14 (Quattordici)

WhatsApp Image 2017-08-31 at 10.04.36Che sono i giorni che mancano al debutto dell’Aquilina nella scuola primaria. E non sono tanti. Soprattutto se in pratica non sai ancora una beneamata mazza di niente.

Già… perché non sappiamo ancora in che sezione è finita, con quali maestre (e qui, sinceramente… tanto non ne conosco nessuna, mi cambia ben poco), con che orario (alla fine è stata davvero presa al tempo pieno, oppure all’ultimo la spostano al modulo per ragioni organizzative? E già qui mi cambia un tot…) e  con che compagni della scuola dell’infanzia (e qui cambia all’Aquilina… la richiesta incrociata di restare in classe con la “sua” M.P. sarà stata esaudita?). Pare, forse, probabilmente che domani alle 12 metteranno fuori le classi definitive. Sperem.

Non sappiamo ancora nemmeno cosa le serva di preciso (e quando dico “preciso” lo dico davvero “precisamente”: in altre scuole so che hanno indicato pure marca e modello delle forbici…), visto che la riunione con dirigente e insegnanti è fissata per il 7 settembre alle 18, e in tale occasione dovremmo anche ricevere il listone ufficiale del materiale da procurarci.

Dai poi che un po’ di roba abbiamo già iniziato a prenderla (zaino, astuccio, grembiuli… insomma, quello che bene o male per forza ci vuole), già che la settimana dell’11/9 saremo anche impegnati in un lavoraccio che leverà tempo allo shopping: dobbiamo invertire due stanze di casa tra loro, il salotto e la camera dell’Aquilina.

In pratica le stiamo riportando alla loro destinazione originaria: finora ci avevano fatto comodo così (quando poi non si sapeva neanche “se” ci sarebbe stata un’Aquilina, avere il salotto un po’ più ampio sembrava più logico che tenere quella stanza praticamente inutilizzata), ma adesso è diventato più logico dare più spazio a lei che sta crescendo, sia per studiare in santa pace che per giocare in camera sua.

Non nascondo che è forte pure la speranza di tornare ad avere una parvenza di salotto, senza che sembri che tra la TV e il divano gli artificieri abbiano fatto brillare il sacco di Babbo Natale (perché al momento è lì che, per ragioni di spazio, sta la maggior parte dei giochi). Ora speriamo giusto di riuscire a spostare il divano (un tre posti blocco unico cui non si staccano manco i cuscini… O__O ;)…

Quindi, tutto in alto mare, per questo inizio di anno scolastico? No, dai, tutto no. Perché “quattordici” non è soltanto il titolo di questo post e i giorni che mancano all’inizio della scuola. “Quattordici” è anche qualcos’altro…

Ecco cosa è già pronto: i libri scolastici li abbiamo già in casa (grazie al fatto che sono identici per tutti le sezioni e tutti gli orari)! Un trauma, per me che nel giurassico 1984 in prima (e idem in seconda) elementare avevo IL libro di lettura (testo ministeriale, “Cominciamo”) e IL libro di matematica/logica (testo supplementare fatto comprare dalla maestra, “L’albero dei numeri”). Il sussidiario era una roba “da grandi”, ci avevi a che fare solo dalla terza (quando anche il libro di lettura subiva un’evoluzione e diventava “L’Orsa Maggiore”… e in classe nessuno conosceva ancora Ken il Guerriero, se no sai che figata sarebbe diventato, quel libro?).

Perché un trauma? Beh, perché quelli che vedete in foto sono i (tre) libri di testo dell’Aquilina per la prima elementare (ops, primaria…). E’ vero, presi singolarmente sono sottilini (e sono anche fatti bene, colorati e allegri). Ma sono 14 (quattordici) tra volumi, fascicoli e dispense. E’ molto probabile che siano soltanto paranoie mie (felicissima di fare mea culpa, se sarà così), ma io l’Aquilina a dover gestire 14 libri (più i quaderni) la vedo male… poi si porta a casa quello sbagliato, e per fare i compiti diventiamo deficienti.

Il mio primo incontro con la nostra biblioteca ambulante personale è andato così: a fine agosto, vado in centro per il solito scambio di libri in biblioteca comunale. Già che son lì, decido di provare a fermarmi in cartolibreria – poco distante – per vedere se è arrivato qualcosa (è vero, han detto che avrebbero avvisato loro… ma già che ci passo davanti, tanto vale). E infatti:

Cartolaia: “Due su tre li abbiamo ritirati proprio ieri pomeriggio dal distributore! Vuole che ci mettiamo la copertina colibrì sumisuraiperfigasuperindistruttibile? costa 1 euro e 30 a libro”
Io dico “Massì, conoscendo il soggetto… facciamo le cose per bene” (e penso “Tanto, 2 libri… 2 euro e 60”).
Cartolaia (tornando fuori dal retrobottega con un librino, una sorta di Bibbia-Bignami): “Metto la copertina anche a questo?”
Io dico: “Massì, visto che quelli di religione devono durare 3 anni” (e penso “Vabbè, 3 libri… 3 euro e 90”)

