Addobbi e logistica

Dai, che tra cinque giorni ce la facciamo a raggiungere questa configurazione...

Dai, che tra quattro giorni ce la facciamo a raggiungere questa configurazione…

1° novembre. Festa di Ognissanti? Sì, ma non solo. Il 1° novembre è ormai ufficialmente anche il primo giorno in cui inizia nei negozi l’invasione di panettoni, pandori, cesti, idee regalo, addobbi… sai mai trovarsi impreparati per Natale, che mancano solo 55 giorni. Sinceramente, m’è venuto da pensare che l’unica cosa che ci evita di trovare zampone, babbi natale e panforte sugli scaffali già il 1° ottobre sia Halloween: almeno, fino al 31 ottobre, tocca tener fuori le zucche…

Comunque sono qui per fare outing: son due anni che nemmeno io tengo più fede alla vecchia (obsoleta) tradizione di tirar fuori l’attrezzatura natalizia in occasione della Festa dell’Immacolata, l’8 dicembre. Il fatto è che per il 1° dicembre tocca per forza di cose avere pronto il calendario dell’avvento per l’Aquilina… e allora già che siam lì, tanto vale tirar fuori tutto.

Solo che io son fiscale. Potrei piazzare tutto il piazzabile nel presepe e fregarmene fino alla Befana, ma non ce la faccio. E così finisce che, soprattutto per i primi giorni di dicembre, il nostro presepe sembri una specie di barzelletta… (però cronologicamente correttissima!). Ve lo spiego dall’alto verso il basso (durante le feste, la libreria che abbiamo nell’ingresso diventa il fulcro delle decorazioni… sia per questioni logistiche che di salvaguardia dell’incolumità delle decorazioni stesse [inquiline di altezza dai 105 cm in giù, a due e quattro zampe]). Se vi va, qui trovate l’immagine “panoramica”.

Al primo piano della libreria, la capanna. Dove al momento bivaccano pastore, bue e pecorella. Che del resto son poi i futuri locatori dell’alloggio, e col freddo che fa tanto vale che se lo godano finchè possono.

Al secondo piano della libreria , in una parte di ripiano dove tengo la mia micro-collezione di statuette di draghi (3), l’angelo e Gesù Bambino. E’ vero, faceva più figo quando ancora avevo fuori la collezione di statuette di fate e potevo mettere Gesù in mezzo a loro, mentre l’angelo obeso tentava di confondersi tra le pixies… era un tantino più paradisiaco. Ma non è colpa mia se Stephen King continua a scrivere libri e a me serve altro posto dove metterli, a discapito dei soprammobili… (la libreria dell’ingresso è appunto quella dove teniamo la bibliografia di King). E poi diciamocelo: l’alternativa era la parte sinistra dello stesso ripiano: quella con la mia collezione di statuette di gatti. Con i draghi non ho mai avuto a che fare personalmente, con i gatti sì. Pertanto, conoscendo i gatti, secondo me Gesù Bambino riposa più tranquillo tra i draghi…

Tra l’altro… forse l’avrete già notato: l’Angelo è un “infiltrato”: non faceva parte del set cui appartiene il resto del presepe, lo abbiamo “adottato” successivamente. E insomma, diciamo che si è ambientato bene, dai. Soprattutto, vi assicuro che faceva una figura molto più inquietante nel presepe dei miei (con statuine classicissime e alte al massimo la metà di lui) dove era stato messo all’inizio e da dove lo ho riscattato…

Al terzo piano della libreria ♦ troviamo Giuseppe, Maria e l’asino in cammino verso la capanna. Fermi lì, a pipperare per un po’, che la libreria da attraversare non è quella della biblioteca comunale e se no arrivan troppo presto. Insomma, andar bene manco erano ancora partiti da Nazareth, il 1° dicembre!! O comunque avevano un po’ più di strada da fare rispetto a due ripiani di libreria.

12304452_10207549529316914_2993505165987322043_o

Ed eccovi i tre assenti dall’altra foto di gruppo. Tra i libri di S. King, come scrivevo. Del resto, nessuno ha mai detto che il loro viaggio dovesse essere privo di pericoli…

Al quarto piano , con attaccata sopra la zucca la stella cometa (pure lei in standby temporaneo), i tre Re Magi. E figuratevi prima che inizino a muoversi quelli… avranno un piano in più da farsi, ma devono anche arrivare a destinazione quasi due settimane dopo gli altri!

