Progressi

11429719_10206431602009430_2017853816483797696_nMi prendo un attimo per scribacchiare le ultime novità. Superata la festa di fine anno a scuola (ma non chiedetemi come è andata, perchè son stata inchiodata tutto il tempo allo stand della famosa lotteria. Manco in foto ho potuto vederla, visto che l’Aquilina era in modalità “cozza attaccata allo scoglio”, laddove per “scoglio” leggasi il Consorte), superata la gita scolastica, gettate le basi per l’estate (segnate ferie del Consorte, segnata l’Aquilina per una prima settimana di test al Centro Estivo).

Portata la pupa al mare per la prima volta (sì, ora potete chiamare i Servizi Sociali. Tre anni e mezzo, romagnola, e finora mai stata in spiaggia. C’è tutto per farcela portar via, giusto?), giusto per una passeggiata per vedere come andava… e in effetti all’inizio sembrava buona l’idea “solo per una passeggiata”: la sabbia scottava troppo e ha attraversato la spiaggia in braccio a papà, poi il bagnasciuga ok ma l’acqua… noooo, l’acqua no! Dei salti indietro quando arrivavano le onde che avrà rischiato di ammazzarsi 3-4 volte. Come è finita? Beh, è finita che al momento di tornare a casa alla macchina c’è arrivata bagnata dal petto in giù (quella che non voleva bagnarsi i piedi, eh) e impanata di sabbione, dato che correndo sulla spiaggia è cascata lunga distesa giusto a due metri dalla fine della sabbia. In ogni caso: quest’estate dobbiam trovare il modo di portarla al mare, anche solo qualche sabato pomeriggio. S’è innamorata ♥ (io continuo ad odiare la vita da spiaggia e l’idea di mettermi in costume, ma per l’Aquilina questo e altro).

Poi, come vedete dalla foto… ta-daaaan! Prima tosatura ufficiale dell’Aquilina dalla parrucchiera! E il cambiamento non è stato da poco, se date un’occhiata alla foto – scattata a gennaio – che avevo postato qua. Riuscire a tagliarle i capelli è stata un’impresa che ha richiesto ben un’ora e un quarto (ammazza, c’ho messo di meno quando sono andata a farmi fare i capelli per il mio matrimonio…) e che probabilmente ha fruttato alla parrucchiera una bella aureola: è stata una santa. L’Aquilina è stata da convincere a salire sulla poltrona per lavare i capelli, poi da riconvincere a salire sulla poltrona per tagliarli, poi da corrompere per tagliarli (una testa con parrucca da pettinare e io con i video dello Zecchino d’Oro sullo smartphone), poi è scappata terrorizzata all’accensione del phon e l’operazione di dissimulazione (“Intanto dammi la maglietta, che te l’asciugo con questo…”) per convincerla a riavvicinarsi ha avuto quel che di domatore che ammaestra le tigri. Però è andata… la pupa sembra piacersi, e sicuramente si piacerà ancora di più quando capirà che per un po’ non dovrà più stare a sorbirsi quella ventina di minuti di phon dopo ogni doccia.

Ma la novità più grande è un’altra. Non voglio portarmi sfiga da sola, ma son talmente contenta che non riesco a star zitta. Presente il fallimentare tentativo di togliere il pannolino, l’estate scorsa? E la reiterata convinzione di tenerselo fino alla patente? Beh… stavolta invece pare che ci siamo. Qualche tentativo di levarle il pannolino l’avevo già fatto a maggio (ma maggio è stato più autunnale che altro, quindi non ho insistito tanto) e gli esiti erano stati incoraggianti: intanto non rifiutava più nè di sedersi sul water nè di mettere le mutandine. Passato il ponte del 2 giugno, abbiamo iniziato a darci sotto sul serio, il pomeriggio dopo l’asilo.

E… c’è stato qualche incidente, come è ovvio che sia. Ma prendendo le cose con tutta la calma di questa Terra (di notte pannolino, a scuola pannolino con l’intesa di dire comunque se deve andare in bagno, fuori casa pannolino)… beh, l’Aquilina sta andando alla grande. In pratica, sono 4 giorni che non la fa più nel pannolino nemmeno di notte (anche se prima di levarglielo durante il sonno voglio che siamo completamente a posto di giorno, non ho fretta). E sono due giorni che in pratica non mi chiede/avvisa nemmeno di andare a fare pipì: annuncia di doverci andare (non sempre), piglia su, si sistema l’asse (santa asse del water comprata al Lidl, strutturata in tre pezzi: ciambella per adulti, ciambella “ridotta” per piccoletti, coperchio. La comodità fatta asse da cesso, davvero), tira giù gli slip, espleta, si asciuga, riabbassa l’asse e tira su le mutande. Da sola. Perchè se provo ad avvicinarmi inizia a strillare “Via mamma!!! Viaaaaaaa!!!!!”. Dal fasciatoio all’esigere la privacy in bagno in tre nanosecondi, insomma. Giusto l’altra sera, è andata in bagno durante la cena, si è seduta e poi ha chiamato il Consorte. Ha aspettato che il papà arrivasse e poi ha iniziato a fare pipì. Per raccattare complimenti in diretta, capito?

A scuola idem: non bagna il pannolino durante il sonnellino, e per il resto del tempo water (tranne per la cacca, ma ci lavoreremo). Son già d’accordo con la maestra che questo weekend proviamo a fare l’intera giornata senza pannolino… se l’esperimento funziona senza troppe defaillances, lunedì la mando a scuola con gli slip (e una sacchettata di mutande e pantaloncini di ricambio, per scaramanzia).

Insomma… sono contenta che stia progredendo. Ma ancora di più sono contenta di averci azzeccato (e di averlo potuto fare grazie al fatto che a scuola da lei accettano bimbi col pannolino, il primo anno): è stato giusto aspettare i suoi tempi. In questo modo sta succedendo tutto senza traumi, rapidamente e con l’Aquilina che dichiara felice “Io sono mooolto brava, a fare la pipì in bagno!”. Forzarla ci avrebbe portato solo mesi di tragedie, pianti, incazzature e incidenti. Va là, che per una volta ne ho imbroccata una per il verso… 🙂

Annunci

Un pensiero su “Progressi

  1. Pingback: Da un grande potere… | Gite Mentali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...