Cinque minuti e… *BRAAamm* (rumore di pila di libri copertinata e poggiata sul bancone)… 3 euro e 90? 9 euro e 10, un rene (per dovere di cronaca: copertine effettivamente perfette)! Ed erano solo “due” dei “tre” libri (il terzo ha poi richiesto l’investimento di altri 7 euro e 80 di copertine. E ci va pure di lusso che alle elementari i libri son gratis…)!! 😀

E niente: io avviso il Consorte, così non può dire che non lo sapeva. Io quando l’Aquilina compirà 13 anni scappo all’estero senza lasciare tracce (se vuol venire anche lui… 😉 ). Non ho il fegato di sapere quanti saranno i libri (attuali) per le superiori…

 

Annunci

A spasso

20597556_10213146059106661_228481436_oQuest’anno non ho avuto modo di reiscrivermi in palestra come l’anno scorso per il corso di Attività Fisica Adattata che tanto ha fatto per il mio disco intervertebrale schiacciato (problemi di orari a parte, ho investito il budget del corso di ginnastica adattata nel vaccino per il meningococco B per l’Aquilina), e ovviamente la mia schiena ne ha approfittato per farmela pagare (probabilmente con la perfida complicità del materasso del nostro letto, che a mio parere mi rema contro… il momento di inchiodamento peggiore è appena mi alzo la mattina, o quando capita di guardare qualcosa sul portatile stando sul letto).

A inizio marzo, non ne potevo più.

Rimuginando su una possibile soluzione a costo zero, mi è venuto in mente che tra le alternative senza effetti collaterali (lo step ormai posso solo sognarmelo…) che mi aveva consigliato il medico c’era anche il camminare per almeno 5 Km al giorno. E che ci vuole? Le gambe le ho, un paio di scarpe da ginnastica pure… una personale “ruota per criceti” anche: il parco comunale è a 200 metri da casa e il viale che lo circonda forma un quadrato di circa 400 metri per lato. Se riesco a fare 3 giri al giorno… beh, dovremmo esserci, no?

20590878_10213146063346767_1810733116_oCosì a fine marzo ho iniziato. E ho iniziato a secco con 3 giri, appunto: non sembrava poi granchè, sulla carta. Sulla carta. Perchè ero talmente fuori allenamento che quei tre giri mi hanno stesa… X-D Roba che il primo giorno, al pomeriggio, è stata un’impresa anche fare due piani di scale per andare a recuperare l’Aquilina a scuola (e la sera avrò letto mezza pagina prima di addormentarmi, perchè ci son restata secca subito).

Però ormai l’impegno l’avevo preso, quindi la mattina dopo rieccomi per altri tre giri. Dopo una decina di giorni, ho provato ad aggiungerne un quarto. Adesso, i giorni in cui non ho troppo da fare, riesco a farne cinque senza problemi (non è che sia chissà che impresa: parliamo di circa 9 Km e una dozzina di migliaia di passi… il problema è solo il tempo, per fare un giro ci metto un quarto d’ora abbondante). E se gli impegni del giorno sono altri, cerco di fare i giri che dovrei fare (ad esempio la solita capatina in biblioteca comunale per scambiare i 5 libri letti con 5 nuovi) lasciando a casa la bicicletta.

Ho anche scoperto di avere preinstallata sul cellulare un’app della Samsung che serve egregiamente da contapassi (e non solo, ma dato che sono pigra non mi son messa a spistolare tutte le funzioni…) e a suo modo fa da incentivo a mantenere l’impegno preso… tutti i mesi parte una “sfida globale” tra tutti gli utenti dell’app, con l’obiettivo di 200.000 passi e tanto di classifica.

20615494_10213146058266640_1713521614_oDa fine marzo non ho perso un grammo (il consumo calorico è una roba deprimente) e i miglioramenti alla schiena sono limitati (il materasso spacca-vertebre contribuisce parecchio… però dopo un quarto d’ora-venti minuti che sono in posizione verticale, effettivamente il male non l’ho più), però ci sono e in qualche modo mi sembra di star meglio in generale, quindi finchè riesco vado avanti. Nel frattempo ascolto musica, mando avanti le missioni di Shakes & Fidget, sbrigo eventuali telefonate, rompo le balle a Perennemente Sloggata su Whatsapp, scatto qualche foto (non capitata di rado di imbattersi anche in qualche scoiattolo)…

E poi incontro gente (e scambio due chiacchiere). C’è un’amica dei miei che abita proprio di fianco al parco, capita di incrociarsi. A volte fanno lo stesso percorso anche alcuni dei miei vicini di casa (o semplicemente leggono un libro su una panchina). Ho incrociato una mia ex collega (eravamo nella stessa ditta intorno al 2000) che stava portando al parco il figlio (caso vuole che entrambe siamo diventate mamme nel 2011… scoperto quando l’Aquilina frequentava un centro giochi, l’anno prima di iniziare la scuola dell’infanzia).

E ci sono anche le persone che  non conosco direttamente, ma che dopo un po’ sembra di conoscere… o che conosci e basta fermandoti a fare due chiacchiere.

