Varie ed eventuali di fine estate

Già, sono ancora viva. Nel frattempo è passata quasi tutta l’estate… Cos’è capitato? Niente di particolare. Anzi. Tante cose. Tante cose normali (per fortuna!).

L’Aquilina ha una nuova bicicletta (la vecchia ormai è diventata davvero troppo piccola… in pratica senza essere stata usata) che continua a non voler usare come la precedente, nonostante ci stiamo inventando di tutto per invogliarla/insegnarle. E’ in fase artistico-felina (c’è un gatto in quasi ogni suo disegno. Anzi, “il” gatto: gli ha dato un nome, una famiglia, un’amica…) e quest’estate al Centro Estivo s’è divertita un casino.

Del CRE che ha frequentato quest’anno, oltre al mercoledì mattina fisso in piscina e alle gite settimanali “fuori porta” ho trovato molto carina l’idea delle settimane a tema: musical, olimpiadi, questa settimana cucina. La settimana scorsa era dedicata alla “sicurezza stradale” (sembran minchiate, ma l’Aquilina, 4 anni e mezzo, ha imparato il significato dei segnali di obbligo e di divieto e ora li piazza in maniera coerente – seppur fantasiosa: tipo il cartello di “divieto di accesso ai pulcini” – anche nei suoi disegni. C’è gente che “guida” da 20 anni e mi dà l’idea di non averne ancora un’idea): venerdì a far fare attività ai bimbi ci sono andati anche alcuni agenti della Polizia Stradale. Poi vabbè… stiamo pur sempre parlando di bambini e le priorità son quelle che sono. Nel senso che basta un niente per incantare i pargoli e far passare in terzo piano un’ora di attività educative e spiegazioni. Quando sono andata a prender l’Aquilina e le ho chiesto cosa avessero fatto con i poliziotti la sua risposta è stata “Ci hanno fatto vedere la pistola”.

Il Consorte fa il conto alla rovescia alle ferie “vere”. Cioè, una settimana di ferie l’ha già avuta, ma siamo rimasti a gironzolare qui intorno. La prossima tranche è roba seria: dopo ben 6 anni, andiamo in vacanza (per l’Aquilina è la prima volta). Sempre se ce la facciamo, eh. Che io, più che vietare all’intero parentado (partente e non) di ammalarsi, altro non posso fare, per evitare il cànchero imprevisto dell’ultimo minuto che manda tutto all’aria…

E io? Niente di che. Ho solo ripreso a fare un po’ di cose che erano minimo 5 anni che non facevo più… da prima che l‘Aquilina fosse in viaggio. A dirla così sembra quasi che il 2010 fosse un’altra epoca. Il punto è che probabilmente è davvero così (m’è capitato di rileggere qualche vecchio post e… non so mica se mi ci riconosco).

Ho ripreso a giochicchiare a Shakes & Fidget (scoprendo con piacere l’app per Android, che rende il tutto di una comodità ed elasticità estrema) e, se riusciamo a sistemare qualche magagna con il mio ormai obsoleto PC fisso, forse – udite udite – si riprova pure a giocare a World of Warcraft. Fantascienza, signori. Soprattutto se penso che 4 anni e qualche mese fa sembrava già un miracolo riuscire a guardare una puntata di telefilm intera tra la poppata delle 19 e quella delle 23…

Ho cominciato a rispolverare un po’ il mio inglese e il mio francese. Più per mettermi alla prova (al momento sto seguendo il corso di francese… in lingua inglese. Se arrivo in fondo, provo con spagnolo o tedesco… sempre in inglese) che altro, visto che in previsione del tornare a cercare un lavoro da ottobre (l’idea c’è. Poi vediamo se si realizza e soprattutto quanto sarà antieconomico metterla in pratica) credo proprio che non mi servirà a un tubo, siamo seri. E’ solo che boh… una mezza voglia di tornare a studiare mi era anche venuta (frequentare la biblioteca comunale mi fa male, lo sapevo). Poi ho visto a quanto stanno ora le pure e schiette rette universitarie (triennale + specializzazione, ahahahahhahahahahh, buona questa!) e mi sono detta “Ciccia, la tua occasione l’hai avuta 18 anni fa, decisamente. Il turno di laurearsi per poi andare a fare tutt’altro adesso è dell’Aquilina.

