Distacchi

kaiten sushiSettimana scorsa è stata la prima di ferie di quest’anno del Consorte, e venerdì sera abbiam deciso di festeggiare. No, non di festeggiare che fosse in ferie (anche se di questi tempi probabilmente bisognerebbe davvero farlo: il fatto di essere in ferie sottintende che uno abbia pure un lavoro dal quale prendersele. Praticamente un miracolo)… per festeggiare un paio di cosette “successe” durante la sua settimana di vacanza.

La prima è stata il doveroso riordino dei garage. Era dal 2008 che non ci mettevamo più mano seriamente: 5 anni di casino ordinario aggravatosi nell’ultimo anno man mano che finivano di sotto più o meno ad minchiam gli scatoloni della roba dell’Aquilina diventata piccola o non più utilizzata. Poi, negli ultimi tre mesi, si erano ammucchiati anche tutti i sacchi di roba destinata all’isola ecologica… avevamo continuato a rimandare lo smaltimento non potendo entrare in cortile con la macchina (la ripavimentazione non è mica ancora finita, sapete? Anzi… i marciapiedi nuovi di pacca si son messi avanti col lavoro, e hanno iniziato a tirar delle crepe ancor prima che “il fondo [del resto del cortile] fosse pronto per l’asfalto”). ‘nzomma, ormai si faceva fatica ad entrare nei garage, figuriamoci spostarsi al loro interno. Per farla breve: sgombero dei riciclabili e riordino due garage e cantinotto… 5 ore e mezzo di lavoro in tutto (il nonno si è dovuto prestare come babysitter solo per una mattina ed un pomeriggio). Direi che siam stati bravi…

Il secondo motivo di festa era che l’Aquilina si era finalmente decisa ad inserire qualcosa di nuovo nel suo menù: hamburgerini di prosciutto cotto e bastoncini di pesce. Ormai è una veterana della pastina al sugo in tutte le salse, ma per il resto… eh, eravamo ancora fermi ai “papponi”. Invece, con un po’ di rimostranze d’ordinanza e il passato o minestrone di verdure per agevolare l’ingresso delle novità sminuzzate… finalmente ce l’ha fatta ad aggiungere un paio di cibi “da essere umano” alla sua dieta.

Insomma, quale migliore occasione per far provare anche al Consorte il “nuovo” (si fa per dire, sarà più di un anno che è aperto) ristorante cino-giapponese che hanno aperto in città (e che io avevo già avuto occasione di testare una volta con S.)? Formula a prezzo fisso “all you can eat” con piattini “a rullo”… niente di meglio per togliersi la voglia di sushi (e non solo) con un po’ di calma: al ristorante si arriva in bici in 5 minuti, niente perdite di tempo per ordinare/aspettare/andarsi a pigliare le pietanze… perfetto per due fantagenitori con i minuti contati.

Premetto che in 20 mesi di vita dell’Aquilina questa è stata la seconda volta che l’abbiamo lasciata a casa da sola col nonno per uscire a cena: saremmo comunque rientrati per metterla a letto noi, ma è giusto per dire che non è granchè abituata a queste cose.

Comunque, tornando a venerdì sera: l’Aquilina finisce di cenare, arriva il nonno, ci prepariamo noi per uscire. Arriva il momento dei saluti di rito. Anzi, arriverebbe: condizionale d’obbligo.

Mi fermo sul pianerottolo per salutarla, con mio padre che le fa “Fa ciao alla mamma!”, ma lei mica mi sventola la manina col suo solito “‘Ao!” (che ormai distribuisce in giro generosamente anche a sconosciuti, cani, pavoni, conigli e a volte ad oggetti inanimati). Nonnò.

L’Aquilina fa tre passi avanti, appoggia decisa i manini sulla porta e si premura di chiudermela in faccia. “Toh mamma, fuori dalle balle!”.