Quasi immancabili, almeno una volta a settimana, i Testimoni di Geova (non so che riescano a combinare, soprattutto quando tentano di fermare chi i giri li fa di corsa e con le cuffie nelle orecchie…). All’incirca tanti passeggini o carrozzine quanti deambulatori o sedie a rotelle. Un paio di coppie di coniugi anziani dove lui/lei accompagna lei/lui con problemi di salute… abbastanza da aver bisogno di fare una passeggiata tutti i giorni, ma non troppi da impedirgli/le di farla.

C’è un ex operatore ecologico/ex allenatore di calcio che mi ha attaccato bottone incoraggiandomi a continuare e raccontandomi i suoi progressi (essì, pare che ci sia anche chi riesce a perderci peso… sai mai che prima o poi venga miracolata pure io), m’ha appioppato un soprannome e ora ovunque mi incontri mi saluta con un “Ciao, Grinta!”.

E c’è stata un’arzilla 88 enne (ma solo perchè mi ha detto lei quanti anni aveva… a vederla ne dimostra minimo 15 di meno. Tra l’altro, va tuttora a ballare il liscio…) con cui ho trascorso un’interessante mezz’ora iniziando a chiacchierare di una storica fabbrica che sorgeva accanto al parco e che in questi giorni stanno demolendo (lo stabilimento di produzione è stato trasferito da anni) e passando poi a tutt’altro… scoprendo anche che lei da quasi 50 anni abita nel palazzo accanto al mio (son 13 anni che vivo a 30 metri da lei, mai vista prima).

Insomma, non so per quanto riuscirò ad andare avanti… ma per ora, come soluzione a costo zero per levarsi di casa e muovere il didietro, direi che sta funzionando in modo soddisfacente.

 

Smartphone fantastici e (posti assurdi) dove (ri)trovarli

Saltellando qua e là tra le cose che sono capitate a luglio, ecco qua anche la penultima. Perchè questo luglio sta avendo anche il primato di essere il mese della mia vita che mi ha vista di più a contatto (volente o nolente) con le Forze dell’Ordine… il salto che ho fatto alla Municipale (su consiglio del meccanico, ma sinceramente scettica che potesse essermi utile) per l’incidente avuto con la bici fa il paio con un’altra mattinata trascorsa presso altri loro “colleghi” in divisa. Ecco come mai.

Dal 3 all’8 luglio siam riusciti a tornare in vacanza in Val di Fassa (e prima o poi ce la caverò a raccontarvelo…). Considerando le ore di viaggio, prima di partire ho riesumato il vecchio Galaxy Young che ho dismesso a ottobre: l’ho ripulito di tutte le mie vecchie app, ci ho scaricato alcuni giochini e inserito una SD con le puntate del Gatto con gli Stivali. L’idea era appunto farlo usare all’Aquilina durante il viaggio, se avesse avuto bisogno di distrazioni: è meno ingombrante del tablet e lei lo maneggia meglio.

E infatti durante l’andata un pochino è servito: ha giocato un po’ a Make 7 e visto un episodio del “Gato”. Arrivati in hotel, l’ho tolto dal mio zaino (col cavolo che mi porto in giro quel peso su per i monti) e l’ho riposto nella borsa dove tenevamo anche i caricabatterie, il DS del Consorte, i miei libri e quelli dell’Aquilina, pennarelli & carta per disegnare. Insomma, non è  più uscito di lì per tutta la vacanza.

Per il viaggio di ritorno non è servito: ci siamo fermati al Muse di Trento (spettacolare!!!), lo abbiamo girato per 4 ore e mezza (andando pure un po’ di fretta, verso la fine… non perchè non meritasse, ma perchè il tempo a nostra disposizione si stava esaurendo) e poi da poco dopo Trento fino a Bologna l’Aquilina se l’è dormita tutta per la stanchezza. Per l’oretta residua si è arrangiata coi peluche.

Non l’abbiamo più cercato fino a sabato sera, quando abbiamo disfatto i bagagli. E non l’abbiamo trovato da nessuna parte! Abbiamo rivoltato borse, trolley, pure il Qubo… zero di zero. Tasche degli abiti sporchi manco a parlarne, che tempo un’oretta e (lavanderia a gettoni santa subito! A casa mi ci sarebbero volute minimo 5-6 lavatrici da un’ora) li stavo già stendendo fuori… pur affogato sarebbe venuto fuori.

Telefonata in hotel, zero: rifacendo la camera per i nuovi ospiti non l’hanno trovato.

Il giorno dopo ho recuperato l’imei, l’ho bloccato da remoto e  il lunedì mattina ho vinto una gita fino alla locale caserma dei Carabinieri. Non tanto per il valore del telefono (pagato 89 € oltre tre anni fa!), solo per non rischiare di andare in pesche io se qualcuno lo avesse trovato e deciso di ficcarci una SIM per poi farci robe poco chiare (paranoica? Maybe…).

Ho fatto denuncia di smarrimento (sapevo benissimo dove lo avevo visto/messo l’ultima volta, ma non mi andava di fare denuncia di furto: fossi stata scippata o rapinata, ok. Ma per come sono andate le cose una minima percentuale di dubbio di poterlo aver perso io c’è sempre, è palese. Quindi “facciamo che sono sicura che sia arrivato fino a S. il giorno X, e poi non ne ho saputo più nulla”) e amen.

