Solo quando fa comodo

Probabilmente qualcuno di voi che legge conosce già quello che riporto qui, visto che sta girando per posta elettronica: a me l’e-mail è arrivata sotto mano perchè qualcuno l’ha inviata alla ditta dove lavora il Consorte. Il punto è che per molti versi riporta dubbi, domande e “suggerimenti” che son passati anche per i miei tre neuroni… e non penso solo per i miei. Ma passiamo all’allegato dell’e-mail, e lasciamo le riflessioni per dopo:

============================================================================================

Cosa chiediamo a Monti?
L’EUROPA CI CHIEDE DI AUMENTARE L’ETÀ DELLA PENSIONE PERCHÉ IN EUROPA TUTTI LO FANNO.

NOI CHIEDIAMO, inoltre, DI ARRESTARE TUTTI I POLITICI CORROTTI, DI ALLONTANARE DAI PUBBLICI UFFICI TUTTI QUELLI CONDANNATI IN VIA DEFINITIVA PERCHÉ IN EUROPA TUTTI LO FANNO, O SI DIMETTONO DA SOLI PER EVITARE IMBARAZZANTI FIGURE.

DI DIMEZZARE IL NUMERO DI PARLAMENTARI PERCHE’ IN EUROPA NESSUN PAESE HA COSI’ TANTI POLITICI !!

DI ELIMINARE I POLITICI DELLE PROVINCIE PERCHE’ CI SONO GIA’ QUELLI DELLE REGIONI – DA 40 ANNI !

DI DIMINUIRE IN MODO DRASTICO GLI STIPENDI E I PRIVILEGI A DEPUTATI E SENATORI, PERCHÉ IN EUROPA NESSUNO GUADAGNA COME LORO.

DI POTER ESERCITARE IL “MESTIERE” DI POLITICO AL MASSIMO PER DUE LEGISLATURE COME IN EUROPA TUTTI FANNO !!

DI METTERE UN TETTO MASSIMO ALL’IMPORTO DELLE PENSIONI EROGATE DALLO STATO (ANCHE RETROATTIVAMENTE) MAX. 5.000,00 EURO AL MESE PER CHIUNQUE, POLITICI E NON, POICHE’ IN EUROPA NESSUNO PERCEPISCE 15/20 OPPURE 30.000,00 EURO AL MESE DI PENSIONE COME AVVIENE IN ITALIA

DI FAR PAGARE I MEDICINALI, VISITE SPECIALISTICHE E CURE MEDICHE AI FAMILIARI DEI POLITICI POICHE’ IN EUROPA NESSUN FAMILIARE DEI POLITICI NE USUFRUISCE COME AVVIENE INVECE IN ITALIA, DOVE CON LA SCUSA DELL’IMMAGINE VENGONO ADDIRITTURA MESSI A CARICO DELLO STATO ANCHE GLI INTERVENTI DI CHIRURGIA ESTETICA, CURE BALNEOTERMALI ED ELIOTERAPIOCHE DEI FAMILIARI DEI NOSTRI POLITICI !!

inoltre

Cari MINISTRI, NON CI PARAGONATE ALLA GERMANIA DOVE
● NON SI PAGANO LE AUTOSTRADE,
● I LIBRI DI TESTO PER LE SCUOLE SONO A CARICO DELLO STATO SINO AL 18° ANNO D’ETA’,
● IL 90 % DEGLI ASILI NIDO SONO AZIENDALI E GRATUITI E NON TI CHIEDONO 400/450 EURO COME GLI ASILI STATALI ITALIANI!!

mentre

IN FRANCIA LE DONNE POSSONO EVITARE DI ANDARE A LAVORARE PART-TIME PER RACIMOLARE QUALCHE SOLDO INDISPENSABILE IN FAMIGLIA E PERCEPISCONO DALLO STATO UN ASSEGNO DI 500,00 EURO AL MESE COME CASALINGHE PIU’ ALTRI BONUS IN BASE AL NUMERO DI FIGLI.

