Partenza in 1^ classe

E no, stavolta non è semplicemente un “titolo ad effetto”, come è stato invece tre anni fa. Adesso vi spiego come mai. 🙂

L’Aquilina ha iniziato la primaria assolutamente in grandissimo stile… intanto, ad accogliere i nuovi scolari nell’atrio della scuola non c’erano soltanto coordinatrice e maestre. Troppo mainstream, quello son capaci tutti. I bimbi si sono trovati davanti addirittura il Sindaco (accompagnato dall’assessore all’istruzione), che ha augurato a tutti loro un buon inizio di anno scolastico con un breve discorso.

Poi è arrivato il momento di radunare le classi per portarle in aula. Appello e via andare? Ma per favore… annunciato da un lungo fischio è comparso un autentico capostazione in divisa Trenitalia (con paletta e tutto), che ha chiamato i bimbi ad uno ad uno consegnando a ciascuno un lussuoso biglietto di 1^ classe nominativo. Una volta composti tre trenini a coppie di due passeggeri, ogni convoglio si è poi mosso verso la sua destinazione, giungendo in aula in perfetto orario.

A quel punto deposito del bagaglio a mano (lo zaino dell’Aquilina giovedì sera pesava 7 Kg. La proprietaria è tuttora assestata sui 19 e qualcosa, ciabatte comprese. Fortuna che d’ora in poi lo zaino viaggerà molto meno pieno: il grosso del materiale resterà a scuola da lunedì a venerdì. Sebbene, pensando a tutta la roba dell’Aquilina moltiplicata per tutti i 22 scolari, l’unica soluzione che io abbia trovato a come stivare il tutto è un TARDIS parcheggiato a fondo aula), foto di rito, saluti con sventolamento dei biglietti, qualche lacrimuccia (no, io ho tenuto botta…) e poi arrivederci alla mezza.

Circa 3 ore dopo, il responso “a caldo” della mia neo-scolara è stato “Mi sono troppo divertita!” (speriamo che duri così… 😅). Per il resto pare abbiano visto la palestra, conosciuto la cuoca, creato e sistemato i passeggeri nel treno (se ho capito giusto, ognuno dovrebbe aver disegnato sé stesso), giocato in cortile e sembra anche che in bagno ci siano sia il water che la turca (immenso passo avanti rispetto a 33 anni fa: tutte turche. Che odio…). Ah, e ha pure mangiato la merenda (se conoscete i trascorsi dell’Aquilina col cibo, sapete anche che questo è praticamente un evento di per sé).

All’uscita da scuola, oltre a far conoscenza con la mamma di un suo nuovo compagno (una signora che mi è parsa in gambissima fin dalla prima di riunione di una settimana fa… se facesse lei la rappresentante di classe, mi sentirei in una botte di ferro!), ho scambiato anche due chiacchiere con la mamma di A., la compagna dell’Aquilina che è ancora in classe con lei grazie al trasferimento di sezione chiesto dai genitori.

Solo per darvi un’idea più completa dell’assurdità che sto per raccontarvi, specifico che la famiglia di A. è albanese d’origine. Sono “veterani” perché già il figlio maggiore ha frequentato le stesse elementari della sorella (oraè in 2^ media).  Chiacchierando siamo arrivate anche alle “voci” che girano sulla scuola (e che sono in gran parte la causa dell’esodo di cui parlavo nell’ultimo post): stringi stringi, anche se in faccia non te lo dice praticamente nessuno, il fatto che “ci son troppi stranieri”.

Al che le dico: “Guarda, da quando sono uscite le sezioni a me e al Consorte stan capitando delle conversazioni assurde. Mi chiedono come è andata, mi chiedono quanti stranieri ci sono in classe, rispondo… e mi sento chiedere  cosa vogliamo fare adesso, se pensiamo di trasferire l’Aquilina… Ma se volevo mandarla altrove, la iscrivevo altrove a gennaio, giusto?”

E lei: “Non parlarmene. Da quando si è saputo come sono messe le classi, anche a me la stessa cosa, tipo le mie colleghe…”

E quindi a questo punto la questione è: non puoi più pensare (di quelli che ti fanno la solfa scandalizzati/allarmati) “Poveretti, arrivano fin lì…”

No no. Magari, arrivassero “fin lì”… 😂

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...