E ci ho anche messo una pietra sopra.

Otto giorni dopo, invece, ricevo una telefonata dal titolare dell’hotel: ebbene sì, hanno ritrovato il mio famoso telefono smarrito!

La cosa pazzesca è il “dove“: in fondo alla tromba dell’ascensore!!! L’ipotesi è che sia scivolato fuori dalla borsa dov’era mentre portavamo giù i bagagli, e per poi infilatrsi dritto nella fessura (larga un paio di cm) tra la cabina e il pavimento del piano (a far compagnia a svariate schede magnetiche delle stanze e altri oggetti assortiti).

WhatsApp Image 2017-07-26 at 17.19.42Se quella mattina non ci fosse andato il tecnico per la manutenzione annuale, chissà quando sarebbe venuto fuori! E insomma, il titolare mi dice me lo avrebbero infilato in una busta imbottita e rispedito qui a casa… E infatti dopo una settimana eccolo nella mia cassetta delle lettere, redivivo e con il coraggio di funzionare ancora. Che dire, ancora una volta tutto è bene quel che finisce bene!

Chiudo con quella che è stata la chicca della mattinata trascorsa presso i Carabinieri. Allora: che io sia una grammar nazi lo sapete, e che possa essere altrettanto “nazista” a proposito delle nozioni generali che si imparano alle elementari (ops! Primaria, porca paletta… l’Aquilina la comincia a settembre, e arriverà in quinta [secondaria superiore] senza che sua madre si sia ficcata in testa i nuovi nomi dei cicli scolastici, sicuro garantito…) se non lo avete già intuito ve lo confermo subito.

Così, a parte il mio disagio psico-fisico di vedere qualcuno che batte sulla tastiera di un PC usando solo gli indici (la dattilografa che è in me aveva la pelle d’oca. Pregava che ogni tanto il Carabiniere si sbagliasse e gli capitasse di usare il pollice almeno per la barra spaziatrice… So che può sembrare da nevrotici, ma se aveste avuto l’insegnante di Dattilografia che ho avuto io in 1^ ragioneria capireste. Capireste eccome…), quella mattina il top è stato quando siamo arrivati al “dove” fosse stato smarrito il telefono.

Io: “A S., in provincia di Trento. Quando sono arrivata lì ce l’avevo ancora di sicuro”.

Carabiniere: “Provincia di Trento… Trento è TR?”

Io dentro: “😱😱😱😱😭😭😭” / Io fuori, impassibile “No, è TN.

‘namo bene, ‘namo. E più o meno (più meno che più, per dirla tutta) era pure mio coetaneo… 😭

Del doman (e della candeggina) non v’è certezza

WhatsApp Image 2017-07-19 at 10.54.13

Agosto 2015: la protagonista del post aveva da poco preso servizio

Rieccomi dopo un altro secolo… stavolta è tutta colpa della mia pigrizia, perchè di cose da raccontare ne ho. Cominciamo dalla fine: a smuovermi dall’inedia è stata una cosa assurda che mi è capitata proprio poco fa.

Che ne dite della maglietta di questa foto? Carina, no? Sì, sì ok: ce ne sono in giro sicuramente di più belle (l’Aquilina stessa ne ha diverse nell’armadio che mi piacciono più di questa), però svolge(va?) egregiamente il suo compito… tra l’altro da ben tre estati (sebbene in questa casa non sia un record, perchè l’Aquilina indossa tuttora anche i calzoni di quella foto… semplicemente ora le arrivano sopra il ginocchio).

Comunque, veniamo al sodo: stamattina metto questa maglietta all’Aquilina per andare al CRE. Quando siamo di sotto, però,  mi accorgo che alla luce del sole sulla schiena ci sono come delle striature giallastre (e una è anche davanti!!)… così torniamo di sopra e gliene faccio mettere un’altra. 

Quando torno a casa, strolgo come provare a pulirla (le mie doti di casalinga sono poco sopra lo zero. Il minimo indispensabile per sopravvivere, diciamo). Visto che in lavatrice c’è già stata e che in fondo è bianca, decido di tentare con le maniere forti: candeggina.

Del resto, se anche si dovesse rovinare, è appunto alla sua terza estate di servizio (può pure andare in pensione), è una taglia 3-4 anni (e l’Aquilina tra 3 mesi e mezzo di anni ne compie 6) e l’abbiamo pigliata al Takko durante i saldi, quindi andar bene è costata 2-3 €: se si rovina, amen.

Premessa: la mia idea di “rovinarsi” era che il disegno si sciogliesse o sbavasse facendo diventare il gatto una sorta di protozoo.