E poi, dopo ben 6 anni e un cambio d’auto nel mezzo, mi sono decisa a riprendere in mano un volante: il Qubo ce l’abbiamo da ottobre 2012 e io finora ci ero salita solo da passeggera. E mi sono resa conto di due cose:

  1. diobono come si guida bene il Qubo (sarà la posizione “alta”, saranno gli specchietti laterali grandi come quelli di un bagno medio, sarà il “culo” che finisce a piombo e quando fai manovra non devi pensare a cosa sporge perchè non sporge niente… che ne so… però si guida bene, aveva ragione il Consorte);
  2. se non avessi passato tutta la vita da passeggera di gente che guida sopra la media (perchè sia mio padre – anche ora che ha 80 anni – che il Consorte hanno una guida “liscissima”, regolare, con manovre “a filo” azzeccate millimetricamente al primo tentativo. Non sembra che parcheggino: sembra che l’appoggino lì, con nonchalance. Fatto!) probabilmente la mia autostima da guidatrice sarebbe molto più alta. Perchè per essere 6 anni che non guidavo… beh, si tratta solo di riprenderci la mano (anzi, il piede).

Insomma, nonostante tutto… forse forse non sono ancora da buttare.

Annunci

6 pensieri su “Varie ed eventuali di fine estate

    • 6 anni non ancora compiuti (mancano un paio di mesi, mi pare)… però sì, in effetti è un tot di tempo e soprattutto sembra un’altra vita (anche se per la verità non mi riconosco anche più in post molto più recenti di quelli iniziali).

      La questione contributiva… lasciamola stare. Sul piatto della bilancia sta dalla parte delle che NON mi incentivano a tornare al lavoro (visto l’andazzo, credo proprio che la pensione non la vedrò mai… e che gli anni di contributi versati, per un motivo o per l’altro, finiranno a ingrassare qualcun altro e non certo nelle mie tasche).

      Mi piace

  1. Brava!
    Sia per le ferie (staccare e cambiare aria serve sempre), sia per il fatto che stai riprendendo a guidare (una mia collega che ora ha un figlio di 12 anni, si sta pentendo molto di aver abbandonato completamente la guida, perchè ora che le serve non si sente più sicura), ma soprattutto… tornate a giocare a WoW!!

    Non sentite il richiamo di Illidan? *Legion intensifies* waaah!
    Sto fangirlando malissimo ultimamente, ma devo dire che la Blizzard sta gestendo questo transito pre-espansione più che egregiamente: bellissimo evento ingame, un giro di vite alle classi ed al lore che sembra al momento più che riuscito, una serie di audiolibri uscita qualche settimana fa per accompagnare all’inizio della nuova espasione, uno scenario ed una quest a tema ingame, un libro su Illidan che Tyrande levati proprio!

    Basta, ora la smetto 😄
    (però se vi capita di dare un’occhiata alle novità, almeno sentitevi gli audiolibri sulla Tomba di Sargeras, si trovano su youtube)

    Mi piace

    • Calma calma… 😀
      Se ce la facciamo (e non è ancora detta) giocheremo comunque soltanto in locale (con l’ADSL pietosa che arriva qui giocare online – in due contemporaneamente, oltretutto – è escluso), oltretutto espansione di Pandaria: già quella è tosta, per il mio computer (classe 2010, porello)!
      Se però pensi che Cataclysm l’ho giocata solo di striscio (e non mi ricordo nemmeno più quanti anni fa), direi che comunque di carne al fuoco ne abbiamo parecchia lo stesso… 😉

      Mi piace

      • Bhè, visto che hai un pc “vetusto” se ti servono consigli informatici non hai che da chiedere 😉 Qualche pezzo in giro si trova ancora a prezzi umani. Altrimenti si può fare un “restyling” con quello che hai con un budget limitato senza stravolgere il mondo intero. Ho rifatto un pc di recente del 2011 e non è neanche venuto male. Scheda grafica nuova (la motherboard aveva già PCI express 4x) e harddisk SSD e giocano fluidamente su AO e affini. Prova a spararmi i dettagli del tuo picciotto e vediam che si può fare 😉

        Mi piace

        • Ti ringrazio tantissimo per l’interessamento, ma il PC fisso non è (più) tra le mie priorità (finanziarie, più che informatiche!).
          Il “problema” è che da quando il Consorte mi ha regalato il portatile cinque anni fa, quello che all’inizio mi sembrava uno sfizio lussuoso (“Oddio, un portatile… e che ci faccio?”)… è pian piano diventato il mio PC principale (il fisso lo sto usando un po’ di più ora che abbiamo ripreso con WoW – sì, nel frattempo ce l’abbiamo fatta! 😀 – ma negli ultimi anni mi capitava di accenderlo sì e no due volte al mese).
          Per farla breve: è molto più probabile che avvenga prima la sostituzione del mio portatile (per morte di quello attuale… che per fortuna gode ancora di ottima salute!) che l’aggiornamento del PC fisso… e magari in quel caso passerò a usare il portatile nuovo (ragionevolmente meglio piazzato dell’assemblato fisso, che è pur sempre del 2010) pure per Wow.

          Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...