Il tìcchete per far la tàcchete

L’ho mandata. Osta se l’ho mandata. Di cosa parlo? Beh, dell’autocertificazione per i nuovi ticket sanitari (<- qui il link per quanto riguarda la mia regione). E l’ho mandata anche molto prima del termine del 17 settembre, dato che in settimana devo rifare le analisi del sangue per via dell’Inquilina.

L’ho mandata via fax, perchè c’è un servizio per mandarli gratuitamente via internet, e non mi andava nè di spender soldi per una raccomandata nè di far code allo sportello del CUP e di dover pure preparare deleghe varie per evitare il pellegrinaggio all’intera famiglia (se non lo si consegna di persona, bisognava dar delega scritta a chi lo fa… giusto per complicare un po’ le cose, se no non c’è gusto).

Ma prima di mandarla, non ce l’ho fatta a fermare la pennuccia dopo aver semplicemente firmato il primo foglio di accompagnamento… la manina è andata avanti da sola e ha scribacchiato questo in calce al fax:

C’ho poco da spiegare in più rispetto a quello che c’è scritto qua sopra… Lo so che la colpa non è certo delle AUSL o delle Regioni, che anzi avevano tentato di suggerire ai nostri simpatici politici ben altre strade (leggete ad esempio qui, che mi sembra spiegato benissimo), tipo aumentare le tasse sui tabacchi: perchè non far pagare di più chi volontariamente si “sfascia la salute”, invece di far ricadere il tutto su chi ha bisogno di cure senza volerlo? Ma figurarsi. Se la vita è fatta di priorità (cit. Magnum Algida), la malattia può anche andare a cagare, no?

I calciatori minacciano uno sciopero e allora – sia mai – togliamo la minacciosa tassa sui redditi (già fin troppo) alti. La Chiesa non si tocca nemmeno quando fa altri mestieri (che sarebbe meglio parlare di “privilegi del Vaticano come stato estero”, ma tanto a parlarne con la “massa” Chiesa e Vaticano son la stessa cosa – qui ci vorrebbero altre considerazioni sull’ignoranza della gente, ma mi astengo -… quindi non mi metto certo io a specificare per bene buttando perle ai porci), se no l’eucarestia ai divorziati puttanieri dopo chi gliela dà? Per quanto, mi permetto di rimandarvi a questo articolo per dire che addirittura “all’interno” della Chiesa c’è chi non è d’accordo su questa “intoccabilità”. Ma forse parliamo della fantomatica mosca bianca. Sempre lo stesso articolo tocca un’altro interrogativo interessante: ma… tagliare sulle spese belliche proprio proprio no? Mi pare pure di ricordare che l’Italia “ripudiasse la guerra”… è evidente che invece i suoi governanti col cavolo che ripudiano i soldi della cresta che ci fanno sopra le spese per la difesa…

I cittadini che hanno bisogno di cure, invece, che sarà mai: tanto c’han già un piede nella fossa, non ci si può mica lucrare su per molto… si fottano.

E poi venitemi a dire che il lavoro nero è scandaloso… ormai mi pare l’unica via d’uscita per restare a galla: se sei in regola, paghi contributi per una pensione che tanto non ti verrà mai erogata (o perchè alzando l’età pensionabile nel frattempo sei morto di vecchiaia alla scrivania o al tornio o perchè i tuoi soldi se li è mangiati qualcun altro intanto che tu continuavi a lavorare e versare…) e tasse (ancor prima che i soldi ti siano arrivati in tasca) per coprire le scandalose spese di chi fa finta di governarci. Inoltre, sebbene con la pressione fiscale che abbiamo ti arrivi in tasca poco più della metà di quello che costi al datore di lavoro, quando si tratta di fare calcoli sul reddito viene considerato appunto quel “lordo” che, da quanto è lontano anni luce dal tuo “netto”, potrebbe più realisticamente essere chiamato “reddito utopico”.

E’ un po’ fuori tema rispetto al post, ma tipo nella mia città quest’anno ci sono ben 82 bambini che rischiano di restare esclusi dalla scuola materna perchè non ci sono insegnanti (città di 60.000 abitanti, non metropoli di 10.000.000 eh?). Specifico meglio: non sono stati stanziati fondi (perchè ‘un ci stanno)/dati permessi per assumere gli insegnanti (6 ne basterebbero per sti 82 pargoli, mica uno squadrone! Lo squadrone è formato da tutti gli “altri” insegnanti che non vengono assunti…) che servirebbero. Quindi: mi potrebbe anche andar bene pagare e pagare “ancora di più”, ad esempio appunto per poter aprire le tre ulteriori sezioni che servirebbero. Ma com’è che pur pagando e ripagando tasse e balzelli, i servizi essenziali continuano a ricevere tagli che manco una vigna in stagione di potatura?

