Svolte

Ieri mattina ero un po’ giù di corda: l’Aquilina è alle prese con il suo secondo dentino, e durante il giorno capita che abbia delle crisi di nervi niente male (il che, da un certo punto di vista, mi pare pure giusto).

Probabilmente soffre anche il caldo, caldo che rende inutile il fatto che, nonostante il dentino, almeno la notte continua a dormire tutta una tirata dalle 23.45 alle 9-9.30… questo perchè con quest’afa assurda e le temperature surreali che vedono il termometro segnare 31°C già alle 8.15 di mattina (sul lato in ombra della casa), io col piffero che riesco a fare una notte di sonno decente. No, non ce l’abbiamo il condizionatore fisso. Sono anche arrivata a pensarci (per via della pupa, che noi finora ce la siam sempre cavata a ventilatori e fratello povero del Pinguino), ma poi mi sono detta che anche chiamando subito qualcuno, probabilmente sarebbero venuti a montarcelo a settembre. O magari anche solo tra due settimane… ma nel giorno esatto in cui l’avremmo avuto in casa, le massime si sarebbero “inspiegabilmente” portate sui 18°C.

Poi abbiamo appena cambiato la porta del condominio, tra meno di un anno ci sarà da cambiar la macchina, c’è da rifare la pavimentazione del cortile e – last but not least – sono ufficialmente disoccupata. Bon, altro giro altro regalo eh?

Comunque: sarà che il caldo lo sento pure io, sarà che le poche ore di sonno si fan sentire e che ancor di più si fa sentire l’Aquilina quando strilla (la pediatra, durante una delle visite, ci ha chiesto “Ma piange sempre così forte??”… e dire che un pediatra dovrebbe avere un certo pelo sullo stomaco, quanto a pianti di bambini! 😛 )… ecco, ieri mattina avevo proprio il morale sotto le infradito. Insomma, ho fatto ben poca resistenza quando mio padre s’è offerto di portar lui la pupa al parco…

Dato che dormire “fuori orario” non mi riesce più da quando avevo due anni (appena tolte le sponde al lettino e acquisita un po’ di mobilità, il mio pisolino postprandiale si concludeva non appena mio padre – che ha sempre avuto e ha questa abitudine – si addormentava: fuga da Alcatraz, e mia madre mi trovava “magicamente” in salotto davanti alla TV), escluso un tentativo di recupero di sonno eccomi davanti al fido portatile. C’è posta. Vabbè, sarà il solito spam…

E invece no.

Stavolta in posta elettronica è arrivato qualcosa che ha ribaltato le sorti di una giornata storta: sono bastate 11 righe e 5 foto direttamente dalla Cina. Così “poco”? Beh, se si tratta di una nuova famiglia che si è appena formata non vi pare sufficiente? 😀

E allora tantissime congratulazioni a mio cugino C. e  sua moglie B. per essere finalmente riusciti a realizzare un sogno così grande… e un immenso benvenuto al piccolo X. G. (non vedo l’ora che l’Aquilina possa conoscere il suo nuovo cuginetto con gli occhi a mandorla! 🙂 E che occhioni, signore e signori… *__* ).

Annunci

17 pensieri su “Svolte

    • Ho iniziato a capirci qualcosa di adozioni appunto per la trafila che han dovuto fare mio cugino e sua moglie, e ancora di più adesso che altri due nostri cari amici hanno iniziato lo stesso percorso… un ginepraio per molti versi assurdo (perchè capisco che sia una cosa seria, che bisogni esser motivati, che… e che… ma quando m’han detto come [non] sono organizzate le adozioni qui in Italia ci son rimasta basita!).
      E quindi ora che finalmente ce l’hanno fatta e che il bimbo è lì sereno fra le loro braccia… *lacrimuccia* 🙂

      Mi piace

    • E’ esattamente quello che penso anch’io… anche perchè (lo so che sembra una frase fatta, ma non lo è) se ci sono due che vedevo bene come genitori erano proprio loro.
      Difatti, quello che mi ha abbastanza basita sono state le reazioni scettiche e dubbiose di alcune parenti anziane (nello specifico una cugina e una seconda cugina di mio padre e mia zia, e della nonna “acquisita” di mio cugino): “Mah… e poi un cinese…”… e non intendo soffermarmi sulla frase “…e poi un cinese” (che cambia? Non ha due occhi, due gambe, due braccia e bisogno di genitori come tutti i bambini??), ma proprio sul “Mah…” riguardo l’adozione.
      Sono ben altre le cose per cui bisognerebbe conservarsi i “Mah…”, dico io (e parecchie di queste stanno affondando l’Italia, ma al solito… gliene frega niente a nessuno)!