ed anche sempre

IN FRANCIA
NON SI PAGANO LE ACCISE SUI CARBURANTI DELLE CAMPAGNE DI NAPOLEONE, NOI LE PAGHIAMO ANCORA PER LA GUERRA D’ABISSINIA

AI POLITICI CHIEDIAMO CHE LA SMETTANO DI OFFENDERE LA NOSTRA INTELLIGENZA, IL POPOLO ITALIANO CHIUDE UN OCCHIO,
A VOLTE DUE, UN ORECCHIO E PURE L’ALTRO MA LA CORDA CHE STATE TIRANDO DA TROPPO TEMPO SI STA’ SPEZZANDO.
CHI SEMINA VENTO, RACCOGLIE …..TEMPESTA !!!

============================================================================================

Ora, a parte la minaccia finale che io ormai è un pezzo che me la chiedo, ma ho idea che tanto 60 milioni di pecore siamo e 60 milioni di pecore resteremo, diciamo che fondamentalmente c’è ben poco di sbagliato nel resto del testo, almeno secondo me. Anzi, ne manca pure…

Ad esempio: non è nuova nemmeno la storia che in futuro non ci sarà più la pensione erogata dall’INPS, ma ognuno dovrà arrangiarsi con quelle integrative, come succede negli USA. Ok: peccato che negli USA non esista un corrispettivo della nostra INPS, e quindi i lavoratori non percepiscano lo stipendio già decurtato dei contributi a detto ente… grazie al piffero che (chi può, ovviamente) riescono a metter via soldi per una pensione integrativa!! Qua chiederebbero di versare e per una (che non vedremo mai) e per l’altra… ok. E nel frattempo come si campa?

Un’altra cosa di cui non si parla mai, o si parla poco, è il livello delle retribuzioni… dobbiamo adeguarci alla Germania. Ok. Ma quanto prendono di stipendio medio i tedeschi? E qual è il costo della vita, da loro? Giusto per, visto che è uno di motivi per cui a febbraio presenterò la lettera di dimissioni da lavoro: 400-450 € per l’asilo nido molto spesso non bastano (dai conti che ho fatto io controllando il sito del mio comune, dovendo chiedere l’allungamento dell’orario perchè alle 16 nessuno di noi due sarebbe stato lì a ritirare la pupa, saremmo arrivati come niente a 600). A un mio amico ne sono stati chiesti 530 recentissimamente, e in alcuni asili comunali a tale cifra bisogna comunque aggiungere la spesa dei pannolini, che devono essere forniti dai genitori. Restando in tema di pupi, qui in Italia parecchi ancora mandano a prendere il latte artificiale per il figlio neonato in Germania appunto, o in Spagna. Ci sono proprio gruppi d’acquisto e siti che si occupano di spedirlo in Italia (e, nonostante le spese di spedizione, continua a costar meno che comprarlo in loco, soprattutto certe marche o tipi speciali)… perchè? Perchè la stessa confezione di latte artificiale che in Italia costa 30 € (e ci si fa a dir tanto una settimana di biberon), in Germania ne costa 10. E io dico: non dovremmo adeguarci PER TUTTO, allora??

Per tutto comprese le altre cose citate: spese sanitarie (la moglie di un ministro che vuol rifarsi le tette se le rifà a spese nostre, mia figlia di 2 mesi invece paga 38 € per l’ecografia alle anche…), accise assurde sulla benzina (peraltro per cose che non sono state comunque sistemate, ad esempio danni di terremoti del secolo scorso), stipendi alle casalinghe (ma sia mai! Tra le più avvelenate oppositrici a queste cose ci sono proprio donne lavoratrici, spesso addirittura pure madri a loro volta…), sovvenzioni per scuola e cultura. E invece, in mezzo a tutto sto macello, si preferisce spendere miliardi per dei nuovi cacciabombardieri… che, se proprio vogliamo usarli, un paio di obiettivi (o anche tre) avrei io da darglieli, per vedere se le bombe funzionano davvero. E lo farei per puro spirito altruistico, non credete: così potrebbero vedere come funzionano bene proprio quei deficienti che ne hanno approvato la spesa, soprattutto in un momento simile.

