Nulla cosmico

Ok, lo ammetto… periodo di “stanca”, sarà che le ferie del Consorte sono ancora lontane (agosto e settembre) e comunque che ancora per quest’anno parlar di ferie son parole grosse (si resta a casa).

Sarà che il lavoro che doveva esser fatto entro giugno (la sostituzione di finestre e tapparelle) ancora non si sa quando sarà fatto. E che due palle non sapere ancora il “quando” per poter almeno organizzare il “come” (foss’anche solo dare un preavviso decente alle dade del baby parking per i giorni in cui l’Aquilina dovrà restare a dormirci…), e visto che ho avuto ragione a dire al Consorte di non prender ferie in luglio quest’anno, che di sputtanarne metà nell’eventualità di dover restare a casa a sorvegliare i lavori non era il caso (“Ma han detto che si fa entro giugno, quindi luglio…” “Sì, e tu pensi che in questo paese ci sia ancora qualcuno – a parte io e te, coppia proverbiale di coglioni – che rispetta propositi e scadenze? Lascia perdere luglio, fidati… basto io qua a casa a fare il palo”).

Sarà che lo spannolinamento dell’Aquilina non procede, o meglio ho deciso di rimandarlo ancora un pochino. Il primo pomeriggio senza pannolino ha visto 7 paia di mutandine perire a colpi di pipì e cacca non annunciate, e il vasino arrivare a sera indenne. Vabbè, ci può stare, mica pretendo miracoli. Il problema è stato il secondo pomeriggio: un pianto disperato continuo per un’ora e un quarto… iniziato quando, dopo il sonnellino, le ho tolto il pannolino e continuato imperterrito fino a quando non ho deciso (un po’ per preservare quel poco che restava dei miei timpani e sistema nervoso e un po’ perchè mi ero ormai resa conto che in quel modo era impossibile ottenere un minimo di collaborazione da parte sua per il discorso pipì/vasino… visto che era praticamente impossibile anche solo farmi dire cosa avesse che non andava) di rimetterle il pannolino. Ecco: pianto finito istantaneamente (“Minchia, ma allora piangevi perchè ti mancava l’imbottitura?!?!?”), s’è fatta leggere tre favole (devo cercare un libro un po’ meno tristerrimo di quello che abbiamo sotto mano al momento… si va da rane che esplodono e asini trafitti al lupo che viene graziato dai porcellini. Non ce la posso fare),  e poi se n’è stata a giocare con i Duplo il resto del pomeriggio che pareva un angioletto. Insomma, dicano quello che vogliono quelli che etichettano la faccenda spannolinamento con un “Non importa niente che siano “pronti”… gli si leva il pannolino e basta” (la nostra pediatra, ad esempio): per me l’Aquilina non è ancora pronta proprio per niente. E insistere facendo diventare la cosa una tragedia greca e rischiando di farla durare mesi mi sembra molto peggio che attendere un altro paio di settimane… e magari avere la botta di fondoschiena di cavarsela in qualche giorno. Di più: penso pure di cambiare tattica, che quella drastica (sim sala bim, ora il pannolo c’è, ora non c’è più!) con lei mi sa che è controproducente.

Sarà anche che oggi sarebbe stato l’80° compleanno di mia madre (auguri, mamma! ♥), se non fosse mancata 2 anni e mezzo fa. E boh, magari se ci fosse stata anche lei saremmo riusciti a convincere mia zia (sua gemella) a rimanere qua a F. fino ad oggi, invece di ripartire per P. giovedì, e anche ad organizzare qualcosa di più  di una serata-pizza a casa nostra per festeggiare (già più del “niente e neanche auguri” che aveva chiesto lei).

Beh, insomma… per farla corta: nulla di interessante da raccontare. E quindi, che scrivo a fare?