Comunque: metto la maglia nel lavandino, lo riempio d’acqua per metà, aggiungo la candeggina. Nel frattempo mi faccio un pacchetto di cavoli miei, e dopo un quarto d’ora scarso torno per sciacquarla e…

SORPRESA!Maglietta

Il gattino è ancora lì che mi fissa dal fondo del lavabo, per fortuna la mutazione in ameba non è avvenuta. E’ quello che ha intorno, però, che non mi sarei mai aspettata… O__O

Ora è in lavatrice, poi vedremo come ne esce quando sarà asciutta (nelle foto qui sopra è bagnata, ecco perchè si intravede il disegno anche da retro). Perchè alla fine potrebbe anche non essere un brutto effetto (ricorda un po’ le tinture fatte coi nodi. Ho detto “un po’”, eh)…

Però, sinceramente, ho da capire come dannazione un capo bianco messo in candeggina possa diventare “camo” bianco/rosa!!!

10×10 tag

Alleggerisco un po’ l’atmosfera e approfitto per continuare un tag creato da Oriana del blog I discorsi dell’ ascensore; la nomina mi arriva da Perennemente Sloggata,  che ringrazio per il pensiero e lo spunto!

Iniziamo con il regolamento per per partecipare:

  1. Citare il blogger che ha creato il tag, taggando il suo 10×10 tag (https://oriana75.wordpress.com/2017/05/26/10×10-tag/)
  2. Citare il blogger che ti ha nominato linkando il suo 10×10 tag (https://perennementesloggata.wordpress.com/2017/06/05/tag-10x10tag/)
  3. Semplificare la vita al successivo blogger, scrivendo il link del proprio 10×10 tag (https://gitementali.wordpress.com/2017/06/08/10×10-tag/)
  4. Rispondere alLA DOMANDA
  5. Nominare da 0 a 100 blogger
  6. Usate l’immagine che volete

LA DOMANDA: 

Esclusi i beni primari, quali sono le 10 cose di cui non potresti fare a meno? Perché?

In ordine non troppo casuale, ci provo:

  1. Lo smartphone – Ormai è il mio centro operativo portatile, per quanto fino a neanche due anni fa fossi convinta che un normale cellulare mi fosse più che sufficiente. Invece adesso non potrei più fare a meno della comodità di WhatsApp; dell’immediatezza di poter controllare la posta elettronica dove mi pare; di internet a portata di mano; di foto e filmati che nulla hanno da invidiare alla fotocamera e videocamera di casa, della mia playlist sempre a portata di orecchio; di poter dare un occhio a Shake & Fidget senza avere un PC sotto mano; dell’app della Biblioteca per cercare qualche titolo che mi ha incuriosita e segnarmelo tra i preferiti per il prossimo prestito; di ripassare inglese, francese, spagnolo e giapponese e di provare a infilarmi in zucca qualcosa di tedesco con Duolingo e Memrise… e poi non vado avanti, che ci siam già capiti.
  2. Il WiFi –  Che già da 11 anni ci ha dato la possibilità di navigare in internet senza dover cablare tutta casa… Ora poi che col cambio gestore da febbraio funziona liscio come l’olio, è un paradiso. E poi ovviamente mi serve per risparmiare la connessione dati dello smartphone. 😛 )
  3. 19022467_10212550464777175_1480671585_oUna pila di almeno 10 libri sul comodino, in attesa di essere letti. – Quando iniziano ad essere meno, mi prende tristezza… Ma per fortuna è difficile che succeda: a parte essere “costretta” a rimpiazzare i miei libri letti perchè i miei autori stra-preferiti (se potessi acquistare le nuove uscite di tutti i miei scrittori preferiti, avrei un paio di new entry a settimana, mi sa… solo che tocca limitarsi…) continuano a sfornare, la mia adorata Biblioteca Comunale mi permette il saccheggio a gruppi di 5 volumi per volta.
  4. Il PC portatile – Perchè è vero che con lo smartphone si fanno tante cose, ma personalmente non riesco a farci proprio tutto (ad esempio, scrivere questo post. E’ vero, c’è l’app di WordPress. Ma a scrivere testi lunghi su quello schermino mi viene l’orticaria!). E allora il caro vecchio (ha superato in scioltezza i 6 anni di vita, a febbraio) Asus è assolutamente un must.
  5. Gli auricolari – Perchè è vero che ora ho il mio migliaio di canzoni preferite sempre a portata d’orecchio (una roba da fantascienza, se penso a quando andavo in giro con walkman e musicassette!)… ma senza auricolari servono a poco!
  6. Il microonde – Lo uso da ormai quasi 13 anni in pratica solo per scaldare (il latte della colazione, l’acqua per un té, il cioccolato da sciogliere per una torta, un pasto veloce, il parmigiano grattugiato per fare le cialdine rapidamente…), ma decisamente non potrei più farne a meno.
  7. L’agenda – Perché dei miei tre neuroni fidarsi è bene, ma non fidarsi è ancora meglio. E anche se le cose più importanti me le segno con tanto di promemoria  sonoro anche sul cellulare, non riesco proprio ad eliminare quel libricino portatile che mi appesantisce la borsa: nonostante tutto, mi resta più comodo annotare su carta. Anche per qualche riscontro “storico”, dato che le sto conservando tutte dal 2004… O__O
  8. La matita per sopracciglia – Che, insieme a quella per occhi e al mascara, è poi anche l’unico oggetto di makeup che utilizzo quotidianamente… Però, se senza ombretto e mascara posso anche accettare di uscire (in fondo, gli occhiali mascherano un po’), senza matita per sopracciglia… no, proprio no.
  9. Gli orecchini – Soprattutto da quando l’anno scorso ho scoperto AliExpress e ho praticamente triplicato la mia collezione al costo medio di 1 € al paio. Prima li cambiavo molto di rado, perchè bene o male cascavo sempre sugli stessi a mia disposizione… adesso che ho l’imbarazzo della scelta, invece, è un divertimento variare ogni giorno. 😀
  10. Il bancomat – In pratica, giravo con più contanti addosso quando avevo 13 anni: allora, cercavo di avere sempre intorno alle 12.000 L. nel portafogli (non so perchè 12, ma tant’è). Ora mi capita spesso di girare per anche più di una settimana con meno di 6 €… perchè tutte le volte che posso, preferisco usare “lui” (soprattutto perchè nel totale delle operazioni gratuite sul c/c i prelievi di contanti vengono conteggiati, ma i pagamenti col Pos no… quindi, meno prelievi di contanti facciamo meglio è).

