Bollettino medico

download (2)A casa siamo in tre (+ le due gatte spargipelo, vabbè) e di ammalati ne ho due.

Una che se pure oggi nel pomeriggio torna con la febbre a 38 e passa, nonostante il cambio di antibiotico fatto mercoledì, domattina mi tocca riportarla dalla pediatra, sperando che la terza (anzi, quarta… se conto anche quello dell’ospedale) pediatra della serie (perchè nel frattempo la nostra è andata in ferie) trovi la terapia definitiva, che è dall’8/7 ormai che ci siam dietro! Anche se la febbre alta pomeridiana-serale è stata una new entry del 15/7, fino a quel momento solo la solita combo otite&faringite. Otite&faringite iniziata per la verità appunto l’8 luglio con una corsa ad orario di cena al Pronto Soccorso e il verdetto di “leggera otite esterna all’orecchio destro”. Perplessità nostre sul “leggera”, visto che l’Aquilina piangeva da due ore strillando “Orecchio!” come se la stessimo scuoiando e cospargendo di sale (e normalmente non è affatto un tipo gnoloso: è di quelli che cascano, bacetto  dove ha sbattuto, e ripartono di gran carriera), ma dai poi…

L’altro che invece figurarsi se si prende un giorno di riposo (non parliamo poi dell’enormità di suggerirgli di andare dal suo medico! “Ma va là, ho solo 37.7°!” “Sì, tesoro… ma tu di norma viaggi a poco più di 35°. Fossi io che normalmente misuro 36,5°, il termometro sarebbe verso i 39°…”) anche se non si regge in piedi… Zerinol e via: 60 Km andata/ritorno e 8 ore in piedi dietro un tornio.

Al genio del paragrafo precedente la medaglia al valore per andare a lavorare ammalato non la danno di sicuro: posso richiederla io, però, visto il weekend che m’aspetta?

Annunci

24 pensieri su “Bollettino medico

  1. Franci io non me ne intendo ma scrivi favolosamente e in un mondo diverso dove io condivido con fe le nostre giornate ti spronerei tutti i di a lanciarti , a provare a scrivere come dici tu ” seriamente” . Umilmente ti dico brava… ora dimmi come state ? Wuau è estate ma sento e vedo tantissime persone che si sono ammalate

    Mi piace

    • Ti ringrazio per i complimenti, ma davvero… anche solo qua in giro per il web ci sono milioni di persone che sono molto ma molto più brave di me! Però appunto grazie, che soprattutto in questo periodo mi fa tanto piacere se qualcuno apprezza le mie “stupidate”. 🙂

      Per i malanni… sì, in effetti mi dicevano le dade del nido che ci sono tantissimi bambini con la tosse come fosse inverno, e anche l’ultima pediatra ha detto che ci sono in giro un sacco di bronchiti, manco fosse inverno. Ora io spero solo che dopo tutte ste medicine e sta trafila non finiamo in bronchite o roba simile pure noi, che sarebbe il colmo…

      Mi piace

      • Stupidate ? noooo non sminuire quello che fai , non tutti sarebbe in grado.
        Si forse nel web c’è chi è meglio ma anche peggio 🙂 …. ripeto non sono brava con le parole e nemmeno nello scrivere ma quel che leggo mi piace .
        Tristezza infinita vedere dei bambini ammalarsi quando sono in vacanza , quando dovrebbero godere delle vacanze mannaggia spero passi presto . Un bacione cara

        Mi piace

        • Ammalarsi/star male in estate è una gran rogna… mi ricordo ancora la “bella” estate che feci tra la terza e la quarta superiore, con un intervento fatto a fine luglio che m’ha procurato un abbonamento all’ambulatorio di chirurgia durato mesi, per continuare a cambiare le medicazioni e far rimarginare la ferita (la posizione dell’osso sacro è maledetta: 8 volte su 10 i punti non tengono, e il taglio bisogna farlo chiudere con tanta pazienza tenendolo riempita di garze. Non vado oltre a spiegare, che è già abbastanza agghiacciante così…).
          Oltre tutto al baby parking in questi giorni stanno organizzando un sacco di attività carine (almeno una volta a settimana parco giochi con piscine) e gite (l’Aquilina così s’è persa anche quella dei cavalli, con tanto di giro sul pony T__T ), puoi immaginare quanto mi faccia pena tenerla chiusa in casa…

          Mi piace

          • avevi una fistole? mio marito anni fa si è operato una fistole vicino l’osso sacro e ancora ne è turbatissimo …. uffi povera Dani dai magari prossima settimana riuscirete ad uscire … supplizio per ora pe lei e galera per te 😦 tremendo un bacio tesoro e tieni duro

            Mi piace

            • Esattamente quella! E, come tuo marito, è tuttora il mio incubo (che possa riaprirsi)… Sa il Consorte quanto sono paranoica per lo stato di quella cicatrice! Anche perché, essendo io in sovrappeso, dall’intervento di luglio ho dovuto continuare con le medicazioni fino a febbraio dell’anno dopo. Un INCUBO.