Annunci

12 pensieri su “Nulla cosmico

  1. Secondo me fai bene a rimandare. Credo che ogni bimbo sia diverso e che solo la mamma riesca a capire veramente quando togliere il pannolino. Ci hai provato, lei non era pronta…amen, mica muore nessuno!
    Io avevo provato a natale dell’anno scorso perche mi sembrava di aver ricevuto messaggi in talmsenso da parte di Gnammino, ma mi ero sbagliata alla grande….quindi ho rimandato a marzo, quando nel giro di meno di una settimana il traguardo era bello che raggiunto! E tutto perché lui stavolta era davvero pronto!
    Adesso vorrei provare a toglierglielo per la notte, ma ammettonla mia pigrizia e lavoglia pari a zero di alzarmi le prime notti per fargli fare pipi…no no no al momento non ce la posso fare! Vedremo durante l’estate…chissá?!

    Mi piace

    • L’unica é davvero rimandare… tra l’altro, il tentativo “drastico” come aveva suggerito la pediatra é stato solo controproducente: prima, se le chiedevo se voleva provare il vasino, mi diceva di sì (e infatti due volte ce l’ha anche fatta). Adesso é un no sistematico, e anche se la convinco a sedersi e provare piuttosto la trattiene fino a star male (stamattina, al risveglio: sul vasino piangeva quasi per lo sforzo di non farla… appena si é alzata é scappata in salotto, e lì poverina se l’è fatta sui piedi. E via pianti perché s’è bagnata… insomma, non mi va di vederla così).

      Mi piace

      • P.S. Tra l’altro: sto tentando per vedere se ce la facciamo prima che inizi la materna… ma se vuoi sapere che mi dice davvero il mio pseudo istinto materno, il mio parere é che lei sarebbe uno di quei bambini il cui momento giusto é a tre anni compiuti e pure qualche mese in più. La sua unica sfiga é esser nata a novembre e non tipo a gennaio: avrebbe avuto un anno in più di tranquillità… mica poco..

        Mi piace

  2. Non è per metterti fretta, eh, solo una domanda: ma la prendono alla materna se ha ancora il pannolino?
    Detto ciò, capisco lo stress, ed hai ragione tu : non è pronta o non è motivata (non che non la motivi tu, è che lei non ha un buon motivo per salutare il pannolino, come lo era stato l’irritazione per Gnegne, per cui, alla sua mancata “prontezza” abbiamo sopperito col fatto che il pannolo non poteva metterlo… e infatti è stato uno spannolinamento di quasi un mese, eh!). Concordo col fatto che forse sarebbe meglio riprovare tra qualche settimana, anche perché ormai, di settimana in settimana cambiano tantissimo, come competenze, come sviluppo… Io a volte stento a starle dietro! 🙂

    Mi piace

  3. Ah, e te lo dico, io c’avevo pure provato ad essere molto zen durante lo spannolinamento, ma in certi momenti mi partiva l’embolo, soprattutto se, dopo due/tre settimane dall’inizio, l’infamona ti fa una supermegapipì, nella tenda piena di pipì due secondi dopo che le hai chiesto se la dovesse fare…. Cmq quella è stata l’ultima, sennò non saremmo ancora qui entrambe! 😉

    Mi piace

    • Alla materna quando c’è stato l’open day a dicembre (perchè sono andata a sentir se c’eran novità anche poche settimane fa, mi han solo detto che prima di ferragosto non facevan neanche le sezioni e che qualsiasi avviso, anceh per riunioni, sarebbe stato appeso a scuola) alcune mamme hanno chiesto, per il pannolino (e io subito ho drizzato le orecchie e mi sono accodata). La risposta delle maestre è stata che i nati di ottobre/novembre/dicembre li accettano anche col pannolino (deo gratias!).
      Però, come puoi capire, preferirei che ci fossimo liberate di questa cosa, prima di allora… solo che non dipende per niente da me!

      In ogni caso, mi fanno un po’ incazzare le scuole dove se non sei spannolinato non ti prendono: come scrivevo in un commento sopra e riprendendo quello che hai scritto tu in uno dei tuoi, è facile che un nato di gennaio sia spannolinato: quando inizia la scuola ha 3 anni e quasi 10 mesi! Un nato di dicembre invece i 3 anni ancora deve compierli (e vogliamo dire che da quando inizierà la scuola a quando farà anche lui 3 anni e 10 mesi – e cioè ad anno scolastico ormai concluso e successivo iniziato – quel bimbo sarà naturalmente cambiato da così a così?)… e visto che l’età per lo spannolinamento (poi ci sono le eccezioni sia in precocità che in tardività, ovvio) è tra i due anni e mezzo e i tre e mezzo… porca paletta, ai nati di fine anno quanti cavolo di mesi vogliamo fottere???