Scusate lo sfogo e se l’analisi è molto semplicistica, ma in definitiva io sono ignorante in materia e fin lì arrivano i miei 3 neuroni. Ma inizio veramente ad essere stufa di ritrovarmi oggetti di varia natura inseriti in un posto da cui dovrebbe solo uscir roba. Suppongo che invece il resto degli italiani ci stia provando addirittura gusto… il che, in un paese fondamentalmente e ipocritamente omofobo come il nostro, dovrebbe essere come minimo una contraddizione in termini.

Chiudo con quello che nei giorni scorsi è stato uno status che girava su Feissbuk: «ABBIAMO 945 PARLAMENTARI CON UNO STIPENDIO DI CIRCA 20.000 EURO AL MESE (SENZA CONTARE TUTTO IL RESTO); SE STI POVERACCI RIUSCISSERO A CAMPARE CON 10.000 EURO AL MESE ALLA FINE DELL’ANNO NELLE CASSE DELLO STATO CI SAREBBERO LA BELLEZZA DI 113.400.000 EURO! CHE NE DITE LA PRESENTIAMO NOI UNA CONTRO MANOVRA? SE LA PENSI COME ME FAI COPIA E INCOLLA, CERCHIAMO DI FARCI NOTARE?». Ricchi premi per chi indovina come mai questa proposta ha meno probabilità di diventare realtà rispetto a quelle che avrebbe la mia gatta di prendere la patente nautica.

Annunci

26 pensieri su “Il tìcchete per far la tàcchete

  1. mi è preso un colpo: per molti tratti abbiamo scritture molto vicine!!
    cmq è vero, hai ragione. per l’università devi consegnare l’isee tuo e del nucleo famigliare di appartenenza. ma se sei fuori dal nucleo da meno di due anni O non guadagni più di 6mila euro all’anno, devi presentare E il tuo isee E quello dell’ex nucleo famigliare. ovviamente nell’isee dichiari anche il valore catastale della cuccia del gatto e il suo conto corrente in croccantini…
    l’isee poi si aggira facilmente: visto che devi dichiarare quanto hai sul conto al 31.12. basta togliere i soldi il 29 e rimetterceli il 3 gennaio. tanti fanno così. io no. per fortuna, l’università chiede di dichiarare che non si risieda in una proprietà della famiglia, visto che tanti spostavano la residenza nell’apaprtamento di qualche famigliare, solo per sembrare di esser fuori dal nucleo.
    in più mi dà fastidio che il calcolo viene fatto quando è appena passata la 13ma. non lo trovo giusto. ma tant’è.

    Mi piace

    • Non è esattamente la mia “vera” grafia perchè per rendere la cosa più leggibile ho finito con l’usare un mezzo “stampatello minuscolo”… insomma, pure qui ha inconsciamente prevalso la mentalità da ragioniera piuttosto che l’istinto! 😛

      Ma quello che mi ha fatto inviperire stavolta è che qui chiedono un dato nudo e crudo preso da un rigo del 730 o del CUD e tolto da ogni contesto “reale”… talmente facile da trovare/compilare che non c’è nemmeno bisogno di andare ai CAF (come invece succede se si deve fare un ISEE), ma di sicuro ben poco rispondente (ancora meno dell’ISEE, che lo so che c’è gente che si prepara “prima” di anno in anno per risultare più “povera”… e, per come vanno le cose in sto schifo di paese, non mi sento nemmeno di dargli torto! Se non fossi compulsivamente onesta, certi giochetti probabilmente li avrei fatti pure io). Ma, proprio per questo, ancora più lontano (se possibile) dalla vita effettiva della gente…

      Mi piace

  2. Il lavoro nero esiste già ed è ovunque, perché viviamo in uno Stato in nero. Piuttosto sono estremamente d’accordo con la contromanovra del popolo, non la faranno? Beh, gliela potremmo far fare noi, perché, sinceramente, hanno proprio rotto il cazzo.

