Sotto il naso…

Allora: non badate alla qualità dell’immagine, a come è stata “photoshoppata” (male, lo so già. Tra l’altro, manco con Photoshop è stata fatta, se proprio vogliamo esser pignoli… sempre il mio caro vecchio PictureIt! ho usato), ecc. ecc… serve soltanto a descrivere come mi sono sentita.

Per la verità avevo in mente uno spot estero di non mi ricordo quale snack con un tizio che andava a caccia senza vedere manco una piuma o una coda, e poi appena si distraeva a mangiar sta cosa… ecco, tripudio di volatili, orsi, volpi e animali selvatici di qualsiasi specie. Finito lo snack e l’estasi della merenda (probabilmente a base di una nota polverina bianca), di nuovo calma piatta (no, non era uno dei vecchi spot del KitKat, ho già controllato su suggerimento del Consorte…). Ma, se siete riusciti a leggere questa delirante descrizione, vi sarete già resi conto che – ammesso e non concesso che questo filmato sia ancora da qualche parte sul Tubo – riuscire a trovarlo con tali premesse sarebbe stato più che altro un miracolo di Gooooooogle…

Ma scusate la divagazione. “Come mi sono sentita” per cosa? Beh, ma per il primo dentino dell’Aquilina! 😀 Cerca, cerca, cerca… nel posto sbagliato..!

Era da  ormai 4 mesi (dalla visita di febbraio dalla pediatra) che “in teoria” sti denti eran lì lì per spuntare… gli incisivi centrali inferiori, ovvio (che, se sono i primi che cadono, saran poi anche i primi che spuntano, no?). Però non succedeva niente: la gengiva non sembrava irritata, le mani in bocca la pupa se le metteva sempre e comunque, sbavare come se non ci fosse un domani era ormai attività standard (con mio vivo disappunto perchè il bavaglino è indispensabile dalla mattina alla sera e uffa… così non si vedono bene magliette e vestitini, quando usciamo! 😦 Sì, perchè la sindrome da “vesti la tua Barbie” me la son beccata, eh…), niente febbre, niente nottate insonni come tutti ci prospettavano (“Ve ne accorgerete! Il mio primo quando ha messo i denti non ha dormito per tre mesi”… Estikapperi, che fortuna con la “c” maiuscola…).

Nessun campanello d’allarme anche sul fronte “download in pannolino” (scusate l’argomento “sporco”), che tutti dicono sia un altro segnale (parlando chiaro che tanto siam tutti adulti e vaccinati: diarrea): l’Aquilina non ha mai scaricato rifiuti “solidi” in vita sua, alla faccia di quello che dovrebbe essere lo standard per i neonati allattati col latte artificiale: “una volta al giorno (anche ogni due… ah, se non diventano proprio stitici) e semisolido”“Tiè: e io il download lo faccio un paio di volte al giorno, e pure di consistenza “da latte materno”!” … Inoltre qualche “variazione” in merito poteva anche essere causata dal micro-cambio di dieta (eh, perchè siam sempre lì a tentare di propinarle pappine).

Sì, negli ultimi giorni era capitato che iniziasse a pianger disperata senza apparente motivo, ma avevo dato la colpa a possibili incubi, ai primi caldi (piangerei anch’io, in certi momenti) o magari a punture di zanzare & co.; una volta era sembrato le fosse venuta l’idea di far capricci al momento di dormire (mai fatto prima, è da febbraio che alle 23.45 ci salutiamo con bacetto della buona notte, giostrina e lei secca come un sasso fino a mattina)… ma insomma, ai denti non c’avevo proprio pensato. Anche il fatto che avesse meno appetito… eh, con sto caldo chi è che ha fame (tranne le gatte…)?

Martedì scorso, il Consorte era al telefono con una delle sue zie, e proprio parlando delle nostre difficoltà con la pappa, la zia gli ha detto: “Ma ha già i denti?” “No no, ancora niente…” “Perchè guarda, appena spuntano i denti per le pappe si sistema tutto, non preoccupatevi…” . E pure lì: dal giorno prima avevo notato che aveva iniziato a inghiottire qualcosa invece di spinger fuori tutto con la lingua, ma figurarsi se io c’ero arrivata…

Quello stesso pomeriggio, però, mio padre mi dice che gli è parso di veder dei puntini bianchi sulla gengiva inferiore, per lui stanno spuntando i denti. Io lì per lì gli ho risposto per me se l’era sognato (giusto per non suggerirgli di cambiare pusher), poi più tardi mi son detta che se aveva avuto l’impressione magari un fondo di verità c’era… e ho iniziato a tentare di esplorare la bocca dell’Aquilina (“mission impossible”, più o meno… tanto per dire come agevolava la manovra).

Ebbene: giusta intuizione, errata posizione. Un dente c’era (pare un chicco di riso), ma non dove tutti lo aspettavamo e lo cercavamo (in basso al centro): all’Aquilina è spuntato l’incisivo laterale destro superiore (che quando uno ha finito di pronunciarlo, la pupa ha già compiuto un anno…)!