      Mi piace

  1. Immagino quello che stai passando con l’aquilina per il caldo, lo stesso problema ha mia sorella con mia nipote (le bambine sono praticamente coetanee e vivete vicine), per quanto possa servire hai tutta la mia solidarietà. Per il resto congratulazioni a tuo cugino, ma sarà il caldo però non ho capito una cosa, perdonami la domanda indiscreta: tuo cugino vive in cina oppure vive qui e ha adottato un bambino cinese?

    Mi piace

    • Devo dire che l’Aquilina sta reggendo sto caldo anche meglio di noi, solo che è diventato ancora più difficile convincerla a mangiare i papponi… e in effetti la capisco: nel seggiolone ancora quasi sparisce, e immersa nella plastica praticamente fino al collo non riesce a resistere per più di mezz’ora (mezz’ora che passa per lo più a cercare pretesti per distrarsi e spostare la testa all’ultimo minuto le volte che riesci ad avvicinarle il cucchiaio =__=).

      Per rispondere alla tua domanda (per nulla indiscreta), mio cugino abita qui nella mia stessa città: sono andati in Cina (e rimarranno lì fin dopo la metà del mese) apposta per l’adozione.
      Non è che non ci siano bambini che hanno bisogno di una famiglia anche in Italia, è solo che il sistema di adozioni qui da noi è una cosa assurda. Ad esempio, non c’è un'”ente” centralizzato: ogni regione fa a sè. Questo significa non solo che non c’è una “lista” a livello nazionale dei bambini adottabili, ma anche che gli aspiranti genitori devono presentare un’istanza di adozione differente (ogni volta riprendendo da capo l’iter istruttorio) per ciascuna regione in cui intenderebbero adottare: una al Tribunale dei Minori di Bologna per i bambini emiliano-romagnoli, una a Bari per i pugliesi, una a Cagliari per i sardi… e così via. L’ulteriore assurdità è che a a livello teorico Bologna potrebbero accogliere la tua istanza, mentre a Napoli invece per il Giudice potresti non essere idoneo…
      Inoltre, sono previsti esami clinici e pure un check del reddito (ad esempio, se sei disoccupato o non hai un lavoro fisso – strano, di sti tempi, eh? – hai dei “punti” in meno. Tolto il fatto che anche solo di spese legali, ca77i e sdazzi già se non hai qualcosa da parte col cavolo che puoi sperare di arrivare in fondo all’iter).
      E non dico che non siano necessari dei controlli su a chi si fa adottare un bambino… dico solo che stiamo un po’ esagerando, viste certe teste di cavolo che mettono al mondo figli “naturalmente” e poi li trattano come spazzatura senza che nessuno dica nulla…

      Mi piace

  2. Complimenti per il nuovo arrivato, e vedrai anche il caldo passerà.
    In questo momento qui si suda da matti, il condizionatore non lo accendo nemmeno, basta accettare il sudore come rinfrescante e pale rotanti in ogni stanza. a parte il fatto che ieri il freddo l’ho anche patito un po’ sotto la pioggia a 2350 mt d’altezza (poi metto le foto nel blog, il mio contrinuto al fresco).

    Mi piace

  3. Io economizzo anche il ventilatore, perché la corrente elettrica costa…. 😉
    Auguri per il nuovo arrivato e per il dentino dell’Aquilina! son momenti tosti, ma di soddisfazione!

    Mi piace

    • Cerco anch’io di tenere accesi ventilatori e condizionatore portatile (che ormai di portatile ha ben poco… è fisso in camera dell’Aquilina, lo teniamo acceso quando lei non è “in sede” per toglierle almeno un po’ di umidità) meno che si può… sia per una questione di risparmio, sia per il fatto che a quanto pare non siamo mica ancora arrivati al “peggio” della graticola: dopo Caronte, ho letto che ci aspetta “Lucifero”… (che altro cavolo si inventeranno per un anticiclone, ormai non ne ho idea!). O__O;

      Mi piace

    • Oddio, spero per loro che quanto a potenza vocale X.G. si trattenga un pochino rispetto alla sua seconda cugina (ma credo di sì, in fondo è già un “ometto” di 20 mesi)! 😄

      Mi piace

    • Non lo conoscevo, grazie per il suggerimento! Magari lo giro anche alla mia amica che ha iniziato l’iter qualche mese fa… non siamo tutti uguali, ma a me conoscere le esperienze di chi si è trovato o si sta trovando nella mia situazione ha sempre fatto parecchio comodo, in tanti casi. 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...