E parliamo di evasione fiscale, che ha fatto tanto scalpore nei giorni scorsi con l’operazione di verifica svolta dalla Guardia di Finanza a Cortina d’Ampezzo. Sempre negli USA è possibile scaricare dalla dichiarazione dei redditi qualsiasi spesa fatta durante l’anno, o quasi… ricordo una puntata dei Simpson in cui Ned Flanders decideva di non mettere in detrazione lo scontrino di non ricordo che oggetto perchè “In fondo si era divertito ad usarlo”. Non sarebbe un incentivo per tutti a chiedere o rilasciare fatture e ricevute, dato che se ne potrebbe avere indietro una parte o comunque metterle in detrazione sul reddito (comunque, se dovesse venirvi voglia di far qualcosa per l’ennesimo che si rifiuta o fa lo gnorri al momento di rilasciarvi un documento fiscale, vi segnalo questo sito http://tassa.li/, che ho scoperto grazie allAutistaXCaso)?

E per concludere (alleluja, eh?) mi ricollego al titolo del post: l’impressione che il povero patacca d’italiano ricava da tutte ste manovre e contro manovre è ormai da un pezzo che la giustificazione di doverci “adeguare all’Europa” valga per i nostri governanti (ma, come già scritto in un altro post: mica ce l’ho con Monti & Co. Per lo meno: non ce l’ho solo con loro. Perchè  per combinare un casino del genere ci son voluti anni se non decenni, mica si fa in 3 mesi di governo!) “solo quando fa comodo”. Quando fa comodo ai soliti abituati a fare appunto i loro porci comodi a spese di tutti, ovvio…

Annunci

13 pensieri su “Solo quando fa comodo

  1. Mi ricordo quando avevo i bambini piccoli, ho dovuto metterli in asilo nido privato perché lavorando nel settore privato non potevo permettermi di stare a casa tutte le sante feste, l’estate e gli scioperi e/o riunioni sindacali. Per cui al tempo di mio figlio e di mia figlia io ho lavorato per 300.000 lire al mese in quanto la mia paga andava tutta per la loro retta. E’ stato uno stillicidio. quel che mi avanzava all’epoca comunque aveva un potere d’acquisto maggiore di quello che oggi hanno 150 euro!

    Mi piace

    • Ecco, è esattamente il motivo per cui a febbraio io presenterò la lettera di dimissioni: con l’orario attuale, prendo 850 € netti (sebbene per pagare il ticket all’AUSL io debba dichiarare il lordo… magari lo vedessi!). Ah, e già a settembre 2011 il mio datore di lavoro avrebbe dovuto calarmi le ore da 32 a 10, cosa che non ha fatto per farmi andare in maternità con le 32… se da marzo mi mette a 10, vedo col cannocchiale anche gli 850 €.
      Il nido ci costerebbe più o meno quello che ho scritto: almeno 600 €. A questa spesa, bisogna aggiungere l’acquisto e il mantenimento di una seconda auto: visto che avrei degli orari d’ufficio rigidi da rispettare, impossibile portare la pupa a piedi (a 4 mesi non potrei ancora portarla direttamente in bici), tornare a casa a prender la bici, andare a lavoro, ecc…
      Ergo: andare a lavorare per probabilmente rimetterci quattrini (considerando anche che con quello che stanno combinando non c’è più nemmeno l’incentivo “lo faccio per la pensione”)?!?

      Mi piace

  2. Ci sono più pecore qui che in Irlanda.
    Tranne quando vanno allo stadio.

    Io sono ovviamente d’accordo, e sottolineo ” ovviamente ” perché credo lo siamo tutti.
    Ma per strada nessuno, e ad organizzare nessuno.
    Fermo restando che l’idea di protestare sotto il vessillo leghista mi ripugna.

