Del doman (e della candeggina) non v’è certezza

WhatsApp Image 2017-07-19 at 10.54.13

Agosto 2015: la protagonista del post aveva da poco preso servizio

Rieccomi dopo un altro secolo… stavolta è tutta colpa della mia pigrizia, perchè di cose da raccontare ne ho. Cominciamo dalla fine: a smuovermi dall’inedia è stata una cosa assurda che mi è capitata proprio poco fa.

Che ne dite della maglietta di questa foto? Carina, no? Sì, sì ok: ce ne sono in giro sicuramente di più belle (l’Aquilina stessa ne ha diverse nell’armadio che mi piacciono più di questa), però svolge(va?) egregiamente il suo compito… tra l’altro da ben tre estati (sebbene in questa casa non sia un record, perchè l’Aquilina indossa tuttora anche i calzoni di quella foto… semplicemente ora le arrivano sopra il ginocchio).

Comunque, veniamo al sodo: stamattina metto questa maglietta all’Aquilina per andare al CRE. Quando siamo di sotto, però,  mi accorgo che alla luce del sole sulla schiena ci sono come delle striature giallastre (e una è anche davanti!!)… così torniamo di sopra e gliene faccio mettere un’altra. 

Quando torno a casa, strolgo come provare a pulirla (le mie doti di casalinga sono poco sopra lo zero. Il minimo indispensabile per sopravvivere, diciamo). Visto che in lavatrice c’è già stata e che in fondo è bianca, decido di tentare con le maniere forti: candeggina.

Del resto, se anche si dovesse rovinare, è appunto alla sua terza estate di servizio (può pure andare in pensione), è una taglia 3-4 anni (e l’Aquilina tra 3 mesi e mezzo di anni ne compie 6) e l’abbiamo pigliata al Takko durante i saldi, quindi andar bene è costata 2-3 €: se si rovina, amen.

Premessa: la mia idea di “rovinarsi” era che il disegno si sciogliesse o sbavasse facendo diventare il gatto una sorta di protozoo.

Comunque: metto la maglia nel lavandino, lo riempio d’acqua per metà, aggiungo la candeggina. Nel frattempo mi faccio un pacchetto di cavoli miei, e dopo un quarto d’ora scarso torno per sciacquarla e…

SORPRESA!Maglietta

Il gattino è ancora lì che mi fissa dal fondo del lavabo, per fortuna la mutazione in ameba non è avvenuta. E’ quello che ha intorno, però, che non mi sarei mai aspettata… O__O

Ora è in lavatrice, poi vedremo come ne esce quando sarà asciutta (nelle foto qui sopra è bagnata, ecco perchè si intravede il disegno anche da retro). Perchè alla fine potrebbe anche non essere un brutto effetto (ricorda un po’ le tinture fatte coi nodi. Ho detto “un po’”, eh)…

Però, sinceramente, ho da capire come dannazione un capo bianco messo in candeggina possa diventare “camo” bianco/rosa!!!

Annunci

4 pensieri su “Del doman (e della candeggina) non v’è certezza

  1. Successo anche a me, con magliette ben più “blasonate”. Lavorando in campo automazione mi è stato spiegato da un titolare d’azienda del settore è che quel “colore” è latente nei disegni, e alcuni di questi con detergenti/detersivi “aggressivi” si staccano e vanno a inquinare tutto il resto.
    Comunque nel tuo caso l’effetto non è così male 🙂 Diciamo che come maglietta “da casa” può ancora passare.

    Mi piace

  2. Diciamo che e un colore latente, quindi appare e scompare a piacere. Premetto che prima o poi tornera’ fuori. Da quel che ho visto probabilmente e’ il “fondo” del gattino (per fondo intendo il colore base usato per il gattino, gli altri colori sono stati aggiunti dopo. La stessa tecnica e’ usata per verniciare le macchine. Fa’ durare di piu’ i colori. Idem per la stampa in quadricromia), quindi li sotto dovrebbe essercene un bel po’…
    Comunque con molta probabilita’ in questi anni hai usato solo detersivi “delicati” ed e’ per questo motivo che e saltato fuori ora 😉

    L’esorcismo escludilo, non ha funzionato per me, ma il resto… maglietta da “gioco/casa” e via 😉

    Mi piace

    • Confermo: tra l’Aquilina che è piuttosto brava e non si macchia granchè (la maggior parte delle volte i suoi vestiti li lavo solo per rinfrescarli) ed io che cerco di togliere le eventuali macchie appena riesco senza lasciare che “attecchiscano”, in tre estati questa è stata la prima volta che ho dovuto intervenire su quella maglia in maniera diversa da “prelavaggio con sapone liquido e spazzola da bucato+passaggio in lavatrice col solito detersivo”.
      Vedremo come evolve… in ogni caso la pensione se l’è già guadagnata con onore!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...