e mio? tra l’altro con un sistema di sponde scorrevoli che l’kea nemmeno se lo sogna e trasformbile dopo l’uso in un picolo elegante divano. spero che nmio figliio si decida a mtter su famiglia, se no, veramente, lo riciclo come splendido divano libertty.
    quaando al caldo qui si fa la sauna

    Mi piace

    • Anche il mio è stato riciclato da “divanetto” – tra l’altro i cuscini-schienale ho scoperto recentemente che mia madre li ha ricavati da quello che era stato il mio paracolpi! – e ho idea che il colpo di grazia al mio lettino (non certo robusto come il tuo d’ottone) l’abbia dato appunto questo “secondo uso”… chi ci si sedeva in quegli anni decisamente aveva passato da tempo la stazza del “neonato”! 😉

      Mi piace

    • Io continuo a temere la Shunrei in coda e vibrisse, per le lettiere: il motivo per cui non abbiamo ancora riaperto la cameretta è unicamente lei: da quando ci hanno consegnato la poltrona nuova, l'”ha battezzata” ripetutamente a suo modo (ho risolto utilizzando delle traverse da letto, se no non se ne usciva), fregandosene di lettiere pulite, sgridate, sculacciate (sì, qualcosina sui cosciotti se l’è preso…), indifferenza… ha un caratterino, quella!
      Sono convinta che il suo scopo fosse solo “sabotare” il nuovo “posto per pisolini” di Leda (<- che aveva preso subito possesso della poltrona per ronfarci!), il problema è che facendo così sabotava solo noi poveri umani! =__=

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...