Spinte

Cerco di non ripetermi: che ultimamente mi sia diventato più complicato trovare spunti interessanti su cui sproloquiare l’ho già scritto, pure nell’ultimo post. Non occorre quindi ribadirlo.

Sono stata sfiorata, varie volte, dalla tentazione di “mettere a nanna” il blog. Cosa che non mi ha fatto per nulla piacere quando è stata messa in atto da altri blogger che seguivo (il primo che mi viene in mente è Sanguemisto, ma non è certo stato l’unico), ma che comunque capisco: mentre si vive cambiano tante cose, ritmi, esigenze, impegni… anche noi stessi. Si inizia qualcosa con aspettative, progetti, speranze… e quando le si raggiunge o semplicemente le basi cambiano è possibile che non sia più quel qualcosa, che vogliamo.

E soprattutto è una gran dote, quella di riconoscere i limiti (propri o di qualcosa) e non accanircisi oltre, quando magari la corda sta per spezzarsi o semplicemente é ora di una pausa o una svolta.

Insomma sì, ci ho pensato. Soprattutto da quando quel che mi succede mi sembra che possa interessare solo me…

E invece…

E invece ogni volta che questa idea si ripresenta, succede qualcosa che mi spinge a cercare di darmi ancora da fare e ritrovare lo spirito di tre anni e mezzo fa. Può essere un apprezzamento inaspettato, un post che non reputavo granchè brillante e che invece raccoglie più commenti di quel che pensavo, oppure qualche nuovo “abbonato” che dopo esser capitato qua decide di restare.

Son tutte piccole cose che mi stupiscono e mi fanno pensare “Ehi, ma allora forse non sei tutta da buttare…”. Ecco: credo che il minimo sia ripagare questi gesti.

Altra cosa che mi stupisce è roba un po’ più da “ragioniera”: in tre anni e mezzo questo guazzabuglio ha racimolato quasi 75.000 click, quasi 6000 commenti su 400 e rotti miei deliri, ha fatto qualche giretto per conto suo (escludendo i post automatici) su Facebook o Twitter per merito di qualche sconsiderato lettore, oltre 200 incoscienti hanno scelto di ricevere una mail quando pubblico una boiata. Posso mica passarci sopra.

Concludendo… Già da un pochino avevo rallentato il ritmo: ormai siamo in estate, la mia idea a questo punto è giusto di tirare il freno ancora un altro pochino (con riserva di ingranare nuovamente una marcia veloce se me ne capiterà l’occasione, ovvio). Ma non crediate di liberarvi: son sempre qua. Vedremo l’autunno e l’ingresso dell’Aquilina nel mondo della scuola cosa porteranno!

Annunci

19 pensieri su “Spinte

  1. Una pausa a volte ci sta 🙂
    E poi, giustamente, adesso con l’estate tutti rallentiamo un po’ i ritmi, cominciamo ad accusare la stanchezza dell’anno lavorativo che ci portiamo alle spalle (e anche tu quest’anno, sebbene in una forma diversa, hai lavorato parecchio).

    Noi comunque siamo qui ad aspettarti ^^

    Mi piace

      • Quest’anno niente vacanze neanche per noi. Alla fine sono dell’idea che, anche poter stare a casa a riposare e gestire quelle cose che purtroppo durante l’anno non si riesce mai a fare è grasso che cola per me.
        L’importante alla fine è ritagliarsi qualche spazio per sè stessi e riuscire a rilassarsi ^^

        Mi piace

  2. Prendi il blog come un cuscini su cui poggiare la testa ogni tanto.
    Non sei la sola ad avere un periodo di stanca, è la liquidità del mezzo, ci si dispende in mille rivoli, però ha un pregio: se lasci un commento da qualche parte qualcuno poi passa a leggerti.
    Sto scrivendo anch’io poco (quasi nulla) però mi diverte ancora andare a rileggere vecchie pagine su cui sono passati altri da poco. Ciao e buona estate 😉

    Mi piace

    • Di non esser l’unica a passare un periodo di “stanca” me ne sono accorta: ci sono tanti blog che seguo (il tuo compreso, appunto) che hanno rallentato i ritmi… e c’è da dire che leggere le idee di chi ti piace leggere è spesso uno dei carburanti migliori per scovarne di tue. Probabilmente perché le letture interessanti tengono in moto i neuroni, che senza questa attività impigriscono… e poi per farli ripartire una buona volta diventi deficiente! 😛

      Mi piace

      • Vedi una buona tecnica è proprio quella di lasciare commenti, ma devi anche trovare cose interessanti da leggere e capire chi c’è dall’altra parte, se un invasato o un invasore (di spazi). Girando per blog ne trovi tanti e questo provoca la domanda se val la pena scrivere al globo. Però scrivere è anche divertente. Ecco bisogna continuare a divertirsi, anche se chi sta vicino strilla “Pà sempre a sto coso stai a giocare?” 😉

        Mi piace

    • Speriamo siano più rosee delle non-news sullo spannolinamento… =__=
      Comunque martedì al baby parking mi hanno consegnato libro e cartellina con tutti i lavoretti che ha fatto da loro tre settembre e giugno, con tanto di fotografie. Sì, m’è venuto il magone… 😛

      Mi piace

  3. dai che noi siamo le veterane ( e siamo poche a tener duro) io sono su typepad dal 2006 e prima per 3 anni son stata su kataweb , però io ho un vantaggio :la tribù che è inesauribile di spunti ed in più ho alcune collaboratrici esterne tra cui le storiche barbara ed elisa! quindi datti da fare!

    Mi piace

    • Eh, ma tu appunto hai a disposizione una mitiade di protagonisti interessanti per i tuoi racconti… i miei al momento ammontano a:
      – una che per l’opinione del 90% della popolazione non fa un cazzo tutto il giorno, essendo da due anni mamma casalinga (la sottoscritta);
      – uno che di robe da chiodi da raccontare ne avrebbe a iosa (vista la gabbia di matti in cui si sta trasformando il suo posto di lavoro) ma non é lui il blogger (il Consorte);
      – due senza vita sociale da due anni (i due pirla di cui sopra);
      – una duenne che ancora per il 70% parla una lingua che solo lei conosce (ma ha più vita sociale degli altri due);
      – due gatte che passano il tempo a cercare di sfuggire ai manini della duenne.
      Immagina che mole di robe interessanti… =__=

      Mi piace

  4. a proposito di bimbe in età prescolare, la bambina di un’amica sta cambiando i denti e uno di questi giorni guardando sconsolata le due o tre “finestre” nel suo sorriso fa – ma mamma ma la fatina dei denti se li sta prendendo tutti per un euro l’uno! ma quando finisce?

    Mi piace

  5. Pingback: Sorprese | Gite Mentali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...