Habemus verbum

Il Consorte è un po’ scettico, dice che secondo lui è stato un caso.

Io invece sono dell’idea che sia stato “un caso” solo al 10-20%: sicuramente l’Aquilina l’ha ripetuta due volte in due occasioni diverse (seppur ravvicinate), e altrettanto sicuramente non era uno dei suoi soliti “Dadadada“, “Tetete“, “Veveveveve“… ha detto le due fatidiche sillabe (tra l’altro, in entrambe le occasioni, mentre il Consorte stava uscendo dalla stanza), e lì s’è fermata.

E quindi penso di poter annunciare che… la pupa ha detto la sua prima parola! 😀

E sì, è quella dell’immagine (del resto, giustamente che gliene può fregare a lei di chiamar “mamma“, che tanto quella rompipalle è sempre lì comunque…). 😉

P.S. Mi scuso con chi se ne intende se il latino del titolo è una bestemmia linguistica (probabile), ma da brava ragioniera di latino so poco e nulla (inoltre, non volerlo assolutamente studiare è stato la ragione per cui non ho voluto fare il liceo, fate voi…). 😛

Annunci

13 pensieri su “Habemus verbum

  1. Complimenti!!! anche mio figlio disse prima Papà, mio marito andò in brodo di giuggiole, ovviamente, ma va bene così: il legame madre-figlio/a è qualcosa di talmente indissolubile, che si può ben condedere la palma della prima parola al consorte 😉 buon mercoledì

    Mi piace

    • Mi diceva qualche settimana fa una mia amica che anche la sua prima figlia ha detto “Papà” come prima parola… lei puntava tutto sul secondo per “riguadagnar punti”, e invece… “Papà” pure il maschietto! 😀
      Ti dirò, a me importa che faccia progressi… non come li fa. E poi è già tanto che la prima parola dell’Aquilina non sia stata una delle “madonne” che mi scappano quando leggo o sento certe notizie… 😛
      Buona giornata anche a te! 🙂

      Mi piace

    • Ho aspettato per “cantar vittoria” (c’è gente che afferma che il suo/la sua chiama “mamma” già da quando aveva 3 mesi… e certo, se prendiamo come “parola” il ripetere la stessa sillaba a oltranza senza associarvi significati, allora anche l’Aquilina ha già un vocabolario di almeno 10 parole!), ma stavolta direi che ci siamo! 🙂

      Mi piace

  2. Ma brava l’Aquilina!!! La Puzzola invece sta complottando contro i suoi genitori: sa chiamare il cane “CA”, sa che il cane fa “BA” e se le chiedi dov’è il cagnolo (il pelouche), si guarda attorno finché non lo trova e poi lo indica. Ecco devo dirti che di chiamare mamma e papà non se ne parla nemmeno? E che pure se le chiedi “dov’è mamma/papà” è capace di indicare anche un fogliettino di carta ma non noi? Uhm… Forse se la facessimo psicanalizzare scopriremmo che in questi quasi dieci mesi di vita ha iniziato a provare del rancore nei nostri confronti…Ma l’adolescenza non arrivava un po’ più in là? 🙂

    Mi piace

    • A mio parere semplicemente… se ne strafregano! 😀 Niente analisi psicologiche, sanno che tanto mamma e papà son lì… e perchè chiamare o indicare qualcuno che è lì (per la serie “Nonno, ma che cappero mi chiedi che la mamma è davanti a te???”? L’Aquilina chiama “Ga” quando si trova davanti una delle gatte, ma – per dire – non è ancora all’indicare qualche oggetto “a richiesta”… Credo che anche per questo genere di cose andrà del suo ritmo strafregandosene di tabelle e tappe, come ha fatto e sta facendo col mangiare (per dire: sono convinta che inizierà a camminare senza aver mai gattonato e senza essersi mai tirata in piedi da sola… perchè pure con la pigrizia dobbiam combattere). In ogni caso, mi sa che siamo ancora lontani dal riuscire a “comunicare”! 😛

      Mi piace

  3. Allora per festeggiare puoi farle i buchi alle orecchie, così quando sarà grande e si arrabbierà per la barbara pratica (ma attenzione: se non glieli fai si arrabbierà perchè non ci hai pensato) potrai giustificarti nel seguente modo: “Era per festeggiare la tua prima parolina”. Ti prego avvertici al terzo papà, non potrà essere un caso.

    Mi piace

    • Devo dire che “papà” ieri ha continuato a dirlo di tanto in tanto anche quando papà non c’era proprio (insomma, ho idea che al momento la usi ancora un po’ “alla boia”)… però in compenso anche i nostri “amici del parco” (che dopo 4 mesi che sei lì tutti i giorni ormai di gente ne abbiam conosciuta…) son stati d’accordo nel riconoscerla come parola. Giusto per dire che almeno m’han tranquillizzata che non ero io a farmi seghe mentali…

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...