    Mi piace

    • Che il “nero” non sia una novità, bensì una “tradizione” lo so… solo che finora l’avevo sempre considerato una vergogna nei confronti dei lavoratori, che si ritrovavano a faticare privati di ogni possibile tutela e garanzia (per gli infortuni, per le malattie, per il fatto di poter essere lasciati a casa da un momento all’altro, per la pensione, per la tutela della maternità).
      Lo schifo è che invece ora, dato che tutte le varie cosette che ho citato tra parentesi se non ce le hanno già fottute lo stanno per fare a breve, mi sembra invece una sorta di “salvagente”… almeno i soldi che prendi li metti in tasca davvero. Per tutto il resto… non c’è Mastercard, c’è solo che lo prenderesti in quel posto lo stesso.

      Mi piace

  3. Già. Devi fare una visita, chiami il CUP (dove c’è), te la fissano dopo 6 mesi (se sei fortunata) e da un giorno all’altro ti ritrovi pure a pagare 10 euro in più di ticket.

    Mi piace

    • “… dopo 6 mesi (se sei fortunata)…”. Parole sante….
      Un paio d’anni fa ho letto un articolo (diosadove, ma mi piacerebbe ritrovarlo) piuttosto significativo… provo a far l’esempio “portandolo ai giorni nostri” giusto per far capire.
      Una signora prenota un’esame specialistico, chiama il CUP e le danno la prenotazione per il 25 settembre. Lì per lì è contenta: cavoli, al 25 settembre mancano solo 20 giorni, questa volta è andata bene! Arriva a casa, va per segnarsi sul calendario l’esame da fare e… scopre che il 25 settembre 2011 è una domenica! Deve esserci un errore, è impossibile che chiamino per un esame di domenica… chiama il CUP per capire cos’è successo. E al CUP le rispondono: “Nessun errore, signora. Il 25 settembre va bene, è che lei non ha controllato bene la data: il suo esame è per il 25 settembre 2012.

      Mi piace

  4. La sanità pubblica funziona male, e quella privata a volte è anche peggio: una mia amica ha lavorato per qualche anno come medico a contratto in una clinica privata che appartiene a un noto milionario milanese (non faccio nomi, ma il cognome inizia per Berlu- e finisce per -sconi). Per risparmiare non le consentivano di acquistare dei farmaci salvavita, anzi le imponevano di prescrivere ai pazienti altri farmaci (che però non avevano la stessa efficacia, o presentavano gravi controindicazioni).
    Nella mia regione le prenotazioni di alcuni esami (per lo più quelli radiologici e le tac) viaggiano con tempi di attesa di 8-10 mesi… ma se li fai a pagamento con il medico che esercita intramoenia devi aspettare solo tre settimane. Vi sembra normale?

    Mi piace

    • Sai perchè mi “sembra normale”? Perchè è così pure qua… 5 anni fa mio marito s’è fatto due mesi e mezzo di malattia (dal 17 maggio al 31 luglio) per quello che alla fine è risultato essere un “banalissimo” gomito del tennista. Come mai così tanto tempo?
      Beh, i medici c’han messo secoli prima di arrivare alla diagnosi precisa sia perchè prima “le abbiam sentite tutte”, sia perchè per escludere queste “tutte” senza rimetterci migliaia di € i tempi per parecchi esami (pur con la priorità) erano di minimo 15-20 giorni l’uno… mi pare l’elettromiografia gliel’avevano addirittura fissata per settembre (poi per “botta di cu*o lo hanno chiamato per anticiparla perchè s’era liberato un posto): E le cure effettive e risolutive, dal 17 maggio, quando le ha poi iniziate? A inizio luglio: braccio ingessato e finalmente fermo per 10 giorni, e poi fisioterapia per 15. Un mese e mezzo solo per iniziare a curare il malanno… e non stiamo parlando di una malattia rarissima e sconosciuta!!!

      PS. Sul fatto che le prescrizioni dei farmaci ricevano determinati “indirizzi”, è meglio che non scriva nulla…

      Mi piace

    • Sì, ma il genere di contropartita che ti chiede quello lì per un suo “aiutino” è roba che non ho mai fatto nemmeno con mio marito… figurati con uno che è coetaneo di mio padre,con la metà dei capelli e della statura (e poi son di almeno 15 anni sopra la sua “fascia d’età” prediletta e non sono manco abbastanza “gnocca” per poter entrare nelle sue grazie, ammettiamolo…)!! XD

      Mi piace

  5. Hahahah sei una grande 🙂 Probabilmente io non sarei riuscita a trattenermi e avrei scarabocchiato anche qualche insulto passando automaticamente dalla parte del torto (mamma quanto si sta stretti da quelle parti!!)
    PS Domandina rapida…ma il mostriciattolo alimenta-blog che hai nella sidebar come caspita sei riuscita a metterlo? Io c’ho perso circa mezz’ora della mia vita per poi gettar la spugna e dichiarar sconfitta!!