Diciamo che con queste basi l'”inserimento” della pupa al nido (che è comunque da fare, anche se poi ci andrà solo un paio di mattine a settimana) previsto per settembre non credo sarà troppo difficoltoso (“Sì, sì, ‘ao eh… mo’ però levati che qua è pieno di giochi e di bimbi!”)… 😀

P.S. Il ristorante merita assolutamente qualche altra uscita a cena: le pietanze sono buone, la varietà ampia, i costi assolutamente nella norma (anzi, a poterci andare a pranzo sono contenutissimi: 9,90 € a persona invece di 15,90 €). Ho smesso di contare i miei “piattini” (ma non ho affatto smesso di acchiapparli dal rullo) intorno al 20°, per raggiungimento del mio livello massimo di vergogna: raggiunta tale soglia sono semplicemente entrata in modalità “Ignora sensi di colpa”… non ho alcuna idea di che “numero d’ordine” avesse l’ultimo “mochi” con cocco e nutella che è finito tra le mie fauci. 😛

Annunci

7 pensieri su “Distacchi

  1. Bravissimi! 🙂
    Con il fatto che l’Aquilina non sembra molto dispiaciuta dal vostro temporaneo allontanamento, magari potreste farvi qualche altra uscitina, dai.
    Specialmente al sushi, che merita sempre! Io e Coshuk ci andiamo circa una volta a settimana: certo, la qualità non è come quella di un buon ristorante giapponese, ma per togliersi la voglia ed abbottarsi senza gravare sul portafogli direi che è ottimo 😉

    E non sentirti in colpa! Il rullo scatena la gara d’ignoranza a “vediamo chi ne mangia di più” xD

    Mi piace

    • Ah, ma allora la sindrome da “costruirò la mia Torre di Babele con i piattini” è diffusa, una volta che ci si trova in un kaiten sushi! 😀

      Per le uscite in due, la “prova del 9” ce l’avremo a fine settembre; si sposano due nostri carissimi amici, e visto il tour de force che è stato (per l’Aquilina, ma pure per noi… diciamo che nessuno dei tre se l’è goduta granchè) il matrimonio di altri amici cui abbiamo partecipato a fine aprile, stavolta l’idea è di affidarla al nonno non tutto il giorno, ma quasi (dalle 9 di mattina, che la cerimonia è alle 9.45, fino a “fine lavori”).
      E qui non so per chi sarà più dura:
      – per l’Aquilina che non è mai stata per così tanto tempo senza vederci (soprattutto me) o
      – per me che, ribaltando la frittata, non sono mai stata per così tanto tempo lontana da lei o ancora…
      – … per il nonno, che ha due mesi di tempo per imparare a cambiarle un pannolino, darle la pappa (per fortuna abbiamo eliminato il “farle”, mo’ che mangia la pastina al sugo) e convincerla a fare il pisolino post pranzo “in trasferta” (per le specialità “passeggiate” e “giochi in casa”, invece è già molto ferrato).
      A occhio assegnerei la medaglia al nonno (per quanto mio padre sia più che ottimista di farcela)… 😛

      Mi piace

        • C’è da dire che se veramente lasciassero lì tutti i piattini dall’inizio alla fine secondo me la gente alla fine mangerebbe molto meno (è più facile ignorare la vergogna di quanto stai scafando se riesci ancora a guardare negli occhi il commensale dall’altra parte del rullo)! 😉

          Mi piace

  2. Io a svuotare il garage ho paura, non so da dove cominciare, anche se prima o poi dovrò farlo perché molte cose restano li inutilizzate da tempo.
    Complimenti ad Aquilina, è davvero una bimba in gamba 🙂
    PS: metti anche l’indirizzo del posto della cena che non si sa mai potrebbe essere utile 😉

    Mi piace

    • In effetti decidere il “piano d’attacco” è la parte più complicata: davanti alla massa di roba accatastata, i neuroni vanno istantaneamente in loop! 🙂
      Noi abitiamo qui solo da 9 anni, ma già nei garage ci sono accumuli di roba geologici… credo succeda in tutte le case: qualcosa non si usa più ma è in buono stato? Cantina. Qualcosa non è mai stato usato, è praticamente nuovo ma… magari viene buono? Cantina. E’ orribile ma è un ricordo? Cantina. E’ rotto ma prima o poi lo riparo (seh, come no!)? Cantina.

      Nel post ho linkato una pagina di recensioni del ristorante (cercando in rete, ho scoperto che non ha un suo sito… manco una pagina su Feissbuk), comunque l’indirizzo è questo: Yoshiko – Piazza Martiri della Liberta 32, 48018 Faenza (RA) – 0546/681443.
      Se capiti a tiro per una cena, però, vediamo di farci scappare anche un saluto! 😉

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...