      Mi piace

      • Vabbè, parlando di bagno mo’ te lo dico: ci hanno assegnato il simbolo per Agne (quello da mettere sulla sua tovaglietta per rendergliela riconoscibile ora che non sa leggere)! E indovina un po’? E’ la prugna verde…. La prugna verde….. La prugna verde…. Più ci penso, e più mi fa cagare! 😄

        Mi piace

        • Vabbè, pure acerba sta prugna? 😀 😀 😀
          Comunque mi rendo conto che sembra che la nostra (ma sarà così pure per le altre comunali di qua, suppongo…) sia l’unica scuola dove si riducono allo stra-ultimo per dar due indicazioni alle famiglie sull’anno scolastico a venire… su FB mi hanno inserita in un gruppo “Mamme di novembre 2011”, per tutto giugno è stato un leggere post di “riunioni per i genitori” e “mattinate di preinserimento” (e magari si potrebbe ritenere almeno la seconda cosa un po’ prematura… a me invece sembra molto carina!). Qua, come accennavo, lo scenario era quello western nella balla di fieno che rotola nel deserto… =__=

          Mi piace

          • Secondo me c’entra anche il fatto che la nostra sia una piccola scuola parrocchiale, nonché l’unica del paesello. Cmq pure noi abbiamo fatto un merenda a scuola, bimbi e genitori, e anche a me è sembrata una buona idea, per far conoscere un po’ il nuovo ambiente ai bimbi in modo che a settembre non sia del tutto nuovo per loro, soprattutto per quelli come Agne che non hanno frequentato il nido.

            Mi piace

            • Boh, magari sarò stata disattenta io in passato (intendo negli ultimi anni, pure perchè di scuola materna me ne fregava una cippa), ma anche avendo una cara amica che insegna alla materna (paritaria, quindi non comunale) in una citta qui vicino direi che forse son proprio differenze “di zona”: qua da noi di incontri del genere in giugno non ne ho proprio mai sentito parlare…
              Peccato, però, perchè a me sembra un’idea carinissima.

              Mi piace

  4. Ma povera Aquilina! :(((
    E’ evidente che ancora non si sente pronta per lo “spannolinamento”… lascia perdere quel che dicono gli altri e segui il tuo istinto, che è meglio (puffo quattrocchi docet xD)

    Comunque fa specie notare come sia diventato aleatorio rispettare i termini o la parola data: ormai sono tutti approssimativi in qualsiasi cosa -_-

    Mi piace

    • In effetti quello che mi scrivi tu è la stessa cosa che mi hanno scritto sia altre mamme su FB che MQ e Sgiusgiola qui, che le dade del baby parking stamattina quando ho buttato lì la cosa… rimandiamo di quel paio di settimane, quindi. Del resto, sta comunque facendo progressi a rotta di collo in altri campi, prima o poi arriveremo anche a levar sto pannolo.

      Per l’altra questione… boh, più vado avanti a vivere, più m’accorgo che il mondo va a rovescio di quello che m’avevano inculcato i miei educandomi.
      Alla fine sono riuscita ad ottenere una data d’inizio lavori (lunedì prossimo… mo’ sto giusto facendo scongiuri contro il cartello “Attenzione, è stato riscontrato un caso di varicella e uno di virus gastrointestinale” che era appeso stamattina all’asilo 😛 ): ma perchè son tornata a scassare i maroni io ottenendo di esser richiamata con qualche dato certo.
      Risultato: non solo sono stata trattata tipo marziana quando ho chiesto di sapere, all’incirca, gli orari di lavoro (per potermi organizzare)… ma è anche venuto fuori che avevan proprio recepito la cortesia che avevo chiesto di avvisarmi con un po’ di anticipo: se non avessi scassato io, avrebbero aspettato martedì (domani) pomeriggio per chiamarmi per vedere se finivano un lavoro in modo da venire giovedì mattina. Se no.. boh, se no non ho capito se comunque mi avrebbero chiamata domani o no. Alla faccia del qualche giorno di preavviso, grazie mille.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...