♪♫ Andiam, andiam… andiam a seminar… ♪♫

Con questo post mi prenderete definitivamente per scema, come minimo per il fatto che – con anche quello che è successo, sta succedendo e succederà in questo periodo – sto qua a lamentarmi di una boiata simile invece di pensare alle cose serie. Fatto sta che le mie scatole prima dell’arrivo dell’Aquilina hanno trovato il tempo per girare anche per questa “cosuccia” (devono essere una delle poche cose che ho che supportano il multitasking), e che non solo di cose serie vive l’uomo (e a maggior ragione la donna), quindi mo’ vi beccate lo sfogo!

Prendete un social network a caso… Feissbuk. Chi ci bazzica sa che è un proliferare di giochini “perditempo” di vario genere, di varie ditte, di ogni tipo… e chi, tra questi, ha anche avuto la ventura di iniziarne qualcuno sa che la cosa più deleteria è appunto questa: iniziare. Dopo è un circolo vizioso che porta gente a telefonare a casa a orari improbabili pregando mamma di accendere il PC e annaffiare le rape di Farmville entro mezz’ora se no si seccano, o prima di partire per le ferie da inviare e-mail di 4 pagine agli amici che restano in città, con le istruzioni su come mandare avanti il “negozio” durante la propria assenza.

Mettiamo che finite nel gorgo pure voi… e a conquistarvi è un giochino “di nicchia” (sia rispetto agli altri sullo stesso genere – fattoria – sia rispetto agli altri della stessa “Casa Madre”), che richiede a dir tanto 15 minuti al giorno per essere giocato, ha una grafica accattivante e non troppo pesante (alcuni giochi di questi in flash, arrivati ai livelli alti, richiedono computer quantici per girare…), non ha scadenze che vi costringano a rientrare prima dalla pizzata con gli amici o a ritardare l’uscita per la spesa (se non siete lì a raccogliere quando le piante sbocciano, sono le piante che aspettano voi per essere raccolte… e non voi che dovete correre ad annaffiarle se no crepano!), non richiede una miriade di richieste di aiuto o di “vicini” (<- altri sventurati vostri amici che ci giochino) rispetto ad altri in circolazione.

Iniziate a giocarci e andate avanti due anni: due anni nel corso dei quali dai quattro campetti striminziti con due polli mettete su una bella fattoria con tanto di scuderie, stalle da 150 animali, alberi che danno frutti assurdi, ecc. Insomma, in qualche maniera a quell’ammasso di pixel vi affezionate. Non ci spendete nemmeno un €uro autentico, ma riuscite comunque a collezionare con tanta pazienza, ma anche tanta soddisfazione, anche animali “rari” (compresi quattro gattini che, come potete immaginare, erano i miei preferiti). Poi, un giorno, loggate e prima della vostra fattoria vi trovate davanti l’avviso dell’immagine qua sopra (con un preavviso di praticamente un mese… una “sudden death” o quasi).

Ora: non posso dire che proprio non me l’aspettassi. Le mancate risposte sul forum ufficiale (da settimane e settimane!) mi avevano insospettita, poi c’era stato il proliferare di bug (stranamente, proprio da quando è partito The Sims…) mai risolti o risolti in parte, aggiungiamo il fatto che per Halloween (a differenza degli scorsi anni) non c’è stato nessun aggiornamento e che forse è stato un bene dato che gli ultimi aggiornamenti erano bacati quanto una mela lasciata un mese a marcire… che fossimo in fase “agonica” qualche presupposto c’era. Ma non avrei immaginato che avrebbero proprio cancellato il gioco… al massimo che avrebbero continuato a tenerlo aperto senza muovere un dito sul mouse. Cosa che a me andava anche bene: in due anni avevo raggiunto il livello 76, ma ne avevo ancora altri 24 da fare… insomma, non avevo ancora finito il gioco!! Una volta arrivata in fondo (sempre se l’Aquilina mi avesse permesso di arrivare in fondo, cosa che negli ultimi giorni rientra sotto il genere “fantascienza”) l’avrei salutato io, probabilmente.

In ogni caso, quello che volevo poi sottolineare è questo fatto: se già The Sims mi stava sulle balle prima perchè “rubava” risorse alla soluzione dei problemi di Country Story, di certo non inizierò a giocarci ora che è palesemente responsabile della morte del mio gioco preferito. E pure gli altri giochi Playfish: beh, non so se ne inizierò mai qualcun altro, visto come trattano gli utenti: a nessuno piace veder buttati nel cesso i propri sforzi… pure se si è trattato di un giochino cretino.

Pessima scelta di marketing, cara Playfish.

Annunci

3 pensieri su “♪♫ Andiam, andiam… andiam a seminar… ♪♫

    • Fortunatamente il mio cellulare non arriva a tanto… dico “fortunatamente” perchè per quei pochi giochini che seguo, sono già abbastanza “addicted” col PC! 😀
      C’è da dire che da quando è arrivata l’Aquilina, non ho più nemmeno loggato: il tempo è poco, e spenderlo per qualcosa che ha pochi giorni di vita davanti mi sembra abbastanza stupido! Avevo pensato di fare qualche screen della fattoria “per ricordo” poi mi sono resa conto che sarebbe stato un bel po’ patetico (e inutile… malgrado sull’hard disk di spazio libero ce ne sia!)… 😉

      Mi piace

      • …. il mio cellulare, nemmeno.
        E’ che il GG mi ha regalato iPad…. e giusto ieri ho scaricato una roba che si chiama Oregon Pioneer…… si tratta di metter su un villaggio di pionieri del west……. non ti dico altro!! 🙂

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...