              Mi piace

  2. Dì al Consorte che NON si va a lavorare ammalati, perché il rischio è che si contagino anche i colleghi…! Però profonda stima per lui: io ho marito e figlia (ma i bimbi, di solito, con 38° non vanno ancora correndo come se niente fosse????) che con 37° sono completamente da buttare.

    Mi piace

    • @MQ: Guarda, che si ammalino i suoi colleghi non c’è pericolo: questa settimana lui è l’unico dipendente presente (collega e segretaria sono in ferie). Però a sto punto potrei pensare che stia tentando di fare l’untore per i capi… 😛

      P.S. L’Aquilina fino a 38 effettivamente rimbalza ancora per casa… ma 38,5 la schiena di brutto (diventa tutta “Mamma, in braccio!” e ti s’azzecca addosso tipo patella rovente. Che in gennaio può essere molto dolce e commovente, ma in luglio con 35° fuori perde parecchia “poesia”…)!

      Mi piace

    • e allora che ne prenda … non capisce che così peggiora e non ne uscite più da questa morsa lui la passa a Dani dani a lui e speriamo bene per te

      Mi piace

      • E’ quello che gli ho detto io… ma… magari non sono l’unica ad aver sposato uno zuccone (e già per il fatto che è uomo la cosa è pure aggravata), e ci siam già capite! 😉
        Del resto è lo stesso che – da fidanzati – si tagliò il dorso del pollice fino all’osso con una mola e continuò a lavorare imperterrito tutto il giorno con un “cerottino” (aveva sanguinato fino a sporcasi fin la biancheria attraverso tuta da lavoro e vestiti, nel punto dove si era premuto la mano addosso)… e non ti dico per convincerlo la sera ad andare al Pronto Soccorso! In quell’occasione ci rimediò una “cruentazione” del dito (in pratica han dovuto riaprire a forza la ferita che si stava chiudendo “a membro di segugio”), due punti e un bel “Se si tagliava due millimetri più a destra, tranciava il tendine!”.
        Speravo che da lì avesse imparato qualcosa…

        Mi piace

        • wuauuuu è un treno tuo marito il mio no molto più meticoloso molto più pauroso io sono un po’ come Cristian ma si è incoscienti il giorno dopo all’operazione al seno me ne andai a ballare (era capodanno) il giorno dopo avevo febbre alta e nevralgia al braccio …. sono sempre andata a lavorare con la febbre sai non volevo passare come quella che se ne stava a casa per una banale febbre mentre gli altri lavoravano il doppio per coprirmi( lavoravo in un negozio di Yamamay) … pensa che ho 6 punti sul naso a 5 anni mi tagliai il naso con il coltello mia madre terrorizzata ed io che le dicevo di non preoccuparsi ( ovviamente me lo hanno raccontato , ho poca memoria di quel momento )

          Mi piace

          • A lavoro malata ci sono andata pure io, soprattutto quando in apprendistato la malattia non è coperta da nulla… Ma mi sono resa conto che non conviene: nessuno ti ringrazia dello sforzo né porta rispetto…

            Mi piace

            • anzi in verità dai pure fastidio 🙂 si si il concetto è quello tu lo fai perché ti senti in dovere , costretta dagli eventi e situazioni e nessuno che ti dica come stai ? grazie !! anzi ma chi te lo ha fatto fare? O_O

              Mi piace

              • Lascia perdere… Riguardo alle malattie ho sentito robe da ribollire il sangue, quando si ammalò gravemente una mia ex collega (e ure di peggio quando successe la stessa cosa ad una degli avvocati dello studio)… Altro che “Come stai?”…

                Mi piace

  3. Andare a lavorare malati è un vizio, a quanto vedo. Capisco il perchè lo faccia, peccato che per questo tipo di atteggiamento alla fine purtroppo siamo sempre i primi a restare fregati u_u

    Forse gli conviene restare a casa qualche giorno, altrimenti rischia di trascinarsela solo più a lungo… (anche se effettivamente andare dal medico per farsi fare un certificato non è la prospettiva più allettante del mondo, considerato che i tempi di attesa minima sono di 2 ore causa vecchi che vanno a confessarsi).