E, sebbene tutti adesso ci dicano “No no, ma i prossimi che spuntano saranno di sicuro quelli di sotto!”, ora che abbiamo cominciato a darle un gel apposta per la dentizione sia io che il Consorte abbiamo l’impressione che il prossimo dente che spunterà sarò il gemello sinistro del primo. In pratica, se c’azzecchiamo, a breve l’Aquilina sarà in modalità tricheco… 😀

Annunci

18 pensieri su “Sotto il naso…

  1. ahhhhh capita 🙂
    Anche al Lo sono spuntati un po’ a casaccio, i canini tra i primi che invece dovrebbero essere gli ultimi……………….

    Cmq non stare a sentire tutti i menagramo del mondo che ti parlano di febbre, cagotto, pianti ininterrotti ecc ecc ecc……… la mia esperienza è che se non mi morsicavano, manco mi accorgevo che avevano i denti, tutti e due.

    So………….. 🙂

    Mi piace

    • Non voglio mica cantar vittoria… che di denti ne ha da mettere ancora un’altra trentina abbondante, magari ne verranno di quelli che le daranno fastidio (ma magari… anche no… 😛 )! Però ammetto che (per l’ennesima volta) mi sono sentita di un tonto che non ti dico… 😀

      Mi piace

    • Ecco il dono della sintesi che a me manca… 😉
      Non che dovessimo ricevere una raccomandata di preavviso almeno 8 giorni prima, ma da come me la raccontavano tutti sembrava una di quelle cose che quando capitavano “non puoi sbagliare”: cavallette, inondazioni, tsunami…
      Invece, sia leggendo il commento di Puffola che quando ho raccontato sta cosa ad un’amica neomamma del Micing (quella che ho già citato in altri post), pare possa anche essere una cosa “stealth”: per dire, pure lei s’è accorta che la bimba ha messo i primi denti perchè *sdeng!* c’ha sbattuto contro col cucchiaino dandole la pappa… 😀

      Mi piace

  2. Ma dai!!! Ma nel caso, rimane Aquilina o passa al più evocativo “Trichechina”? 😉
    Qui, per la cronaca, tutto tace, ma mamma dice che io ho iniziato ad 11 mesi, quindi potrebbe esserci tanto da aspettare!

    Mi piace

    • Io invece all’età dell’Aquilina ne avevo già quattro “installati”, di denti (mia madre ha annotato questo genere di cose in un’agenda)… e confesso che stavo iniziando a pormi qualche domanda! 😄

      P.S. Sai la cosa più assurda? Che qui in casa non la chiamiamo nè Aquilina (infatti mi fa specie quando una mia amica che ogni tanto capita qua, la chiama così quando ci vediamo! 🙂 ), nè (e vorrei vedere! Se non altro perchè manca ancora il 50% del materiale) Trichechina… viene chiamato in ballo un altro animale ancora! 😀

      Mi piace

        • Rispondo qui alla domanda (se sapessi se e come spostare i commenti lo farei… ma appunto: se sapessi! 😉 ):
          Puzzola è carinissimo, ma noi abbiamo in casa un esemplare di “Topola“… Che poi deriva da “Topolotta“, solo che era talmente lungo che quando avevi finito di dirlo era cambiata stagione!
          Non so perchè, è venuto da chiamarla così al Consorte. Io mi sono adattata facilmente pensando che era giusto: era la degna figlia di sua madre. Già, perchè la mia mi chiamava “Topolina“… (con sdegno del pediatra, che una volta la rimproverò pure: “Ma signora, le ha dato un così bel nome! Usi quello!”) 😀
          La particolarità è che il Consorte non era a conoscenza di questa storia, gliel’ho raccontata io dopo avergli chiesto “Ma da dove t’è venuto?!?”.

          Mi piace

          • Allora, da noi Puzzola va per la maggiore, ma poi c’è anche la variante Puzzolotta, poi Patata o anche Patatata… E nonostante questo, lei ha imparato a girarsi quando la si chiama col suo vero nome: io non mi spiego come lo abbia imparato, che tra me e il padre, la si chiama raramente così… E’ un genio! Soprattutto quando si volta se la chiami Nando… 😄

            Mi piace

            • Mmmh… mi sa che dovrò far delle prove…
              Perchè in effetti pure da noi il nome di battesimo finisce per essere quello meno usato, e non vorrei trovarmi tra qualche mese a strillare per il parco Topolaaaaaa, dai che dobbiam tornare a casa!!” 😄

              Mi piace

  3. Se vuoi dialogare con una persona che sull’argomento bambini-allattamento-dentini-pappine non sa un emerito piffero…e che guarda i bambini come degli esseri strani, presente!!!!
    Elisa

    Mi piace

    • Mmmmh… credo ne verrebbe fuori un’ottima conversazione, perchè… saremmo in due a non saperne una mazza (la pupa ha sette mesi e mezzo, ormai, ma io son sempre lì con quella sensazione come di stare davanti a un rebus della Settimana Enigmistica: mai capito un piffero, dei rebus…)! 😀

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...