Sarebbe il momento delle nominations… però è da talmente tanto che sono latitante (e anche quando mi capita di sbirciare in giro non delurko mai) che non mi va di chiamare direttamente in causa nessuno. Quindi facciamo così: formalmente opto per 0 nomination. In pratica, chiunque abbia trovato un po’ divertente o interessante questo tag è libero di continuarlo come e dove vuole. 🙂

Genetica (e inettitudine)

Questa mattina ero in Cardiologia all’ospedale per un elettrocardiogramma (nulla di che, nonostante i 4 mesi di assenza non ce la fate a liberarvi di me: si tratta semplicemente del secondo step per poter diventare donatori AVIS). Mi chiamano, entro in ambulatorio e consegno al medico la cartelletta che mi hanno compilato in accettazione. Mi preparo, mi stendo sul lettino, nel mentre lui inserisce i miei dati sulla macchina e a un certo punto mi fa:

“Quanti anni ha?”

“Trentotto”

“Cosa?”

“Trentotto, ancora per quattro mesi”

“Ah… ma allora la data indicata qui è giusta! A vederla gliene avrei dati una ventina…”

“Eh, magari… ormai sono il doppio! Ma sa che capitava pure a mia madre? Ancora quando aveva 70 anni, non gliene davano più di 60. L’unica differenza tra me e lei è che lei non voleva assolutamente dire la sua età perchè «Se ne dimostro meno, lascia che credano che ho quelli», a me invece non interessa dire quanti anni ho perchè tanto la carta d’identità mica la tarocco per omissione…”

“Ahah… Quindi è ereditario”

“Boh, probabile. Io intanto porto a casa i complimenti e ringrazio!”

Le differenze con mia madre, a voler essere sinceri, non si fermano al nascondere o meno la data di nascita. Mia mamma era anche capace di mettersi in piega i capelli, ci teneva a vestirsi bene e sempre in maniera consona all’occasione, non usciva senza rossetto, filo di fondotinta e almeno il mascara, la sera passata di Oil of Olaz prima di dormire.

Io invece affogo nel mio personale Maelstrom composto in parti uguali da:

  1. pigrizia – Per un po’ ho usato la crema idratante la mattina. Poi mi sono stufata. E il rossetto mi sembra una perdita di tempo: prima volta che mangio qualcosa (dato che non usandolo granchè ne ho uno semplicissimo e economicissimo, altro che matt gloss lunga durata e no transfer) è andato. Facciam prima e lo metto giusto per le occasioni importanti. Tipo ai matrimoni, magari fino a fine cerimonia mi dura;
  2. inettitudine – Non ho la minima idea di come si usi un fondotinta e non so usare gli ombretti in polvere: solo qualche anno fa ho imparato a farmi la riga sugli occhi con la matita, prima ombretto liquido o niente. Non sono capace di pettinarmi, se non dando qualche colpo di spazzola e lasciando che i capelli vadano dove credono… indipendentemente dalla lunghezza del taglio. E grazie a Dio ho i capelli lisci.
  3. depressione – Se siete sovrappeso e girate per negozi cercando qualcosa di decente a prezzi umani, sapete di cosa parlo. In pratica, la mia mise abituale è cambiata di quasi niente rispetto a quando avevo 16 anni: jeans (l’ultima gonna l’ho messa quando mi sono sposata, e se dico “ultima” credetemi) e maglietta/maglione. E non sto scherzando… nel senso che ho ancora diversi capi di quel periodo che ancora mi stanno (più decentemente di molti di quelli appesi nei negozi). Giusto ieri mattina mi è venuto in mente che il gilet della Fruit che avevo addosso dovevo averlo preso quando ero fidanzata da poco, tipo nel 1999… ah, e non parliamo del top sottostante. Quello di sicuro ce l’avevo per la gita in Francia del 1996, e già allora non era nuovo di pacca. Ah, in questa terza sezione mettiamoci anche l’orrore per la vita da spiaggia e l’abbrustolirsi al sole: quando capita di doverci andare (l’Aquilina adora il mare), l’unico momento in cui esco dall’ombra è per fare il bagno. E poi un pizzico del punto 1 (pigrizia): protezione 50+ (il solare dell’Aquilina) per tutti e via andare (anche se così mantengo il mio bel colorito cadaverico 12 mesi l’anno: chissene).

