Etologia

11230804_10207503286320868_8048918170170857378_o

Oh, insomma… potevo mica lasciarlo su Amazon!!

L’Aquilina è sommersa di peluche. Ne ha ereditati, gliene arrivano in regalo… e nonostante tutto, ogni tanto ci caschiamo pure noi, perchè porca vacca… siamo pur sempre i suoi genitori, avremo pure il diritto di fallire un tiro salvezza davanti a qualcosa di estremamente puccioso, tipo il peluche del Gatto con gli Stivali che le abbiamo regalato per l’ultimo compleanno, no??!?

Tra i fornitori ufficiali di pupazzi c’è (come è ovvio che sia) mia Zia, che tanto anche a ripeterle che ormai riusciamo a coprire tutti i rami del mondo animale (e anche qualcosa in più, vista la presenza di un drago azzurro e di Sulley di Monsters & Co.)… figurarsi se m’ascolta. Vede un pupazzo che le piace, lo compra e lo regala.

Solo che a volte, con mia Zia, capitano situazioni un po’ surreali: lei compra cose, le consegna… ma in realtà si tratta d’altro.

12291290_10207503273920558_6088992611978847065_o

Oggi vogliamo presentarvi un rarissimo esemplare di “cinciglio”, conosciuto in alcune zone del mondo anche come “conillà”.

Ad esempio, qua a sinistra potete vedere il peluche che ha regalato all’Aquilina per la scorsa Pasqua, e che a lei sembrava perfettamente a tema pasquale. Difatti ce l’ha presentato come “coniglio”.

Solo che… beh, ammetto che questo ha richiesto un po’ di brainstorming: oltre a non sembrare assolutamente un coniglio (orecchie tonde e coda lunga un metro) a me… non sembrava assolutamente niente di conosciuto (un topo che ha fatto la plastica alle orecchie per ridurle? Mah…). C’è voluto il Consorte: “Per la verità… a me sembra  più un cincillà…”.

Ora, ammettiamo che secondo me c’è gente di 30-40 anni in giro che non ha la minima idea di cosa dannazione sia un cincillà. Insomma, mia Zia che ha varcato la soglia degli 80 può esser giustificata. Inoltre, sto pupazzo all’Aquilina è piaciuto indipendentemente dai suoi precedenti genetici, quindi fondamentalmente: chissene. Grazie Zia, anzi: il cincillà in effetti nello zoo non l’avevamo (conigli, invece, come minimo ce ne son già tre di svariate misure e colori).

Quello che m’ha fatta agitare un po’ di più (ma forse sono apprensiva io a saperla da sola a 130 km da qui) è stato quello che è successo un paio di settimane fa.

12309578_10207503276240616_2961307960922147881_o

E ora lo zoo comprende anche un “cangatto”.

L’8 novembre abbiamo fatto una piccola festicciola per il compleanno dell’Aquilina (ancora per quest’anno, giusto noi, nonni, bisnonna e zio). Mia Zia non è potuta esser presente, quest’anno, perchè ha avuto la bella idea di ammalarsi qualche giorno prima e non è parso il caso a nessuno di farla strapazzare tra treni e corriere. Comunque: due domeniche fa, mio padre va su lui a trovarla (fortunello: la mattina dopo si son svegliati con i primi 15 cm di neve della stagione) e quando torna a casa porta giù anche i regali di compleanno che mia Zia non ha potuto consegnare alla pupa.

Li lascia a casa nostra (insieme a un mezzo salame, un tocco di pecorino e due vasi di miele da 1 Kg, che mia Zia ha pure paura che qua si muoia di fame) rientrando, e noi troviamo tutto in cucina quando torniamo dal pranzo a casa di mio suocero. In cima a tutto troneggia, non incartato,  il peluche che vedete qua a sinistra. L’Aquilina lo vede, e per citare 7 su 8 dei libri delle Principesse Disney, “E’ subito amore!” (una serie di colpi di fulmine a raffica da chiudersi in casa e pregare, in quelle fiabe). E’ da allora che questo gattino (perchè gattino è, dai!) è diventato il suo compagno di nanna ufficiale, scalzando in scioltezza Nina la Pulcina della Coop.

Così il giorno dopo, quando l’Aquilina torna a casa dall’asilo, le propongo: “Telefoniamo alla Zia, così la ringrazi per il gattino e le dici quanto ti piace?” “Sìììììì!”. Detto fatto. Chiamo mia zia e: “Ti passo l’Aquilina, che vuole ringraziarti per i regali”.

E mia Zia, tranquillissima: “Ciao Aquilina! Allora, ti è piaciuto il CAGNOLINO?”.

Dite che stavolta devo preoccuparmi?

Annunci

4 pensieri su “Etologia

  1. beh c’è da dire che un pochino ambiguo lo è: ma in tempi di gender, cosa vuoi che sia un cane che si crede un gatto o viceversa! 😀

    Ti rendo noto che il Ric ai suoi tempi aveva anche un grosso maiale. Ma non un porcellino dalle fattezze giocose, no: un porco proprio, come quelli che grufolano nelle fattorie.

    De gustibus.

    Mi piace

    • No, dai… il naso è da gatto!! 😀 😀

      Comunque, sicuro che sui gusti personali non si discute… e anche che quel che si vuole non è mai troppo. Son già due volte che l’Aquilina, a chi le chiede cosa vorrebbe per Natale, risponde convinta: “Un gattino da coccolare”.
      Ora: anche escludendo le due gatte in pelo e vibrisse che girano per casa, una stima approssimativa dei gatti che ha (e mi limito ai peluche) credo si aggiri verso la quindicina di elementi, dal Trudino bianco ereditato da me alla gatta Daisy che ha chiesto l’anno scorso.
      Ancora gatti?!?!!?

      Mi piace

    • No, dai… il naso è palesemente da gatto!! 😀 😀

      Comunque sicuro che sui gusti personali non si discute… e altrettanto sicuro che quel che si vuole non è mai troppo.
      Son già due volte che, quando le viene chiesto cosa vorrebbe per Natale, l’Aquilina risponde convinta “Un gattino da coccolare”.
      Ora, anche escludendo le due gatte in pelo e vibrisse che s’aggiran per casa e gli elementi non di peluche… ecco, facendo una stima approssimativa l’Aquilina dovrebbe avere intorno alla quindicina di gatti (dal Trudino bianco ereditato da me alla gatta Daisy che ha chiesto il Natale scorso).
      Ancora gatti?!?!?!

      Mi piace

  2. Pingback: Dita incrociate… e gattini | Gite Mentali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...