Nuove presenze in scaffale

Come accennato nei post precedenti, abbiamo approfittato di agosto per fare qualche giro e iniziare a farci un’idea di cosa ci servirà nei prossimi mesi per l’Inquilina… acquisti effettivi pochi (in pratica, di “specifico” solo questo all’Ikea…) , colpi di fulmine (nostri) per giochi e giocattoli a iosa (e dire che per parecchia di questa roba ci vorranno anni, prima di avere la scusa per comprarli all’interessata!), idee tante, confusione mentale altrettanta se non di più. Sulla base del motto “Dai, c’è tempo prima di dicembre”, per il momento siamo tornati a casa con un pacco di cataloghi, una “lista nascita” di un negozio della zona  (<- che servirà più che altro a fare il punto della situazione “celò-celò-manca”), un bel po’ di appunti su papabili articoli Ikea (i nomi di detti articoli sono ottimi anche per battezzare personaggi di videogiochi e giochi di ruolo) e… da bravi topi di biblioteca, un paio di libri.

Anche perchè, essendo praticamente sprovvista di future nonne a cui chiedere (una “assente giustificata” [purtroppo!] da ormai 11 anni, l’altra… beh, con già abbastanza casini per conto suo. Diciamo che nei “giorni no” di “com’era quando ero piccola io” me ne ricordo di più io…)… diciamo che urge un po’ di “fai da te”. Pure perchè il prodotto che ci arriverà in casa tra tre mesetti non è assolutamente corredato di manuale di istruzioni (e va bene che di solito il manuale di istruzioni potrebbe essere scritto in arabo e non se ne accorgerebbe nessuno: quanti di voi lo leggono prima di accendere/montare/giocare a qualcosa? Ecco, a casa mia manco la gatta…). Si tratta di letteratura un po’ “di nicchia”, ma considerato il fatto che comunque sono libri gradevoli da leggere, e che nella vita “non si sa mai” (<- davvero! Che sia per sè stessi o per qualche parente o amico/a… sinceramente mi sembrano anche una buona idea regalo)… beh, ecco qua cosa ci siamo portati a casa.

Il primo è questo qui sopra a sinistra, che tra l’altro mi ha fatto compagnia nel giardinetto dell’ospedale intanto che dovevo farmi passare le due ore tra i vari prelievi per la curva da carico glicemico (e, a proposito: il bibitone iperdolce era effettivamente non male come lo ricordavo da quando feci quest’esame la prima volta a 12 anni; per dire: la RedBull mi fa più schifo…). Molto godibile, mi ha anche strappato diverse risate, soffocate come potevo per non farmi guardar male ulteriormente dai visitatori dell’ospedale che passavano di lì (già avevo in borsa un timer da cucina che ticchettava tipo ordigno di AlQaeda, consegnatomi dall’infermiera per ricordarmi quando rientrare al laboratorio per riempire la provetta successiva…). E il punto è: mentre ci si diverte a leggere, si impara… e si riflette, perchè l’autrice ha pochi peli sulla lingua e l’ultima cosa che fa è indorare la pillola. E fa bene. Ottime anche le sezioni a fondo capitolo, non solo con i suggerimenti di altri libri per approfondire o cambiare completamente argomento, ma anche con la segnalazione di siti internet e forum ad hoc.

Il secondo è quest’altro sulla destra. E mai titolo mi è sembrato più appropriato alla mia situazione… 😛 Scherzi a parte, come sa chi ha già avuto a che fare con questa serie di manuali “for dummies”, dietro un’organizzazione intelligente ed immediata del testo e dietro un approccio alle varie materie tutt’altro che scontato, c’è il rischio veramente alto di imparare qualcosa di buono! Tanto per dire: all’inizio, prima dei capitoli “mese per mese”, c’è un elenco (un po’ la versione della “lista nascita” dei negozi che citavo all’inizio) delle cose essenziali da procurarsi per il nuovo arrivo. Più avanti c’è un elenco delle ragioni che la neomamma potrebbe avere per tornare o non tornare a lavorare (una sorta del “bilancio” entrate/uscite, benefici/svantaggi che già ci eravamo fatti nei mesi scorsi per prendere la decisione che alla fine abbiamo scelto… tutt’altro che presa a cuor leggero). C’è la sezione relativa a malanni, piccoli incidenti di percorso, sintomi strani. E via discorrendo…

Insomma, da completa neofita dell’argomento e da perfetta ignorante in materia… li consiglierei entrambi ad altri ignoranti in materia. Perchè è vero che c’è l’istinto (<- è quello che mi ripeto, alternato sistematicamente a “Se la razza umana finora non s’è estinta, dai che possiamo farcela pure noi!”), va bene che consigli “dall’esterno” ne possono arrivare da tutti i cantoni (pediatri, amici, parenti…), anche non richiesti… ma insomma, a volte la carta stampata anche solo un supporto psicologico riesce a darlo. E vogliamo dire che è poco?

Annunci

8 pensieri su “Nuove presenze in scaffale

  1. Leggiti “Fate la nanna”: io ho assistito alla messa in pratica dei consigli con un vivacissimo bimbo. Tre giorni dopo il libro è finito sullo scaffale: dieci a uno per il piccolo. Però da quello che mi dicono è un libro culto delle neo mamme.

    Mi piace

  2. Ho visionato il “questo” acquistato all’Ikea, ma ho dovuto leggere “set per pappe” per capire di cosa si trattasse, anche se qualche dubbio rimane sull’uso di qualcuno di quegli aggeggi e a dire il vero uno mi sembrava un vasino, ma ci sarebbe stato scritto set per pappe e dopo pappe.
    Manuali d’istruzione: anch’io mi fermo al “complimenti per aver scelto un nostro prodotto”, ho cercato d’imparare da mio figlio e dai nipoti, vado d’istinto finché una cosa funziona, poi cerco le soluzioni sui manuali, e se non funziona più e non sono in grado di ripararlo cambio l’apparecchio. Metodo non applicabile a un bambino, quindi occorre l’esperienza anche degli altri e visto che l’istinto non ci basta occorre costruirsi una bella rete di amici che affrontano o hanno affrontato gli stessi problemi. 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...