    Mi piace

    • Ecco, la spinosa questione “insulti” (o per meglio dire “linguaggio non consono alla situazione” o per ancor meglio dire “madonne a raffica dettate da fortissimo giramento di maroni”) è uno dei motivi che mi ha dissuasa dal consegnare il modulo direttamente al CUP nelle mani di un/a malcapitato/a sportellista…

      PS. *assistenza tecnica mode on* Per mettere il “mostrillo”, entra come admin del blog, vai sul menù “Aspetto”, poi “WIdget” e scegli tra quelli disponibili “Immagine”, trascinandolo sulla destra.
      Nel “box” Immagine metti questo link nella casella URL Image ” http://farm3.static.flickr.com/2162/2150615937_d111eb2422_o.jpg ” (se vuoi mettere lo stesso mostrillo), poi io in “Link URL (when image is clicked) ho copincollato quest’altro indirizzo ” http://www.saveourblogs.blogspot.com/ “, così chi ci clicca su può andare direttamente al sito dell’iniziativa (e lì ti trovi anche altri tipi di immagine, che magari possono piacerti anche di più!). Spero di esser stata abbastanza comprensibile… 😛 *assistenza tecnica mode off*

      Mi piace

      • Yuhuuuuuuuuuuuuuuuuuu 😀 Il mostriciattolo ha trovato riparo anche nella mia sidebar finalmenteeeee 😛 Il “mode assistenza tecnica” ha dato i suoi frutti e sei stata UTILERRIMA 😀
        Per quanto riguarda gli insulti….io sono nota per essere facilmente infiammabile, quindi ti capisco…più lontana sto dagli sportelli (qualsiasi tipo! ASL, ATM-Bus a Milano, Segreteria didattica,Customer care, Banca,Stazione) e meno possibilità ci sono che io salti alla gola di impiegati statali e non. 😛

        Mi piace

        • Mi è ancora difficile riuscire a “sbottare” perchè mia madre (all’epoca) mi ha inculcato un’educazione integerrima verso gli estranei (stron7i o meno che fossero), ma con le porcate che ci stanno combinando a raffica, ho idea che il tappo sia lì lì per saltare…
          Più che altro, sono piuttosto preoccupata per che razza di educazione sarò in grado di trasmettere io all’Inquilina… (perchè ho poca voglia di insegnarle ad essere educata pure con chi non se lo merita…)

          Mi piace

          • i miei c’hanno provato…con scarsi risultati 🙂 Mia madre ha ormai rinunciato, mentre il babbo ancora mi caz7ia se perdo il lume e inizio a smoccolare 😛
            Dovresti insegnarle ad essere “maleducata” con chi se lo merita ma in modo che i suddetti non s’accorgano 😛

            Mi piace

            • Hihihihihi… non solo da me hanno finito col non farci più caso nè babbo nè mamma… ma ho pure traviato pure mia mamma! A forza di sentirli da me… quando le giravano le scatole dabbuono, finiva con lo sfuggire qualche improperio pure a lei!! 😀

              PS. Non è semplice… ma a riuscire a metterlo in pratica il tuo suggerimento è molto molto buono: tanto più che, facendolo bene, certi imbecilli manco s’accorgono che li stai pigliando per i fondelli/trattandoli da cani!!

              Mi piace

              • Esatto, è quello il segreto 🙂
                Se si supera quel momento in cui prudono le mani dalla voglia di prendere a sberle l’imbecille di turno….basta usare l’ingegno per farsi beffe del malcapitato 😛

                Mi piace

                • Il difficile per me è appunto superare il momento delle manine che vorrebbero prendere vita propria… ma se l’Inquilina mi eredita la pazienza dal babbo e non dalla mamma… “si… può… fareeeeee!!” (cit. Frankenstein Junior)!! *__*

                  Mi piace

  6. ma cosa dici maaaaaaiiiiiiii! QUEL benefattore non chiede mai nulla, in cambio! agisce con purezza di intenti, sono quei maligni di magistrati che danno ascolto alle malelingue! protegge le mamme, i bambini, i vecchietti e le giovinette (soprattutto! ma ognuno ha il suo tallone d’achille nooo?)