    Per l’Aquilina mi spiace davvero un sacco 😦 Poverina! Ultimamente non è proprio in forma… spero che il consulto con l’ennesimo dottore serva a risolvere qualcosa.

    Mi piace

    • Mika, il Consorte non ha nemmeno la scusa del medico con tempi geologici (io sì, ed è per quello che non ci vado dall’ottobre 2011: quando ti va bene, ti metti in fila in ambulatorio alle 14.30 e torni a casa per le 19. Ripeto: quando ti va bene. Con la bimba come faccio???).
      E’ stato dal suo medico a maggio, per farsi fare l’impegnativa per una visita oculistica (il primo posto libero è risultato a fine novembre… no comment…): è uscito alle 16 da lavoro per aver tempo di tornare a casa, (deve farsi quella 30ina scarsa di km) darsi una ripulita e andare in ambulatorio per le 17. Davanti a lui aveva 4 persone.
      Ebbene: alle 18.20 era a casa dopo essere anche passato in farmacia per prenotare la visita. Dimmi te se deve lamentarsi dei tempi del suo dottore…

      Per l’Aquilina… che devo dirti, io sto incrociando le dita che andare a sera la febbre oggi non le torni, perchè vorrebbe dire che finalmente l’antibiotico sta combinando qualcosa. Sperem…

      Mi piace

      • Aaah bè, non ha neanche la scusa del medico palloso! >.<

        Comunque ho letto l'aggiornamento sotto e sono contenta che almeno l'Aquilina si stia riprendendo, yay!
        Questi uomini, però, sono proprio tutti uguali: stanno male ma poi è sempre qualcun altro a doverli inseguire per ricordargli di prendere le medicine xD

        Mi piace

        • Si sta riprendendo? Ha passato tutta la mattina a correre avanti e indietro per il corridoio.
          Io spero non ci siano sorprese e che domattina possa tornare a giocare con gli altri bimbi. Se no casa ha i giorni contati… 😛

          Mi piace

    • Aggiornamento dopo il weekend (weekend peraltro rovente, e immaginati la gioia di passarlo tappati in casa…):
      – l’Aquilina non ha più avuto febbre, anche la tosse si sta asciugando. Non avendo potuto sgambare un po’ al parco da un tot di giorni è carica a balestra… diciamo che non mi stupirei di vederla correre sul soffitto. In pratica, sia io che lei stiamo facendo il conto delle ore che mancano a mercoledì mattina che potrà tornare a giocare al baby parking… 😛
      – il Consorte è (ma va!) a lavoro… ho provato a convincerlo ad andare dal suo medico sabato mattina (visto che non dovevamo portare l’Aquilina dal pediatra e visto che il suo medico è l’unico della città a ricevere anche di sabato mattina), ma dato che è zuccone non c’è stato verso. Così è ancora ammaccato (anche perchè lo Zerinol lo prende in maniera creativa: tipo quando glielo ricordo io. E neanche tutte le volte)… =__=
      – io (lo dico piano, però) sono ancora indenne. Sembra che l’unico pegno che debba pagare, almeno per ora, sia quella noiosissima “febbre” all’angolo della bocca, che s’è messa a tormentarmi ad ogni infreddatura (presa o scampata), da dopo che è nata l’Aquilina (prima, se mi venivano… boh, sinceramente io non ne ho il ricordo).
      Le gatte stanno bene, salvo Leda che stamattina col vento che tirava pareva isterica… 😀

      P.S. Grazie per la visita e per la domanda! 🙂

      Mi piace

      • Guarda, la domanda su di te era proprio riguardante la tua salute psichica, perché il finesettimana rovente tappati in casa mi atterrisce solo a pensarlo… Cmq vedo che te la sei cavata egregiamente. Brava Shun! 🙂

        Mi piace

        • Diciamo che ieri stavo per iniziare le pratiche per la santificazione del condizionatore portatile: ha lavorato dalle 9.30 alle 22 (e sempre in camera dell’Aqulina, tranne per le 2 orette del suo sonnellino, che l’ho traslocato in camera nostra), e non ha abbassato la temperatura di manco un grado, poveraccio (in una stanza chiusa qualche grado lo leva, ma non riesce a farcela per tutto l’appartamento)… ma ha levato un bel po’ di umidità!
          Avere 27°C in casa (mentre fuori il termometro salutava da vicino i 40°… credo che anche le nuove finestre, chiuse e sigillate prima delle 10, abbiano dato una mano a non far alzare la temperatura) ma non sentirsi appiccicati al minimo movimento è stata una gran cosa… 🙂

          Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...