    Io continuo a dirlo: datemi fiducia, prendetevi una spranga e seguitemi che faccio i biglietti per Roma.
    Però sembra che nessuno abbia davvero voglia di impegnarsi.
    Altro che ’68, qui siamo tornati agli schiavi che costruirono le piramidi.

    Mi piace

    • Dammi giusto il tempo che migliori la prensilità delle manine della pupa (non dico una spranga, ma almeno che riesca a reggere che so… un cacciavite…), e puoi prenotare anche il nostro, di biglietto…
      “Scherzi” a parte, di base non sarei favorevole all’uso della forza. Il problema è che hanno distorto talmente “bene” tutto il sistema che usando i mezzi civili, democratici e canonici che ci sarebbero per cambiare le cose in un paese normale, i 60 milioni di pecoroni italiani hanno invece a dir poco le zampe legate (e uno spiedo su per il culo, scusate il francesismo…).

      Mi piace

  3. Avevo visto anche io il testo che pubblichi, e anche a me aveva generato giramenti di pianeti e considerazioni varie, che condividerei volentieri con te:
    – Quando dicono che dovremmo adeguarci all’Europa intendono anche che dovremmo liberalizzare droghe leggere e casini, come avviene ad esempio in Olanda?
    – Quando pensiamo che in Spagna/Germania/Francia/ovunque si guadagna mediamente €quellocheè cosa significa? Quanto costano in quel paese mediamente i trasporti, la scuola, l’affitto, la benzina, il bigmac, il biglietto del cinema, una giacca a vento, i pannolini, il latte ecc.ecc? Perché Se anche si guadagnasse il 10% in più che qui, ma le spese fossero mediamente superiori del 30% non sarebbe un affare, se invece si guadagnasse anche il 10% in meno, ma con migliori servizi e costi comparabili vi si vivrebbe meglio;
    – Tasto dolente dell’evasione fiscale: le spese mediche non sono soggette a Iva, solo al bollo (€ 1,81). Avete visto mai un dentista (categoria più o meno a caso, ma oculisti e altri specialisti vari non si comportano in modo differente) che non vi proponga ugualmente il nero? e che se rifiutate non vi aumenti il costo del 20%? Forse negli altri paesi c’è evasione fiscale come da noi e non se ne parla, oppure forse semplicemente negli altri paesi non vivono gli italiani, che sono maestri nell’arrangiarsi e che per questo preferiscono arrangiarsi con il nero che pagare le tasse e far pagare le tasse a quelli che non emettono fattura. E poi cosa significa “le serve la fattura?” la risposta esatta sarebbe a me forse no, a te si per pagarci le tasse (non solo l’IVA ma anche l’IRPEF, e forse pure l’IRAP in alcuni casi)
    – In alcuni paesi confinanti (Francia) quando dichiari il reddito percepito per ottenere un contributo, devi dichiarare il NETTO, non il LORDO. Perché io con il mio stipendio lordo ci farei tante belle cose, solo che prima devo fare a metà con lo Stato, e con quello che ne avanza poi forse posso viverci.
    :S

    Mi piace

    • Beh, allora potremmo anche piantarla con tutte le pippe sulla pillola del giorno dopo, sulla fecondazione eterologa, sul matrimonio tra omossessuali, ecc. ecc. … in altri paesi Europei son cose che si fanno, no? Adeguiamoci! 😉

      E per quanto riguarda le fatture per spese mediche, hai sollevato una questione giustissima: non sono soggette ad IVA. Ma possono essere rimborsate col 730. Non hai idea di quante volte ho già tentato di spiegarlo a mia zia, che invece continua ad accettare di pagare in nero il suo dentista perchè se no le farebbe sborsare il 20% in più: pure l’altro giorno le ho detto che in questo modo l’unico che ci guadagna è il delinquente con il trapano in mano, perchè lei non si sta risparmiando un bel niente (ma anzi, da un certo punto di vista ci sta facendo rimettere tutti…)!