    Mi piace

  7. Domanda scema, scusate l’ignoranza.
    Antefatto: stamattina sono andata a fare una visita medica… Ho pagato tot di ticket + i famigerati 10 euro che sarebbero l’importo impegnativa.
    Domanda effettiva: mi confermate che di sti dannati 10 euro non si detrae un tubo come mi è stato ventilato dall’infermiera a mezza voce?

    Mi piace

    • Ecco, questo non lo sapevo… mi sembra una gran vaccata (dato il fatto che trattasi di spesa medica e non certo del biglietto del cinema!), il problema è che non mi stupirei se avessero aggiunto anche questa porcheria della non detraibilità a tutto il resto. Se qualcuno può illuminarci in proposito, sarebbe davvero una bella cosa!!

      Mi piace

  8. Sarà anche semplicistica la tua analisi, ma è la vera verità. Qui in campania ormai molte analisi cliniche o visite mediche conviene farle privatamente che alla asl o negli ospedali col ticket: si paga di meno e le hai prima. L’aver aumentato tanto i prezzi è, a mio modo di vedere, anche stupida come cosa: ormai stanno andando tutti dai privati e il pubblico non incassa più, ma deve tenere comunque le strutture aperte. Risultato? aumenta il debito senza che vengano erogati servizi. Geniale, no?

    Mi piace

    • Ragionamento limpido. Talmente limpido che è riportato anche in uno dei pieghevoli/pdf che si trovano sul sito AUSL dell’Emilia Romagna: già nel 2007 il Governo ha provato a introdurre un aumento del ticket di 10 €, appunto col risultato che venivano a costare meno le stesse analisi fatte sotto privato…
      Fu tolta dopo 6 mesi, quando le Regioni poterono dimostrare (conti alla mano, e non solo ragionevoli previsioni) che ci stavano rimettendo invece di incassare di più: in soli 6 mesi, avevano avuto un calo del 30% delle richieste… tutte “magicamente” trasferite alle cliniche e laboratori privati!!!
      Ma si sa: sti idioti han la memoria corta…

      Mi piace

  9. Questo governo si potrebbe definire “cabarettistico” non fosse che tante persone, oltre ad averlo votato, ancora ci credono.
    tagliano, tagliano, poi ci sono miliardi e miliardi di evasione fiscale e nessuno fa un tubo …
    parafrasando un’espressione del momento:
    se non (li recuperiamo) ora, quando ?
    in Germania, recuperano il 90% di quanto viene evaso, qui da noi il 10 (!!!) se non siamo in grado di organizzarci, copiamo da loro !!!
    (che poi, mi diceva un ex finanziere in confidenza sul bus tempo fa, gli strumenti li hanno tutti e vedono tanto …
    è solo che quando gli dici, ma allora perchè non agite ? allargano le braccia …)

    Mi piace

    • Guarda, ne conosco diversi pure io: e non solo gente che ha degli interessi (più o meno “loschi”, diciamo… gente che “può” evadere le tasse perchè non gliele prelevano a priori dalla busta paga, per capirci!), ma anche semplici operai con mutui e rate varie addosso…
      Il classico tipo di idiota (perchè altro modo per definirli non c’è) che se gli chiedi perchè l’hanno votato ti risponde: “Ah, ma lui ha fatto tantissimi soldi dal niente… ora farà fare lo stesso anche a noi!”. Seeeeeh… fidati! Tanto per cominciare non hai un giardino… quindi non puoi nemmeno assumere il giardiniere mafioso. E già qui, caro il mio elettore-operaio, parti svantaggiato…

      Pensare alla GdF mi fa girare un po’ le balle perchè sembrano accanirsi contro vucumprà e pirateria “da 2 soldi” quando la vera evasione ed infrazione di regole fiscali stanno ben altrove… e il tuo racconto non mi stupisce proprio per niente!
      Mi diceva mio padre che in Germania (appunto) e in Francia un modo per recuperare soldi in questo momento di crisi l’han trovato: il governo ha fatto richiesta ufficiale alla Svizzera di avere l’elenco e le cifre di tutti i capitali depositati nelle banche svizzere appunto da cittadini tedeschi e francesi. Poi hanno tassato tali capitali di conseguenza…
      Succederà mai qui da noi?

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...