Ora, fate un mix di queste tre cose: che può uscirne? Non una alle soglie degli anta (che ormai a quell’età dovresti aver imparato a bardarti in un certo modo): ormai si mettono più in tiro di me le dodicenni per l’interrogazione di Geografia. Non potendo darmi 12 anni, la gente si ferma al primo numero credibile…

Poi ok, un po’ di genetica ci sta. Perchè per dirla tutta, poi, non capitava solo a mia mamma di non dimostrare l’età che aveva.

A mia nonna (materna) ne successe una pure migliore.

Maggio 1981, nonna stava per compiere 73 anni. Venendo a trovarci insieme a mia zia, all’altezza di I. purtroppo hanno avuto un incidente: niente di grave per loro, ma l’Opel di mia zia ha reso l’anima. Sono state portate all’ospedale di I. per i controlli di rito, durante la visita a mia nonna esce uno dei medici e avvicina mia zia:

“Senta, sua madre dice di non aver battuto la testa… però vorremmo fare lo stesso qualche accertamento approfondito, perchè non credo che stia rispondendo a tono, mi sembra molto confusa”

“Oddio, ma in che senso?”

“Le abbiamo fatto le solite domande di valutazione, e continua a insistere di avere 72 anni… ma non è possibile, ne avrà al massimo 55!”

“E’ possibile sì… se non le credete controllate i documenti, è davvero dell’08!” 😀 (per la cronaca, in quel momento mia zia di anni ne aveva quasi 47: il complimento indiretto se l’è beccato pure lei, se alla sua mammina ne stavano attribuendo solo 8 di più…)

E niente.

Se davvero si tratta di genetica ed è ereditario, spero che a suo tempo l’Aquilina mi pagherà almeno una pizza come ringraziamento… 😛

(Buona) scuola

Giovedì scorso l’Aquilina ha affrontato il suo terzo primo giorno di scuola: ultimo anno di scuola dell’infanzia. A pensarci mi viene un po’ di magone. Quindi mi immagino in quali condizioni pietose sarò quando a fine anno avranno la cerimonia di consegna dei diplomini…back-to-school-1622789_640

Premetto che le righe che seguono le scrivo da mamma completamente ignorante (o quasi) di come funzionino le graduatorie, le assegnazioni dei posti, di quali siano le regole che determinano chi e dove va a insegnare nella scuola (pubblica) italiana. Specifico anche che sto riportando cose che mi sono state riferite, questo per dire che se ci sono errori  formali (“Ah, ma i punti per la tal cosa non sono quelli! Ah, ma le graduatorie non si fanno così!”) sono solo farina del mio sacco bucato e dei miei tre neuroni che qualche particolare (giusto) se lo son persi per strada.

Scrivo semplicemente da mamma basita da come possano funzionare (in qualche modo) le cose nonostante una burocrazia farraginosa e un’ottusità impressionante. E specifico che si tratta solo di alcune gocce d’acqua nel mare, perchè basta una ricerchina online (o due chiacchiere in giro) per trovarne secchiate.

Allora: l’Aquilina ha due maestre. Una, A., è la maestra “titolare” di ruolo da anni; l’altra, S., finora non era ancora riuscita ad entrar di ruolo, ma fortunatamente (e per la prima volta nella sua carriera) era riuscita ad insegnare due anni di seguito nella stessa classe proprio con la classe dell’Aquilina. A giugno, però, ci eravamo lasciati come a giugno dell’anno prima: “speriamo di rivederci anche l’anno prossimo”, così finiamo il ciclo scolastico tutti insieme. Perchè il suo contratto terminava, e l’assegnazione è pur sempre un’incognita. Però magari un po’ meno incognita del solito: per l’anno scolastico 2016-2017 S. sarebbe partita come terza in graduatoria, e finalmente sarebbe passata di ruolo… dai che la conferma è quasi sicura!

L’Aquilina giovedì scorso non vedeva l’ora di ritrovare i suoi amici, e anche le maestre A. e S. E io a doverle spiegare che A. sicuramente ci sarebbe stata… mentre per S. non era detto, ma “speriamo proprio di sì” (non per portar sfiga. Solo per tamponare un’eventuale delusione). E per fortuna, arrivate in aula, ecco tutte e due le maestre presenti! 🙂

