Pit stop

Mi prendo un attimo per riordinare le idee, che da quando sono arrivata a casa un’oretta e mezzo fa sto solo continuando a fare casino: cerca il beauty case; rintraccia un paio di ciabatte; opporcapaletta ma chiccavolo ci entra nei pantaloni dei pigiami da mezza stagione “decenti”?!?!?; trova un borsone non troppo “one”; dove è finito il porta posate, tre libri basteranno?; chissà chi mi capita in camera..?; hai mica delle monetine nel portafogli?; toh, finalmente uso sta vestaglia a mezza manica!…

Comunque, appunto riordinando le idee e cercando di rendere comprensibile il post: il blog si prende una pausa di qualche giorno perchè io sono costretta a prendermi una pausa di qualche giorno… mettiamola così: alla visita di controllo periodica di oggi pomeriggio è risultato che l‘Inquilina, pur stando bene, sta facendo un pensierino relativamente al fatto che “fuori” forse si stia pure meglio (diciamo che si trova già “in posizione”… un po’ troppo, in posizione!). Senza troppi preavvisi, eh, che io sinceramente nei giorni scorsi non mi sono accorta di nessun preparativo di trasloco… se non che quando rientravo a casa da lavoro ero sempre più a fettine e con i muscoli (o ciò che ne fa le veci) contratti (ma davo la colpa a quella cavolo di sedia che nelle ultime settimane stava diventando uno strumento di tortura per la mia schiena, soprattutto al pomeriggio) .

Per il momento la situazione non è nè troppo preoccupante nè irreparabile, ma la mia Doc preferisce che io faccia due-tre giorni di vacanza in ospedale sia per vedere di convincere l‘Inquilina che il suo soggiorno dove si trova ora deve durare ancora un paio di mesetti abbondanti… sia per fare un ciclo di iniezioni di cortisone per aiutare i suoi polmoni a crescere (sia mai che la soggettina sia troppo testarda).

E insomma… ammetto di aver avuto la fortuna di non essermi mai dovuta preparare una borsa per l’ospedale prima, la sfortuna è che così di punto in bianco e di domenica pomeriggio… sì, sto facendo abbastanza casino per rendermi conto di quel che può servire e per riuscire ad arrangiarmi con quel che c’è in casa: avevo rimandato il problema “pigiami da mezza stagione biposto” perchè tanto qua in casa nessuno bada all’alta moda quando si tratta di andare a letto (mentre ero già riuscita a trovare vestaglia e camicie da notte per il “gran giorno”… ma si tratta di roba pesante che andrà bene appunto a dicembre!!)… così come a primavera avevo rimandato la ricerca di un nuovo paio di pantofole ai prossimi saldi autunnali, per dire. Mettiamola così: per il sopra del pigiama, no problem. Per i calzoni, spero che in questi due giorni nessuno si scandalizzerà per un paio di pantaloni alla corsara neri con coulisse o un paio di pantaloni da yoga a metà polpaccio… questo ho in casa!! 😛

Vabbè… vado a finire di infilare roba (più o meno) a casaccio in quella borsa. Ci si risente tra qualche giorno, se qualcuno ha voglia di incrociare un paio di dita a scopo scaramantico è ben accetto! 😉

Annunci

12 pensieri su “Pit stop

  1. eh! un bel soggettino! mio figlio è nato un mese e mezzo prima ed in ospedale per l’unico motivo che ero lì di passaggio per fare un prelievo e un controllo:5 spinte ed è saltato fuori che il ginecologo lo ha parato come un pallone da rugby…sarà per questo che poi si è fracassato un mucchio di ossa a rugby?

    Mi piace

    • Ecco, questa è una cosa che mi chiedevo anch’io nei mesi scorsi (perchè se ho preso “da parte di babbo”, quando è nato lui – per fare un esempio – mio nonno non ha fatto in tempo ad attraversare una piazza per chiamare la levatrice, che quando sono arrivati a casa mia nonna l’aveva già scodellato sull’ottomana…), soprattutto per il fatto che a me occorrono 35 km per arrivare all’ospedale “designato”… che sia il caso di tenere qualche traversa in auto a scopo precauzionale? 😉

      Mi piace

  2. Uelà, compagna di panza, non facciamo scherzi! Cioè, cambio interlocutore che è meglio… Uelà, ospite della panza “quasi” gemella della mia, non facciamo scherzi alla genitrice, che qui ci sono ancora tante cose da fare per i prossimi due mesi!!!

    Io e bimbetta ci incrociamo ben bene per voi due, ma, piccola pupetta, ricordati che è meglio nascere a dicembre, vuoi mettere?! 😉 Un abbraccio!

    Mi piace

    • Ecco, spero davvero che questa raccomandazione le serva… 😉
      E poi, non sarebbe corretto che si prendesse “del vantaggio” così, senza nemmeno avvisare nessuno (me compresa, che non mi ero accorta di niente di quel che aveva in mente…)! 😛

      Mi piace

  3. E rieccomi qua! Son riuscita a tornare a casa ieri pomeriggio, ma solo ora a scrivere qualcosina qua su… Avendo spendo il PC praticamente subito dopo aver postato, ho potuto leggere i commenti soltanto poco fa, e ringrazio di cuore tutti per il sostegno!
    Fortunatamente è andato tutto per il meglio, e sembra che i dottori siano riusciti a convincere l’Inquilina a trattenersi ancora per un po’ dove si trova. 🙂

    Mi piace

  4. Pingback: Casa dolce casa « Gite Mentali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...