      Insomma, mi trovi concorde su tutti i punti che hai sollevato… compreso quello del netto/lordo che è soltanto una presa per i fondelli, considerata la pressione fiscale che abbiamo addosso! Facci caso: per rientrare nelle fasce basse di certi scaglioni di reddito, altro che chiedere il contributo a Comune/Regione/Stato/Ente… saresti già da un pezzo a chiedere l’elemosina sul sagrato del duomo!

      Mi piace

      • Il problema delle spese mediche è inquietante, perché dimostra chiaramente che, anche di fronte alla possibilità di risparmiare qualche eurino sulle tasse e senza la necessità di pagare l’iva l’italiano medio la fattura NON la chiede. E’ un problema culturale, che si riassume nella frase della mia mamy quando affrontiamo il discorso: “preferisco vedere in faccia chi spenderà i miei soldi. Il dentista lo farà per campare, i politici per fare porcherie”.
        In questo misuriamo due DIS-valori dell’Italia di oggi: l’abisso che separa i politici (ma forse potremmo parlare direttamente dello Stato) dalla gente comune; la percezione diffusa che le tasse siano profondamente ingiuste, e che perciò chi non le paga, in qualche contorta maniera, in fondo in fondo faccia bene a non farlo.
        Eppoi… se anche tutti gli evasori fiscali pagassero tutto il dovuto, io sono convinta che gli sperperi dei politici continuerebbero, magari peggio di prima.
        E questo non mi fa vedere con occhio benevolo gli evasori fiscali, ma mi fa imbufalire ancora di più nei confronti di chi ci governa.

        Mi piace

        • Hai centrato in pieno: ormai è una questione culturale. Le tasse non sono giuste, chi può non pagarle fa bene a non farlo.
          Perfetto: peccato che così ne paghino il doppio quelli che non possono evadere nemmeno volendo… stranamente però la percezione di questa ingiustizia è talmente distorta che se la dimenticano tutti!
          Ho sentito gente giustificarsi che evade perchè se dichiarasse tutto il reddito/emettesse tutte le fatture poi non arriverebbe a fine mese… ok, mi spiace che ci siano difficoltà. Ma le stesse difficoltà per arrivare a fine mese le ha anche l’operaio, il pensionato, l’impiegata… solo che questi non arrivano a fine mese e basta, non possono decidere di “far finta” di avere un lordo inferiore, il mese che c’è da pagare l’RCA della macchina!
          Tra l’altro, negli USA non si scandalizza proprio nessuno se gli evasori vengono messi in galera senza troppe cerimonie, qua da noi il massimo che riescono a fare è una buffonata di condono: e che altro è se non la “benedizione sottintesa” delle istituzioni all’abitudine di svicolare in tutti i modi gli obblighi fiscali?
          E, parlando delle istituzioni: ma sono perfettamente convinta anch’io che pur se l’evasione fosse a zero il gettito fiscale verrebbe comunque sperperato in vaccate… solo che, appunto: non è una giustificazione per gli evasori. Dovrebbe essere un incentivo a mandare a casa quello stuolo di delinquenti…

          Mi piace

  4. Eeeeeh… I cari politici, che ci vogliono far fare come l’Europa… Sì ma solo per quello che gli conviene…
    Dal profondo del cuore mi viene solo un grosso enorme solenne PRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR

    Mi piace

  5. Ma io ultimamente vedrei di buon occhio una dittatura, almeno così non ci sarebbero discussioni infinite sulle cose da fare e non si dovrebbero pagare fior di stipendi ai nullafacenti che siedono in parlamento. E ora vado a pescare la puntata dei simpson che hai detto nel post, che non me la ricordo 🙂

    Mi piace

  6. Sicuramente c’è bisogno di un cambiamento e anche grosso, ma (per quanto possibile, che anche la mia pazienza ha un limite!) sono dell’idea che l’unico dittatore che potrei accettare sarebbe Valeren di Dictator Wannabe… 😉
    Poi, ammetto che pure a me è venuta l’idea che per guidare sto gregge di pecoroni ormai l’unica sian le maniere forti… che faccio, continuo a sperare che ci sia la possibilità di restar stupita?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...