Sì, ma che Odissea… perchè S. finalmente quest’anno è riuscita ad entrare di ruolo (alla “tenera” età di 36 anni. Intendiamoci: non sto dicendo che sia vecchia… che anzi è più giovane di me. Sto solo dicendo che a 36 anni e dopo non so quanti anni che insegni, magari sarebbe il caso di iniziare ad avere un po’ di certezze lavorative. Magari di avercele anche già da anni). Ma gliel’han fatta sudare: il 30/8 ha avuto la “bella” sorpresa di ritrovarsi sesta in graduatoria invece che terza (quindi con ben meno certezza di poter tornare e finire il ciclo scolastico di mia figlia e dei suoi compagni). S’è trovata davanti tre colleghe che avevano vinto ricorsi al TAR del Lazio (peraltro munite di solo diploma, quando lei per poter entrare nelle graduatorie e insegnare ha dovuto anche laurearsi. Ma qui è la solita “sfiga” di chi nasce dopo, dappertutto: per fare le stesse cose che faceva tuo padre, a te serve minimo un titolo di studio in più. Solo che rispetto a tuo padre hai meno certezze, stipendio peggiore e condizioni di lavoro più ridicole). E già qui, al suo posto mi si sarebbero scassate le coronarie. Ma il buono è che la nomina definitiva (con contratto a termine per ben – udite udite! – 3 anni. Che non sia troppo, eh) l’ha avuta venerdì 10 settembre… no, ma fate pur con calma, eh. Nel frattempo era già una settimana che l’altra maestra stava impostando il lavoro da sola, senza sapere con chi avrebbe collaborato. Aggiungete che nella sezione terza “gemella” (con cui la classe dell’Aquilina fa tantissime attività in comune, da pianificare pure quelle tra le insegnanti) quest’anno han cambiato entrambe le insegnanti (una è andata in pensione, l’altra ha ottenuto il trasferimento vicino a casa) e la cosa si fa divertente.

Dalla maestra S. ne ho saputa un’altra, molto simpatica. La storia di un’insegnante di Cesena con 30 punti in graduatoria (e quindi piuttosto sicura di riuscire quest’anno, finalmente, ad insegnare nella sua città) che s’è vista assegnare invece qui a Faenza (vero, c’è di peggio: 40 km non sono 400) perchè è stata superata in graduatoria da una collega che aveva 4 (quattro, sì) punti. A domanda di spiegazioni le è stato detto che è vero, c’è stato un errore. Ma per sanarlo deve lei fare ricorso, d’ufficio non si può: e, tempi del ricorso a parte (che nel mentre fa in tempo a finire minimo il primo quadrimestre se non l’intero anno scolastico), la spesa pare sia di 2500 € (duemilacinquecento, sì. Vi sembra esagerato? Ammetto che lo sembrava pure a me. Così ho provato a fare una ricerchina con Google, alla vigliacca. E tra i primi risultati ho trovato questo. E in effetti, alla luce dei miei 11 anni come impiegata di studio legale, è purtroppo credibile: il valore di un simile ricorso è per forza “indeterminabile”, non stiamo parlando di una fattura non pagata da 200 €. E di conseguenza gli scaglioni tariffari da applicare per la nota spese… sono alti). Al che ha lasciato perdere e cercherà di avvicinarsi a casa l’anno prossimo.

E comunque, come accennato all’inizio, questi non sono nemmeno due esempi particolarmente scabrosi. Di seguito ne riporto altri due, raccontati da un paio di mamme (tra tante) che fanno parte come me di un folto gruppo su Feisbuk.

Allora: che si iniziasse l’anno scolastico senza avere ancora tutti gli insegnanti assegnati capitava anche ai miei tempi.

Però che il giorno prima delle aperture delle scuole, alla riunione di una scuola dell’infanzia della provincia di Bologna, i genitori dei bimbi che devono iniziare il primo anno scoprissero che giusto un’ora prima era arrivata una circolare della dirigente del relativo istituto comprensivo, che comunicava con rammarico ai genitori dei bimbi delle classi prime che, non potendo ancora definire il corpo insegnante mancante, gli inserimenti dei nuovi alunni sarebbero iniziati “auspicabilmente” nella settimana successiva (il 19? Il 20? Il 23 settembre? E io nel frattempo il pupo come lo gestisco? E l’inserimento quando viene a finire, già che dura tipo due settimane? E al mio datore di lavoro che dico?)… beh, questo sinceramente non succedeva.

Ma del resto c’è pure di peggio: è capitato anche (in un’altra scuola) che, sempre il giorno prima dell’inizio dell’anno scolastico (giornata che ormai porta più sfiga di un venerdì 13), venissero convocate le famiglie di 12 bambini per comunicare loro che era stata decisa l’eliminazione della sezione della scuola dell’infanzia dove erano iscritti e che quindi per i loro figli non c’era più posto (al motto di “E mo’ so’ ca77i vostri, pappappero!”. No, sto scherzando: situazioni del genere fanno arrabbiare anche il personale scolastico, che sicuramente non se ne lava le mani con gioia: le insegnanti sono a loro volta vittime, i presidi hanno semplicemente le mani legate dal sistema).

E io mi chiedo: l’anno scolastico inizia ormai da anni, per legge regionale, il 15 settembre. Non è più come quando andavo a scuola io, che la data variava (di poco, ma variava) ogni anno. Quindi: possibile che non ci sia modo di organizzarsi un po’ per tempo? Possibile doversi ridurre per forza all’ultimo momento (o anche a quello dopo, addirittura)?

Fortuna che queste sono le conseguenze della riforma della “buona scuola”. Fosse stata anche solo quella della “scuola così così” chissà cosa veniva fuori…