Sopra tutto, in cima alla libreria , il nostro mitico albero di Natale alto 40 cm. Quello che gli piazzi un pacchetto di fianco e già lo deprimi, perchè il pacchetto spesso è alto quanto lui (l’albero). Ma del resto, è da quando è arrivata la Shunrei in coda e vibrisse che questa è la nostra scelta obbligata… il primo anno l’albero lo avevamo piazzato su uno dei tavolini dell'(allora) salotto. Bene: all’ora di pranzo, quando rientravo dall’ufficio per mangiare, lo tiravo su dal pavimento io. All’ora di cena, quando rientrava per primo il Consorte da lavoro, lo tirava su dal pavimento lui. Già, pare che il nostro albero in quel periodo fosse di salute molto cagionevole: sveniva così di frequente, povero. La soluzione? Spedirlo a soggiornare in “alta montagna” (la cima della libreria), l’aria buona lo ha guarito in un attimo… (sorvoliamo sul fatto che Shunrei fin là non arrivasse più).

Comunque, anche se le decorazioni natalizie qua sono limitate ai primi due metri dell’ingresso di casa, non c’è da preoccuparsi: come già vi ho mostrato in questo post di quasi due anni fa, in salotto l’atmosfera natalizia noi ce l’abbiamo tutto l’anno. Tuttora non passa giorno, infatti, in cui (come nella foto del post) arrivati a sera non sembri che gli artificieri abbiano fatto brillare il sacco di Babbo Natale davanti al nostro divano… 😀 😀

 

 

 

Annunci

9 pensieri su “Addobbi e logistica

  1. Ho passato l’infanzia e la giovinezza con alberi di Natale buttati a terra dal gatto che pensava di essere Tarzan e che i fili colorati fossero delle liane 🙂 !!!!!
    Ora ho un mini alberello con altre cianfrusaglie natalizie tutte su di un ripiano della libreria del soggiorno.
    A proposito
    Buon Natale a te, bimba, marito e mici
    Elisa

    Mi piace

    • Ottimo! Siamo “colleghe di albero”, allora … Del resto, a meno di avere gatti particolarmente educati (o impagliati), è l’unica chance per tutelare quel povero “abete”! 🙂

      Ieri osservavo col Consorte come la locuzione giusta per noi, una volta sistemati i pacchetti, fosse non mettere “i regali sotto l’albero”, bensì “i regali E sotto l’albero”. 😀

      Auguroni di buon Natale anche a te e grazie per la visita (sempre gradita!).

      Mi piace

  2. ahahah origilale il tuo presepio sparso per la libereria. Non ci avevo mai pensato ma potrei anche copiarti l’anno prossimo. Del resto, un tot di riquadri dedicati al Re ce li abbiamo anche noi 🙂
    Buon Natale a tutti :-*

    Mi piace

    • Per la verità, credo che quanto ad originalità poco possa battere il presepe (credo fossi alle elementari) in cui riuscii a sostituire Gesù Bambino con un baby Puffo e mia madre trovò il titolare della mangiatoia posizionato invece sulla carriola gialla dei Lego Duplo, portato a spasso per i pascoli da non ricordo che altro giocattolo. 😀

      Mi piace

  3. quest’anno mi son rifiutata di fare uil presepe (3 giorni per farlo da parte mia e 3 minuti per distruggerlo da parte del primo gatto che riesce a scendere nell’ingresso) di soloito lo faccio quando è a casa mio figlio dato che lui ci tiene(dato che fa il cuoco direi che a natale è ormai improbabile la sua presenza) volevo non fare nemmeno l’albero (di quelli che mettono fuori dai negozi,mafiosamente zavorrato da un vaso pieno di cemento in cui è conficcato il piede) poi mio figlio quando siamo andati a trovarlo l’8 (era il suo ultimo giorno libero prima delle feste) ha intercesso per i gatti i quali dal 9 si divertono follemente a scalarlo

    Mi piace

    • Guarda, per il presepe capisco bene… difatti il nostro oltre ad essere a sviluppo verticale è anche ridotto all’osso quanto a personaggi (però mi piacciono, così “pacioccosi”)! 😉
      Per l’albero, dai che ha avuto ragione tuo figlio: per i gatti è stato di sicuro un bel regalo di Natale! 😀
      Qua non avremmo comunque lo spazio per poter fare un albero degno di tal nome e non della qualifica di bonsai… alla fine tanto vale accontentarci tutti del nostro mignon ad alta quota.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...